Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
lunedì 25 luglio 2016  
  Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Garfagnana In-Decoro cittadino La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa LuccAffari Mediavalle  
  Politica Racconti Lucchesi Religioni Satira Società Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni Web & dintorni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Lucca, una Capitale: La riqualificazione dei paesi, delle frazioni e dei quartieri

La riqualificazione dei paesi, delle frazioni e dei quartieri è una esigenza prioritaria perchè sono stati abbandonati a se stessi da quattro anni, come ammesso dallo stesso Sindaco Tambellini.
Anche l'abolizione dei Consigli di Circoscrizione ha portato danni, pur essendo diventati negli ultimi anni prevalentemente dei piccoli consessi politici.
Cosa propongono i Riformisti lucchesi, per ribaltare questa situazione di degrado?
I Referenti del Territorio: Il nuovo Sindaco, che contribuiremo ad eleggere, dovrà nominare per ogni paese, frazioni e quartiere, un suo Referente.
Una persona di sua fiducia, che sia i suoi orecchi e i suoi occhi su quel territorio. Una figura conosciuta che voglia svolgere questa sua funzione di Referente del Sindaco, a titolo completamente gratuito, per solo spirito di servizio al suo territorio e ai suoi concittadini.
I Referenti del Territorio, si rapporteranno al Sindaco, ma anche agli Assessori per segnalare i problemi più urgenti, le mancanze del proprio territorio, mantenendo rapporti costanti con i propri concittadini. Essere Referente di un territorio dovrà essere un titolo di merito e di rispetto.
La Scheda delle necessità. Per ogni paese, frazione e quartiere, dovrà essere compilata ogni anno, con l'aiuto dei Referenti e delle Associazioni locali, una Scheda dei problemi aperti e delle cose da fare su quel territorio. Questa Scheda dovrà essere approvata ogni anno da una assemblea degli abitanti interessati che potrà anche proporre le priorità più urgenti.
Associazionismo: Prioritario sarà intervenire a sostegno di quelle Associazioni e Comitati che già agiscono nelle frazioni o nei paesi per la propria collettività o in quelli che si costituiranno. Dare un sostegno a queste attività di volontariato con persone che conoscono bene i problemi e le soluzioni per migliorare il proprio territorio vuol dire spendere meno e agire più velocemente per la soluzione. Pensiamo al Comitato paesano di Aquilea, del Piaggione e molti altri, al Comitato del Castello di Nozzano, ai Gruppi Frates dei donatori di sangue, al Comitato del Quartiere Giardino e di altri.
Parrocchie: da Laici come siamo riteniamo che la funzione sociale e di sensibilizzazione dei problemi del territorio trovino riscontro e possibilità di intervento anche nelle Parrocchie del territorio, sopratutto quelle dei paesi. Rapportarsi con queste vuol dire approfondire e conoscere meglio le reali esigenze del territorio ed un aiuto ad intervenire per risolvere i problemi.
I Paesi e le frazioni lontane dal centro storico: tanti i problemi da affrontare, vogliamo solo qui ricordare il maggior problema comune a tutti che è la mobilità verso il centro storico e gli altri comuni del circondario, per andare a lavoro. Nel recente passato abbiamo distrutto un collegamento veloce ed economico che i nostri avi avevano faticosamente realizzato: Le linee tranviarie che collegavano le frazioni più lontane alla città e fra loro. I tram erano una grande soluzione del problema, che ormai tutti i grandi centri urbani italiani ed europei stanno nuovamente valorizzando e ricostruendo. Credo che in questa direzione, assai difficile invero, dovremo ritornare, gradualmente, se non vogliamo condannare i nostri concittadini a passare buona parte del proprio tempo su Bus e Navette bloccate nel traffico o continuare a costruire strade sempre più grandi. Credo che potremmo iniziare dalla direttrice Lucca-Ponte a Moriano utilizzando i binari poco frequentati della Lucca Aulla per un servizio di tranvia veloce che tocchi le stazioni di Piaggione, Ponte a Moriano, San Pietro a Vico, adeguando i parcheggi auto limitrofi..
I Grandi Quartieri, vicini alla città: Sant'Anna, San Donato, San Concordio, Giannotti, San Marco, San Vito, San Filippo, Arancio. I problemi di questi enormi dormitori sono certamente più complicati da affrontare, anche qui ne indichiamo uno urgente: completare un sistema di viabilità ciclabile protetta, che consenta un collegamento veloce e sicuro con un mezzo, la bici, che fa parte della nostra tradizione, ma che deve essere ripresa senza rischiare di essere travolti da Tir e auto. Ogni quartiere a suoi problemi che andranno affrontati singolarmente con priorità che possono essere diverse.

francesco colucci x riformisti lucca

Redazione - inviato in data 17/01/2016 alle ore 10.22.58 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Loading
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 01835240464
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it