Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 25 ottobre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Le fedeli compagne di Ubaldo

Le fedeli compagne di Ubaldo - Racconto di pura fantasia

Nel mio mini appartamento ho la fortuna di convivere con delle compagne davvero uniche e perfette, ma soprattutto fedeli. Loro mi fanno dimenticare la mia vecchiaia inoltrata e soprattutto la solitudine, ovvero la mancanza di affetti umani. Come già sapete sono vedovo, disgraziatamente non ho figli, né tantomeno dei parenti stretti che, caso mai ci fossero stati, avrebbero potuto darmi un po’ d’affetto e una mano d’aiuto per togliermi da questo mio forzato isolamento. Ma la mia unica e vera consolazione è che nonostante le mie malattie e i vari acciacchi, riesco comunque ad essere del tutto autosufficiente e quindi ad evitare ricoveri in ospedale o in case di riposo e similari. Vi dicevo delle mie esclusive e incomparabili compagne, ebbene per prima cosa ho Amelia, la mia piccola bambola, con la quale scambio tante interessanti conversazioni, e con cui passeggio abbracciato per le strade, le poche volte che usciamo di casa a prendere una boccata d’aria in barba alla gente che il più delle volte vedendoci ci deride. Ma poi con me, vivono tre bellissime gatte, tre creaturine davvero incantevoli, una bella combriccola di amiche fedeli che ruzzano per la casa, saltano in cima agli armadi, si arrotano le unghie sul divanetto o sulla poltroncina del mio piccolo tinello e in ogni dove. Delle mie tre gattine, due hanno poco più di un paio di anni ciascuna, si chiamano Tigre e Rampichina, mentre l’altra gattina, molto anziana, lei davvero salta poco, ha già diciotto anni e si chiama Puffetta. Ma queste tre piccole feline sono molto diverse dagli altri comuni gatti. Esse capiscono tutto ciò che dico, e se io sono contento, loro ridono con me di gioia, e se invece sto male, ho la febbre o sono triste o comunque non sono di buon umore, esse piangono come dei bambini. Le mie tre amichette sono tutte gatte trovatelle che nottetempo ho raccolto per le strade. Puffetta, la prima, la rivenni ferita dentro ad un cassonetto dell’immondizia attirato dal suo pianto disperato. All’epoca Puffetta avrà avuto sì e no tre mesi. Anche le altre due, quando le trovai, circa un annetto fa, erano ridotte davvero male, erano tutte spelacchiate, bagnate e intirizzite dal freddo. Io le ho curate, le ho custodite e coccolate amorevolmente e, pian pianino, tutte e tre sono cresciute, si sono rimpellicciate e vivono tranquille e beate assieme a me, in compagnia del povero vecchio Ubaldo. Dato che, come ho già detto, sono un uomo tremendamente solo, queste tre gatte mi fanno tantissima compagnia e se non avessi loro e Amelia, e se non avessi la mia piccola serra fiorita sul balcone, la mia vita non sarebbe più la stessa, anzi, non sarebbe più vita, sarebbe soltanto un’indicibile tortura. La notte, prima di andare a letto, dopo aver guardato la Tv, tra parentesi loro amano i documentari sugli animali, tutti assieme diciamo le preghierine, poi le tre micette mi danno la buonanotte e se ne vanno a dormire nelle loro tre piccole brandine. La mattina quando mi sveglio esse saltano sul mio lettuccio, mi danno il buongiorno, fanno le fusa e mi aiutano a vestirmi. Poi, mi preparano la colazione, mi aiutano a pelare le patate, a tagliuzzare le verdure e ad impanare e a friggere le bracioline, ne vanno pazze, ne sono davvero ghiotte! Insomma ogni giorno mi aiutano a cucinare qualcosa di buono e naturalmente a pulire e rassettare la casa, ma poi troviamo anche il tempo di giocare, spesso con una pallina di gomma che faccio scorrere velocemente sul pavimento, e loro subito la catturano e me la riportano e così via fino a quando non siamo tutti stanchi e ci mettiamo a leggere qualcosa. Spesso le prendo in braccio, anche a due per volta, e mentre le stringo a me, appoggiando le mie guance sulle loro graziose testoline, mi sembra di abbracciare i bambini che avrei tanto voluto avere, ma che il buon Dio decise di non regalare a me e alla mia amata, adorate e ormai defunta moglie. Comunque sia, io debbo tutto a loro, infatti, é solo grazie a queste mie tre graziose micette, alla mia amata bambolina Amelia e alla mia piccola e meravigliosa serra di fiori canterini, che ogni giorno, grazie alla loro affettuosa compagnia, mi sento sereno e felice e trovo la forza e il coraggio di andare avanti finché Dio vorrà.

RIKKARDO

Anonimo - inviato in data 11/02/2014 alle ore 10.07.44 - Questo post ha 7 commenti

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Ubaldo - da Anonimo - inviato in data 11/02/2014 alle ore 23.01.28
Ottimo racconto, minuti spesi bene per leggerlo. Bravo Rik.

Gino A.


---------------------------------------
- Le compagne - da Anonimo - inviato in data 11/02/2014 alle ore 18.59.47
Trovo anch’io molto carino questo racconto per la sua semplicità e per il modo candido con cui è stato narrato. Ho letto altri tuoi racconti, caro Rickardo e devo dire che mi sono piaciuti tutti. Fioremma.

Ps- x Direzione
E' la terza volta che provo ad inviare questo commento, ma pur facendo tutto bene le volte precedenti dava errore e credo che non siano partiti i suddetti.


---------------------------------------
- Le compagne - da Anonimo - inviato in data 11/02/2014 alle ore 18.57.17
Trovo anch’io molto carino questo racconto per la sua semplicità e per il modo candido con cui è stato narrato. Ho letto altri tuoi racconti, caro Rickardo e devo dire che mi sono piaciuti tutti. Fioremma


---------------------------------------
- le compagne - da Anonimo - inviato in data 11/02/2014 alle ore 18.49.48
E' vero è un racconto molto carino e godibile per la sua semplicità e per la maniera di esporre il tutto in modo tanto candido. Ho letto con piacere anche altri tuoi racconti su questo blog, caro Rickardo, e devo dire che sono altrettanto belli. Fioremma



---------------------------------------
- racconto - da Anonimo - inviato in data 11/02/2014 alle ore 15.17.36
Anche se il racconto è immaginario è molto bello e fa bene leggere questa storia di veri sentimenti.

Marisa Altignotti


---------------------------------------
- le fedeli compagne - da Anonimo - inviato in data 11/02/2014 alle ore 14.01.40
questo racconto è scritto come fosse vero e mi piace molto. E' positivo e pieno di umanità. Nel breve tempo in cui l'ho letto mi è parso di capire che un angelo custode protegga quella casa e chi ci abita.


---------------------------------------
- Senza parole, - da Anonimo - inviato in data 11/02/2014 alle ore 12.37.08
Può sembrare ovvio e scontato ma è proprio così, sono rimasto senza parole nel leggere questo racconto di vero amore. L’amore di un vecchio che mi fa fatto percepire il suo mondo, la visione della sua realtà, tanto virtuale, quanto magica. Sì, mi sono veramente emozionato leggendo questo racconto d’amore perché è di amore che si alimenta, che si nutre grazie a questo grande sentimento.
Auguro ad Ubaldo, l’interprete di questo bel racconto che un amore così bello duri per sempre.

Morg@n


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it