Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
giovedì 28 ottobre 2021  
  Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa Lucca Curiosa  
  Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Concerto dell’Ensemble di flauti della toscana

Aspettando “Boccherini Open”

In attesa della nuova stagione “Boccherini OPEN”, l’Istituto Musicale “L. Boccherini” continua a proporre una serie di eventi artistici nell’Auditorium in piazza del Suffragio, ad ingresso libero. La giornata di venerdì 15 febbraio 2013 sarà interamente dedicata al flauto traverso, con una masterclass dal titolo “A lezione dal Maestro Filippo Rogai” e un concerto alle ore 17.30 per ensemble di flauti, con la partecipazione di un centinaio di giovani musicisti provenienti da tutta la Toscana. La manifestazione è realizzata infatti dalla Rete Regionale dei Flauti della Toscana, progetto musicale nato nel 2011 dalla collaborazione delle scuole medie ad indirizzo musicale e “adottato” anche dai tre Istituti Musicali della regione (il “Boccherini” di Lucca, il “Mascagni” di Livorno e il “Franci” di Siena). Il gruppo ha già all’attivo diversi concerti anche in sedi prestigiose, come il Teatro La Pergola di Firenze e il Santa Cecilia di Roma, ed esegue partiture originali e brani tratti dal repertorio classico trascritti appositamente per questo numeroso ensemble di flauti. Il programma del concerto lucchese sarà caratterizzato da musiche di Mozart, Debussy, Tchaikovsky, Mura, Bon e Del Grande. Il concerto è ad ingresso libero, per informazioni www.boccherini.it



La RETE Regionale Flauti TOSCANA nasce nell’ottobre 2011 su idea di Federica Baronti, Antonio Barsanti e Gloria Lucchesi attraverso la trasformazione di Flauti, flautini, flautoni (attivo dal 2007) che viene esteso a tutte le classi di flauto delle sezioni musicali delle scuole medie statali, dei Licei e degli istituti di Alta Formazione Musicale della Toscana. Attualmente sono coinvolte oltre 150 persone tra docenti e allievi di 14 scuole medie ad indirizzo musicale, 2 licei e 3 i tre ISSM della Toscana. Hanno suonato per l’Accademia Italiana del Flauto (AIF) al Parco della Musica di Roma con la JuniOrchestra dell’Accademia S. Cecilia di Roma, hanno partecipato a “Flautisti in Festa” organizzato da “Il Trillo” di Firenze e “Associazione Muse eventi musicali”; hanno seguito un corso di T. Wye, organizzato dall’AIF di Roma. Hanno sostenuto l’AIAU e ADISCO e hanno suonato per Abbazia di Spineto, incontri e studi, al Saloncino da Musica della Pergola di Firenze e al Teatro degli Arrischianti di Sarteano. Hanno eseguito prime assolute di A. Anichini, S. Bon, C. J. Boncompagni e A. Mura. Un altro compositore, G. Deraco sta scrivendo per loro. Vigormusic, le Edizioni Il Rossignolo e Emarecords e Onerati SAS collaborano con la Rete. La Rete, insieme agli ISSM della Toscana e la Fondazione Stiftung Kagel-Burghardt, promuove il Progetto Mauricio Kagel che verrà presentato a Flautissimo 2013 al Parco della Musica di Roma nel novembre 2013. Hanno scritto per la Rete: La Nazione, Il corriere di Siena, Reporter, Il Giornale della Musica, FaLaUt, Il Corriere della sera. Hanno inserito il materiale Rete in siti, portali o network: Caterpillar e 28 Minuti di B. Palombelli di Radio Rai due, Musicheria. Net, Comusica.it, Il Comitato Musica del Ministero della Pubblica Istruzione. La Rete Regionale Flauti Toscana non è semplicemente un progetto musicale ma un esempio di collaborazione tra docenti titolari e precari, ragazzi, genitori, musicisti, compositori, negozi specializzati, case costruttrici di flauti, case editrici, case discografiche, grafici, webmasters, scrittori, amanti della musica, fautori del cambiamento; è una iniziativa a “costo zero” (almeno per la pubblica finanza): è un esempio di scuola pubblica attiva e propositiva. I promotori del progetto, infatti, hanno l’ambizione di valorizzare e far riscoprire la scuola aprendo nuove prospettive: una scuola che sia maggiormente proiettata verso l’esterno e che aiuti a rafforzare momenti di collaborazione e relazionalità su diversi livelli. Tutto ciò per far rinascere l’entusiasmo, l’ottimismo, l’energia.

Redazione - inviato in data 12/02/2013 alle ore 11.42.14 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it