Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
martedì 28 giugno 2016  
  Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Garfagnana In-Decoro cittadino La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa LuccAffari Mediavalle  
  Politica Racconti Lucchesi Religioni Satira Società Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni Web & dintorni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
L'Iman di Colonia.

Questo cretino patentato, con il cervello invasato di islam, ha detto che la colpa è delle donne, per i fatti di Colonia, hanno messo il profumo e avevano la minigonna. Caro Iman dei miei stivali, non ti devi dimenticare che vivi in Europa, non nel medio evo arabo o magredino, qui le donne sono libere di vestire come vogliono, di profumarsi e di essere libere da vincoli religiosi, senza sottostare alle regole medievali di una religione incompatibile con la società moderna, se questo non ti sta bene, puoi prendere il primo aereo e tornare al tuo paese, anzi, dipendesse da me, ti prenderei a forza e ti spedirei in uno stato con legge coranica, li sei libero di fare certe affermazioni. Tu sei ospite e come ospite deve accettare le cose come sono, difendere quella massa di incivili, che aggrediscono le donne, come fossero oggetti del loro divertimento. Troppo buoni in Europa, troppo tolleranti, non vogliamo morire musulmani.

Anonimo - inviato in data 22/01/2016 alle ore 12.43.31 - Questo post ha 6 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- zzi vostri - da Anonimo - inviato in data 23/01/2016 alle ore 21.31.51
Gli leccate il culo all'islam?


Ecco il risultato per voi comunisti.

Saluti

Diversamente comunista


---------------------------------------
- SHARIA - da Anonimo - inviato in data 23/01/2016 alle ore 19.06.06
Ai ladri loro tagliano la mano, agli stupratori cosa taglieranno?
IO


---------------------------------------
- L'imam di Colonia... - da Anonimo - inviato in data 23/01/2016 alle ore 11.00.05
...fa bene a prendervi per il culo più che può.

Voi ve lo siete portato in casa, lo avete coccolato e vezzeggiato, e ora ve lo puppate così com'è, bambori.

E' la multiculturalità, bellezza.


---------------------------------------
- DELITTO D'ONORE - da Anonimo - inviato in data 23/01/2016 alle ore 2.37.30
Ma vi prego, non scomodate il medio evo! In Italia la seguente era NORMA DI LEGGE fino al 1981:

Codice Penale, art. 587
Chiunque cagiona la morte del coniuge, della figlia o della sorella, nell'atto in cui ne scopre la illegittima relazione carnale e nello stato d'ira determinato dall'offesa recata all'onor suo o della famiglia, è punito con la reclusione da tre a sette anni. Alla stessa pena soggiace chi, nelle dette circostanze, cagiona la morte della persona che sia in illegittima relazione carnale col coniuge, con la figlia o con la sorella


Avevamo poi istituti quali il matrimonio riparatore (anche quello, vado a mente, abolito nel 1981), per cui, se un uomo violentava una donna ed essa accettava il matrimonio riparatore il reato si estingueva. Penso qui vada ricordata la Signora Franca Viola e penso qualcuno abbia visto il film dii Damiani con Ornella Muti.

Ecco l'articolo 544 del Codice Rocco:

Per i delitti preveduti dal capo primo e dall'articolo 530, il matrimonio, che l'autore del reato contragga con la persona offesa, estingue il reato, anche riguardo a coloro che sono concorsi nel reato medesimo; e, se vi è stata condanna, ne cessano l'esecuzione e gli effetti penali.

Infine avevamo anche lo splendido art. 559 del codice penale che qui riporto:

La moglie adultera è punita con la reclusione fino a un anno. Con la stessa pena è punito il correo dell'adultera. La pena è della reclusione fino a due anni nel caso di relazione adulterina. Il delitto è punibile a querela del marito.


Si noti che il marito che tradiva la moglie non commetteva reato, mentre la moglie che tradiva il marito si beccava da uno a due anni insieme all'amante, reo di aver toccato la cosa d'altri. Solo nel 1969 l'aericolo fu dichiarato incostituzionale.

Non so se i musulmani cambieranno come siamo cambiati noi, ma noi eravamo simili a loro, non nel medio evo, ma fino a pochi decenni fa.



---------------------------------------
- La prova provata... - da Anonimo - inviato in data 22/01/2016 alle ore 16.24.37
Sarà pure uno, ma è la prova provata della fant-asmatica filosofia d''integrazione' nella testolina di quattro amministratori pubblici.
Al pari della famosissima 'esportazione' della democrazia in Libia!
Nelle stanze dei bottoni si stanno apprestando tempi bui,
anche dal punto di vista 'fisico' (aumento di malattie scomparse o praticamente sconosciute in Europa), non vi raccontano la realtà,
solo per questo sarebbero passibili di GALERA.
Old Cassandra


---------------------------------------
- @anonimo - da Anonimo - inviato in data 22/01/2016 alle ore 15.35.57
Caro anonimo...

Lui e tutti i suoi fanatici (e meno fanatici) amici se ne fregano di te, di me e di tutti noialtri europei diversamente musulmani.
Loro qui fanno ciò che vogliono e sarà sempre peggio.

'...ma noi a casa loro non lo potremmo fare...' NO...NO...Noi non lo possiamo fare...

Loro difendono la loro cultura... loro sono patriotti... loro non bestemmiano... loro pregano... loro rispettano le loro tradizioni.
Noi per loro non siamo nulla... ne uomini ne donne.

SAI QUEL CHE C'E' ???????
Te lo dico da intollerante verso l'invasione islamica e da intollerante verso l' ipocrisia 'buonista/comunista' più falsa dei soldi del monopoli.

STIMA PER LORO.

Giocondo




---------------------------------------
Loading
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 01835240464
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it