Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
mercoledì 27 gennaio 2021  
  Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto & dintorni Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
POESIA 80

Poesia 80.

80 morti,
80 siete,
80 vittime in cielo andrete.

80 cattiveria,
80 codardia,
80 menzogne,
80 villania.

80 grida,
80 spari,
80 vittime sugli altari.

80 viltà,
80 meschinità,
80 volte 80, Dio le punirà.


Dietrich 80 Achtzig

Anonimo - inviato in data 07/01/2014 alle ore 13.20.28 - Questo post ha 7 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- dice sia stato... - da Anonimo - inviato in data 14/01/2014 alle ore 18.53.16
un atto mostruoso, abominevole, indegno, insomma una grandissima vigliaccata.

Corre Voce 80


---------------------------------------
- Prigionieri di guerra disciplina normativa - da Anonimo - inviato in data 08/01/2014 alle ore 9.59.23
Le attuali convenzioni di Ginevra estendono la definizione di militare o omologato tale a qualsiasi elemento in armi, mentre versioni precedenti obbligavano all'impiego di chiari e visibili distintivi o altri elementi di riconoscimento da portare a distanza.
Questa è una delle motivazioni per cui in vari casi i belligeranti non hanno riconosciuto lo status di prigionieri di guerra, bensì di spie o sabotatori, a elementi catturati senza le specifiche indicate.
Le convenzioni che hanno regolato e tuttora regolano la materia, pur con modifiche occorse negli anni, concedono al prigioniero di guerra alcuni diritti fondamentali, come quello all'alimentazione, alle cure sanitarie, e alla fuga. Il prigioniero di guerra, infatti, ha diritto di tentare la fuga e di impegnare quante più forze possibile del nemico per la sua cattura.
Gli ufficiali sono esentati dal lavoro manuale, mentre soldati e graduati di truppa possono essere obbligati al lavoro manuale forzato.


---------------------------------------
- i prigionieri sono sacri - da Anonimo - inviato in data 08/01/2014 alle ore 9.35.21
Non si fa rappresaglia con i prigionieri, non si fa una strage, una mattanza di prigionieri e chiunque l'abbia commessa, tedesco o partigiano, farà i conti con la propria coscienza, con se stesso, e con qualcuno più in alto di tutti, ma soprattutto vivrà sempre col rimorso per aver commesso un'atrocità ed una efferatezza senza eguali.

Vegan


---------------------------------------
- Occhio per occhio.... - da Anonimo - inviato in data 08/01/2014 alle ore 8.58.27
Di fronte alla decimazione, in guerra si risponde così.
Ineccepibile.
L'unico insegnamento di tutto ciò è questo: non fare la guerra.

LA


---------------------------------------
- 450 - da Anonimo - inviato in data 07/01/2014 alle ore 18.30.59
E ne voleva altri 450 er toscano..


Le geste esecrable


---------------------------------------
- Pattuglie italiane VS Pattuglie tedesche - da Anonimo - inviato in data 07/01/2014 alle ore 16.57.23
poi qualcuno più tardi perse la ragione e .. ta-ta-ta-ta-ta-ta-ta-ta-ta-ta-ta ......

e morti inutili si aggiunsero ad altre inutili morti.


DuBois





---------------------------------------
- .. - da Anonimo - inviato in data 07/01/2014 alle ore 14.11.01
ottanta voglia di piangere in ricordo dei poveri giovani massacrati

81 esimo


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it