Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
mercoledì 2 dicembre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa Lucca come la vorrei  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
La fuggiasca. Angelica racconta

Non appena uscì dalla tana dove aveva trovato rifugio, il gelo pungente le raggrinzì il viso. Era rimasta sola Angelica. Tristemente sola. Drammaticamente isolata e sola. Addirittura forse, fra tutte, era l’unica ad essere sopravvissuta, nonostante fosse la più giovane, la più ingenua, la meno esperta. Probabilmente le altre erano state tutte eliminate, uccise, massacrate, una dopo l’altra, ma chissà, forse qualcuna di loro era riuscita a fuggire scampando al massacro, salvandosi dalla crudele mattanza. Era stanca e debole Angelica. Erano ormai tre giorni che non mangiava e che si sentiva come una preda ferita, inseguita, braccata da un branco di iene. Vagò per ore nel bosco che, in quel tratto, era molto rado, segno inequivocabile che quell’inverno i boscaioli avevano lavorato davvero sodo e bene. Finalmente Angelica, dopo aver imboccato un piccolo sentiero, scorse, nascosta fra la vegetazione, una casa, dove sicuramente qualcuno stava preparando la cena. Infatti, nell’aria arrivava un buon odore di cibo cucinato. Ormai s’era fatto quasi buio quando, d’un tratto, un fascio di luce la investì. Erano i fari di un potente fuoristrada che illuminavano il bosco, dando così vita ad uno strabiliante ammasso di ombre sinistre e malevoli. Per un attimo Angelica rimase stordita, poi, di gran fretta, si nascose dietro un grande albero e, quando quel massiccio quattro ruote motrici, molto simile ad un mezzo militare, si fermò davanti alla casa, essa, incuriosita, si mise ad osservarne gli occupanti. Questi ultimi, non appena scesi dall’automezzo, stavano caricandosi sulle spalle; il primo dei due, una grossa scure a lama larga col manico di legno, l’altro una capiente gerla di vimini. Fu solo in quel momento che Angelica li riconobbe. Si ricordò della descrizione dettagliata che le aveva fatto sua madre di loro soltanto pochi giorni prima di morire, prima di finire uccisa anche lei, come le altre, massacrata, trucidata a colpi furiosi d’ascia ad opera esclusiva di quei due pazzi boscaioli, di quei due autentici macellai pluri-assassini! La sua genitrice l’aveva messa in guardia, le aveva detto che erano stati proprio quei due criminali taglialegna a sterminare pressoché totalmente la loro razza, la loro antichissima stirpe! Subito le si gelò il sangue nelle vene. Frattanto il buio si era impadronito del bosco, cosicché Angelica, avvolta dalle più fitte, profonde e impenetrabili tenebre, non riuscì a vedere più alcunché. Fu proprio in quell’istante che sentì dietro di sé un lieve rumore. Si voltò di colpo! Venne quasi accecata dal bagliore lucente di una torcia elettrica che le illuminò il volto, sul quale si era nuovamente impresso il terrore che all’istante la paralizzò. Fece appena in tempo a vedere un’ascia che sibilava sinistramente nell’aria, dopodiché la sua testa rotolò per terra con un tonfo sordo. Il primo dei due boscaioli che, con un solo colpo, aveva mozzato il capo della loro ennesima vittima, raccolse carinamente da terra quella povera testa grondante sangue tenendola ben stretta per i capelli, quindi la porse gentilmente al proprio compare, il quale la depose con molta cautela e delicatezza, all’interno di una capiente gerla di vimini. Era un altro trofeo, per il momento l’ultimo, da aggiungere alla loro già nutrita collezione di teste di strega, ossia delle teste delle streghe che avevano osato radunarsi per il “Sabba” al cospetto di Satana nei boschi di esclusiva proprietà dei due spaccalegna. Appunto, il Sabba, ossia un convegno notturno di streghe lontano da occhi indiscreti che, solitamente, si svolgeva nelle notti fra il sabato e la domenica. Ebbene sì, in effetti, quell’inverno, i due boscaioli avevano davvero fatto un ottimo lavoro nei propri boschi. Senza dubbio una grande pulizia, sotto ogni punto di vista! I due lasciarono a terra il corpo decapitato della giovane, inesperta e sfortunata strega Angelica. Al più tardi, dopo cena, sarebbero tornati a prelevarlo, mentre l’indomani mattina l’avrebbero fatto a pezzi e messo nel congelatore, in attesa di farne in seguito degli ottimi arrosti in forno. Finalmente, quindi, i due, dopo quella loro grande faticaccia giornaliera, misero piede in casa, naturalmente accompagnati dal loro ultimo e macabro trofeo, una giovane testa tronca dai capelli biondi e lunghi, che presto avrebbe fatto compagnia alle altre teste mutilate, custodite laggiù sotto, in cantina, nel ventre misterioso e nascosto dell’abitazione. E colà, ben alternate ai vini più pregiati, essi potevano comodamente osservare, a qualunque ora del giorno e della notte, quell’orrenda accozzaglia di teste mozze esposte in bella mostra, racchiuse in grandi teche di vetro trasparente, contenenti, ognuna almeno tre teste di strega galleggianti nella formaldeide. Quella sera, i due, avevano un grande appetito e per loro fortuna la cena era bell’e pronta! Infatti, le loro care mogliettine avevano preparato un ottimo stufato di rognone, così incredibilmente buono che risultava impossibile non rimanere colpiti e stregati, dalla bontà di una pietanza tanto gustosa e prelibata. Eh sì, è proprio vero quanto si dice: “Delle streghe e del maiale non si butta via mai nulla!”

