Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
mercoledì 2 dicembre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa Lucca come la vorrei  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Povero per colpa della crisi e ladro per necessità

Lucca friggeva sotto il sole. Sulle facciate di molte abitazioni le imposte erano quasi tutte serrate nel vano tentativo di creare un po’ di refrigerio. Sulla circonvallazione, a causa dei soliti lavori in corso, il traffico procedeva molto lentamente, direi a passo di lumaca. Alla fine, quando arrivai davanti al mio obiettivo, avevo accumulato almeno venti - venticinque minuti di ritardo sulla tabella di marcia. Ebbene sì, lo confesso, adesso che facevo parte della nuova categoria emergente dei nuovi poveri, io ero diventato un ladro, tutta colpa della crisi che mi aveva fatto perdere il lavoro. La fabbrica dove svolgevo le mie mansioni era fallita, e così, a quarant’anni suonati, con moglie e due figli minori da mantenere, due gemelli bellissimi, e non avendo più una fonte di reddito, mi restavano solo due scelte da fare, o suicidarmi, dandomi fuoco, oppure mettermi a rubare per poter mangiare. Scelsi la seconda soluzione, la più pratica, però almeno io rubavo soltanto per vivere, e l’avevo pure detto in confessione al bravo parroco della mia parrocchia, e lui mi aveva risposto che rubare per fame non era peccato e così mi aveva assolto. Che culo che avevo! Dunque, prima di giudicarmi e poi di sputarmi in faccia le vostre condanne, o i vostri vari ed eventuali lazzi e tricche ballacche, che diamine, almeno fatemi finire! Dunque, ero arrivato alla meta dopo aver percorso una strada che si inerpicava in una zona abbastanza impervia che costeggiava una macchia di arbusti e una fitta boscaglia di castagni. Mi avvicinai alla chiesa che stava lassù, in alto, leggermente distaccata dal paese. Vicino ad essa c’era la canonica, dove abitava il parroco di quel piccolo paese collinare a pochi chilometri da Lucca. In quel preciso momento quasi tutto il paese era a messa, ed ovviamente il rito liturgico veniva officiato dal parroco di quel grazioso borgo. Pertanto avevo campo libero, potevo tranquillamente introdurmi nella casa del prete approfittando della sua assenza per agire indisturbato ed arraffare i soldi raccolti durante le sante messe degli ultimi fine settimana, grazie alle donazioni dei parrocchiani. Da una soffiata amica, avevo saputo che il parroco versava in banca tutto il ricavato delle offerte il primo lunedì di ogni mese. Non per nulla avevo scelto proprio quella domenica lì. Forzai la porta con un piede di porco. Entrai. Andai a colpo sicuro verso la scrivania del parroco che era posta nello studiolo vicino alla cucina. Trovai il malloppo racchiuso in una busta nel primo cassetto della scrivania. Fuori dalla busta c’era scritto: trecentoventicinque euro! Il cuore mi batteva a mille. Afferrai la busta e subito me la misi in tasca pensando tra me e me: grazie a Dio per almeno una quindicina di giorni io e la mia famiglia non soffriremo la fame. Non feci nemmeno in tempo a pensare quella frase che mi si gelò il sangue. Mi girai! Il Parroco era lì, di fronte a me. Accidenti a quel mio maledetto e fottuto ritardo! La messa era già finita, ma io non potevo andarmene in pace! E poi lui no, no e proprio no e assolutamente no! Non era il buon Don Matteo di Rai Uno, quello che benedice e perdona tutti, ladri e assassini compresi! Morale della favola dopo una trentina di minuti ero già seduto all’interno di una volante della questura che mi stava portando al commissariato. E per fortuna che rubare per fame non era peccato! Evidentemente non era così per tutti i sacerdoti. Quello della mia parrocchia era una specie di mosca bianca, un sacerdote che, rispetto ai propri colleghi, era ricco di rarissime doti umane, era compassionevole nei confronti dei vinti e comprensivo e ricco d’amore e di carità per il prossimo. E così attualmente sto scontando la mia prima pena in carcere, ma almeno qui posso mangiare tutti giorni a gratisse. Ah, dimenticavo! Nel frattempo mia moglie ha trovato un lavoro come badante ad una signora molto anziana, così potrà mangiare pure lei ed i nostri adorati bambini. Ma certo! Bravi! Avete indovinato! E’ stato proprio Don P., il parroco della nostra parrocchia che ha trovato quel buon lavoro a mia moglie, ed è proprio lui che devo ringraziare di cuore per tutto ciò che ha fatto, che fa e che farà, per tutti quelli come me che oramai appartengono, di fatto, alla nuova classe emergente dei nuovi poveri.

El Chapo


Anonimo - inviato in data 03/03/2014 alle ore 14.16.18 - Questo post ha 4 commenti

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Povero per colpa della crisi e ladro per necessità - da Anonimo - inviato in data 03/03/2014 alle ore 21.54.04
Il finale di questa storia moderna è pacifico e nello stesso tempo una sorpresa, tutto tranne che un finale scontato, ma è anche un epilogo naturale perché in fondo una vicenda come questa non poteva che finire così, ed è questo il bello di questa eccellente storia.

---------------------------------------
- Nuovi poveri - da Anonimo - inviato in data 03/03/2014 alle ore 19.10.36
Ogni giorno uno o più suicidi per debiti, tasse, vessazioni varie e siamo ancora nel G8 mi pare. Se andiamo avanti così diventeremo tutti poveri e così saranno i ricchi a suicidarsi.

Detto questo dico che comunque questo racconto mi è piaciuto perché ha messo in evidenza ciò che sta accadendo in Italia al giorno d'oggi.

Il Facilitatore


---------------------------------------
- ottimo - da Anonimo - inviato in data 03/03/2014 alle ore 16.21.50
neorealismo lucchese..

alla faccia di chi dice che questo blog non ha cultura



jonni k


---------------------------------------
- Plauso - da Anonimo - inviato in data 03/03/2014 alle ore 15.56.48
Batto le mani a questo bel racconto ed esprimo il mio alto elogio all'autore.




---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it