Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
martedì 28 giugno 2016  
  Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Garfagnana In-Decoro cittadino La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa LuccAffari Mediavalle  
  Politica Racconti Lucchesi Religioni Satira Società Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni Web & dintorni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Rossi sì, ma di vergogna

Assunse a 310 mila euro l'anno il truffatore dottor Macchiarini: Rossi sì, ma di vergogna



di Piero Angelini

Le Cronache regionali sono state piene, nella settimana scorsa, delle vicende del dr. Macchiarini, viareggino di origine (ma presente anche a Lucca, dove risiede la madre), superchirurgo di Careggi, celebrità internazionale nel trapianto della trachea, sbugiardato, su Vanity Fair America, da Benita Alexander, un producer Nbc, che ha raccontato sia le bugie con cui il grande chirurgo l’aveva sedotta, inventandosi di essere il medico personale di Papa Francesco ( e pure di Giovanni Paolo II), di aver operato Bill e Hilary Clinton, il Presidente Obama, ecc.; sia le false promesse, con cui l’aveva stregata e definitivamente conquistata, promettendogli un matrimonio da favola a Roma, officiato addirittura dal Papa, nonostante che lei fosse divorziata e lui ancora sposato, e a cui avrebbero partecipato gli amici stretti di Macchiarini, dai Clinton a Vladimir Putin, a Nicolas Sarkosy, forse Obama, certamente Elton John, Kenny Rogers, Kofi Annan, Russel Crowe. Alla sventurata il celebre chirurgo aveva però taciuto che poco tempo prima, nel settembre 2012, era stato arrestato e poi inquisito per una storiaccia di mala gestione del suo incarico a Careggi, con rinvio a giudizio per una serie di reati, tra cui peculato, abuso di ufficio e poi anche truffa, con un processo, per i primi 2 reati, cominciato in questi giorni. A detta di Benita Alexander, uno straordinario truffatore.

Truffatore anche nella professione, secondo molti accademici. Dopo un tale servizio, infatti, si è scoperchiata la pentola delle tante omissioni e reticenze che avevano accompagnato il suo percorso professionale, sia per quanto riguarda il suo curriculum, nel quale aveva vantato ruoli importanti in Istituiti universitari, in realtà mai svolti ( dall’Università dell’Alabama di Birmingan, alla scuola medica di Hannover); sia per quanto attiene ai risultati della sua attività professionale.Per esempio il primo trapianto di trachea, con l’organo di un donatore rivestito di cellule staminali, che l’aveva reso famoso, non era stato così perfetto, dal momento che la paziente aveva continuato per anni a finire sistematicamente sotto i suoi ferri, a causa di ripetute complicanze. I suoi pazienti, poi, dopo l’operazione, sono morti a frotte; da ultimo il Karolinska Institutet di Stoccolma, e, di seguito, le autorità giudiziarie che hanno aperto un’inchiesta, hanno messo sotto i riflettori tre dei suoi ultimi interventi di trapianto della trachea, dal momento che due pazienti erano morti , nel terzo caso la persona sottoposta all’intervento aveva riportato serie conseguenze. Insomma, un truffatore anche nel campo della sua professione.

Eppure è questo personaggio che, nel 2005, fu assunto, per iniziativa della Regione, nell’ospedale di Careggi, con uno stipendio eccezionale di 310.000 euro l’anno (!!!), con la creazione, per lui, di un centro sanitario specializzato a Careggi ed il diritto di operare anche in altri ospedali stranieri, addirittura con la promessa di essere nominato, in virtù dei suoi straordinari titoli, professore ordinario all’Università di Firenze, proposta questa respinta, nonostante le pressioni, dalla Facoltà di medicina ( con una decisione segretata, però, incredibilmente, dal Preside di Facoltà), per i troppi evidenti errori sui titoli accademici vantati.

Di questa scelta infelice il deputato Pd pisano, Federico Gelli, in una recente interrogazione parlamentare, ha chiesto conto ad Enrico Rossi, da lui ritenuto politicamente responsabile, con queste parole: “L’allora assessore alla sanità Enrico Rossi presentò l’assunzione di Macchiarini come una grande operazione di immagine, indicandola come un grande esempio di lungimiranza della politica , capace di far rientrare in Italia un cervello in fuga; alla luce degli eventi recenti il governatore dovrebbe ammettere le proprie responsabilità”.