Angelica C.

Anonimo - inviato in data 06/02/2013 alle ore 17.50.06 - Questo post ha 6 commenti

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- racconti lucchesi - da Anonimo - inviato in data 08/02/2013 alle ore 17.05.26
a me piace questo blog che da poco frecuento perché ho scoperto che non c'è la solita politica o le cose trite comunali e della provincia, ma in speciale maniera mi è gradito sovrattutto perché ci sono degli adecuati spazzi riservati a varie rubriche tipo questa dei racconti lucchesi che è sempre piena di bei racconti o di poesie. Per fare un esempio tanto, anche questo breve romanzo a me piace molto.
Cucchi M.


---------------------------------------
- fine, rude e possente - da Anonimo - inviato in data 08/02/2013 alle ore 10.01.19
Una delicata forte miscellanea di emozioni. Mi è piaciuta da...morire!

Rebecca


---------------------------------------
- Fiabesca - da Anonimo - inviato in data 07/02/2013 alle ore 20.35.31
streghe, uomini bruti, emozioni. non manca nulla a questa bella fiaba per adulti vaccinati.
Valida, valida, validissima Angelica.

Super Bottom


---------------------------------------
- per @ngelica - da Anonimo - inviato in data 07/02/2013 alle ore 15.28.39
E' un delizioso, seppure insolito thriller, un piccolo racconto ambientato nel mondo della fantasia. Un intreccio accorto di elementi molto bene amalgamati e sciorinati in maniera semplice e precisa, come meglio l'autrice non poteva fare. Sono queste,e molte altre, le doti che più mi piacciono di Angelica.

Plinio.


---------------------------------------
- maschia - da Anonimo - inviato in data 07/02/2013 alle ore 12.00.11
essere maschio non da un valore aggiunto al tema..importante e' essere ammodo nella vita..

Gino f.


---------------------------------------
- cara angelica c. - da Anonimo - inviato in data 07/02/2013 alle ore 10.16.01
questo è un racconto con la 'c.' e si vede.
qualcuno, in un recente post, ha adombrato, anzi si è detto quasi sicuro, che tu sia un maschio.
se fosse vero, che differenza fa?
ciò che conta è quello che sai esprimere e trasmetterci.
io comunque ti immagino donna, giovane, bella, mora, volitiva, anzi tosta, ricca di sentimenti e simpaticissima.
ciao,
pasquino


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it