Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
venerdì 1 luglio 2016  
  Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Garfagnana In-Decoro cittadino La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa LuccAffari Mediavalle  
  Politica Racconti Lucchesi Religioni Satira Società Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni Web & dintorni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Immigrati sequestrano ragazzi: 'Credete in Dio o in Allah?' Poi sparano in aria

Secondo il racconto dei ragazzi, di età compresa tra i 16 e i 17 anni, dopo aver mangiato una pizza martedì sera, alla vigilia dell'Epifania, stavano rientrando a piedi a casa intorno alle 23.30. A quel punto una banda di immigrati, sei persone una delle quali armata di pistola, li ha sequestrati e minacciati più volte. Dopo alcuni istanti di tensione, uno dei magrebini ha sparato in aria un colpo di pistola, chiedendo loro: 'Credete in Dio o in Allah?'. Una frase che ricorda drammaticamente le domande poste dai nazisti agli ebrei prima di trucidarli.

Dopo il primo colpo di arma da fuoco, gli stranieri hanno intimato i giovani italiani a radunarsi in gruppo e a mettersi in riga. Poi uno alla volta, puntantogli l'arma addosso, uno deigli immigrati ha ripetuto la domanda iniziale: 'Credi in Dio o in Allah?'. Le risposte, precisa il quotidiano locale Il Resto del Carlino, sono state sempre le stesse: 'Non crediamo in nulla'. E di nuovo gli immigrati hanno rivolto ai ragazzini minacce e offese a sfondo religioso.

Alla fine i 16enni sono stati liberati dagli immigrati. I quali, forse per evitare problemi con la giustizia, avrebbero detto che si trattava di uno scherzo. Poi però hanno sparato in aria altri due colpi di pistola.

Due giorni dopo, alcuni dei giovani, ancora terrorizzati, sono stati accompagnati dai genitori a sporgere denuncia ai carabinieri. Le indagini sono in corso. Il racconto dei ragazzi, comunque, coincide tra loro. Cosa che fa pensare che quanto successo sia vero, non ci sono contraddizioni evidenti. Confermati colpi di pistola e la domanda su Dio e Allah.

'Mio figlio era terrorizzato – ha detto una delle mamme al Carlino– ma prima di sporgere denuncia abbiamo preferito parlare anche con gli altri genitori: la cosa era troppo delicata per andare avanti in ordine sparso'.


IL GIORNALE

Anonimo - inviato in data 08/01/2016 alle ore 14.32.38 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Loading
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 01835240464
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it