L’episodio Macchiarini, di cui Rossi è, di sicuro, politicamente responsabile, costituisce una metafora della sanità toscana; dimostra i rischi di un potere politico regionale, personalizzato da Rossi, che si arroga sempre l’ultima parola su assunzioni e scelte politiche. Il potere di Rossi sulla sanità è stato quello di poter decidere sempre e comunque, dagli appalti ai primari, quest’ultimi legati a lui da un rapporto di fidelizzazione e giù, giù, volendo, fino ai portantini. Un uomo solo al comando, per così dire, in cui è sempre la politica a decidere, al di là delle sue competenze; dal momento che a un cittadino normale sembrerebbe corretto che la professionalità di un medico fosse valutata dai suoi pari, altri medici, non dal potere politico, seppur rappresentato dall’onnipotente Governatore Rossi.

Uno scenario politico, quello della Toscana di Rossi, che merita una riflessione. Come è noto, se pur il comunismo non c’è più, Rossi continua a definirsi un comunista, forse l’ultimo comunista; in realtà un liberista sfacciato, dal momento che in tutte le sue riforme, dai trasporti, all’acqua, oggi all’energia, il suo obiettivo è sempre stato quello di mettere la gestione in mano ad un privato; e non certamente per fiducia nel mercato, ma per il motivo opposto e cioè perché per lui Governatore è più facile controllare politicamente la gestione dei servizi fatta da un privato, che quella fatta da un ente pubblico, che presenta sempre il rischio di condizionamenti e controlli istituzionali.

E quando i servizi devono essere gestiti direttamente dalla Regione, come la sanità, ecco le riforme, che, sotto il pretesto della riduzione dei costi (tutta da verificare), in realtà riduce le Asl, accentra i servizi, in modo da permettere a Rossi di avere meno tasti da pigiare e persone da sentire, quando, al mattino, dalla sua poltrona, si accinge a governare la sanità toscana.

Ciò che del comunismo il Governatore Rossi ha mantenuto è dunque il centralismo burocratico e l’autoritarismo, seppur nella veste “moderna” di un potere personale, che appaga chi lo detiene, ma preoccupa quei pochi sfortunati cittadini, come noi, che sanno di essere nella mani di uno che ha scambiato un truffatore come Macchiarini per un celebre chirurgo, che lo ha trattato da nababbo, attingendo a piene mani dai soldi dei cittadini toscani, che lo ha sbandierato, poi, nella campagna elettorale del 2010, come simbolo di una nuova stagione politica, fondata sul merito e sul rigore, inducendo, anche con questi mezzi, i cittadini, raggirati, ad eleggerlo Governatore della Toscana.

tratto da La Gazzetta di Lucca

Anonimo - inviato in data 24/01/2016 alle ore 14.56.53 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- ANGELINI SI RISPONDE DA SOLO - da Anonimo - inviato in data 25/01/2016 alle ore 2.32.50
Prima scrive di Rossi: '......in realtà un liberista sfacciato, dal momento che in tutte le sue riforme, dai trasporti, all’acqua, oggi all’energia, il suo obiettivo è sempre stato quello di mettere la gestione in mano ad un privato;'.

Poi però subito aggiunge: '........e non certamente per fiducia nel mercato, ma per il motivo opposto e cioè perché per lui Governatore è più facile controllare politicamente la gestione dei servizi fatta da un privato, che quella fatta da un ente pubblico, che presenta sempre il rischio di condizionamenti e controlli istituzionali...'.

Segnalo ai lettori che mettere tutto in mano ad un privato non è liberismo. Per il liberismo occorre il libero mercato, non certo privati che gestiscono servizi pubblici in monopolio. Intendiamoci, non è impossibile che un privato possa gestir bene un servizio in monopolio. Se si danno al privato regole stringenti può funzionare. Però tutto questo con il liberismo non c'entra proprio.


---------------------------------------
Loading
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 01835240464
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it