Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
venerdì 1 luglio 2016  
  Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Garfagnana In-Decoro cittadino La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa LuccAffari Mediavalle  
  Politica Racconti Lucchesi Religioni Satira Società Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni Web & dintorni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
MALLEGNI torna in carcere....

...a San Giorgio per una visita insieme a tutto lo staff di FI, con Marchetti (candidato sindaco di Lucca (!), e la onorevole Bergamini ben in mostra.

E giù a pontificare di giustizia, recupero dei carcerati, con tanto di sosta emozionante davanti alla sua ex-cella (neanche fosse nel frattempo caduto un regime autoritario che lo avesse imprigionato per reati politici o di opinione).

Ma Mallegni è INNOCENTE per la giustizia italiana?
No.
E' stato ASSOLTO dai suoi reati?
No, non da tutti.
E allora?
E' PRESCRITTO.
C'è differenza?
Certo che sì.

Da Wikipedia (ma da altrove è lo stesso):

'....La prescrizione NON EQUIVALE AD UN'ASSOLUZIONE CON FORMULA PIENA, anche se gli effetti per l'imputato possono sembrare identici.
Infatti affinché vi sia PRESCRIZIONE occorre che il giudice, nel dispositivo della sentenza, INDIVIDUI UN REATO, NEL FRATTEMPO ESTINTO, ATTRIBUIBILE ALL'IMPUTATO. Diversamente l'imputato deve essere assolto per non aver commesso il fatto o perché il fatto non costituisce reato (E questo non è accaduto, ndr).
D'altra parte la PRESCRIZIONE E' SEMPRE ESPRESSAMENTE RINUNCIABILE DALL'IMPUTATO (art. 157 codice penale) che può decidere di continuare nel procedimento giudiziale che lo riguarda al fine di vedere RICONOSCIUTA LA PROPRIA INNOCENZA (E il nostro non l'ha fatto, mi pare, ndr)......'

Mallegni NON E' NE' ASSOLTO, NE' INNOCENTE: E' PRESCRITTO.
Per questo motivo la sua 'visita' al San Giorgio è indecente e crea profonda indignazione.

Ma quello che veramente fa rivoltare lo stomaco, è che NESSUN giornale -locale o meno-sia stato chiaro: hanno riportato sì la notizia della prescrizione ma l'hanno presto equiparata all'innocenza o all'assoluzione.
E qui i casi sono due: o i giornalisti di giustizia non ne capiscono 'na mazza -probabile-, oppure sono in malafede e non ce la raccontano giusta -più che probabile.

Beh, per avere conferma, è sufficiente attendere le motivazioni della sentenza di prescrizione del Mallegni (dal 9/12/2015 entro 90 giorni) dalla quale si potrà evincere il reato o i reati per il quale egli è colpevole ma prescritto.

E ovviamente mi auguro che i giornalisti locali STAVOLTA diano notizia di queste motivazioni con opportuna tempestività e precisione, con la corretta interpretazione e senza indurre in errore i lettori.

'Facezie!', direte, oppure 'cavilli interpretati a suo vantaggio!', oppure 'inutile accanimento legale!', oppure 'accanimento politico!' ......

In realtà non sono cavilli: in democrazia la forma è sostanza e comunque si sappia che certe precisazioni e 'cavilli' sono la normalità e spesso la sostanza per gli avvocati difensori nelle aule dei tribunali e possono cambiare l'esito di un processo.

Giusto dunque che queste distinzioni e precisazioni valgano altrettanto anche per l'accusa, anche se risultano 'sgradevoli' per tutti quegli imputati che vengono prescritti, NON RINUNCIANO ALLA PRESCRIZIONE (non sono mica matti, eh) e per motivi di 'riabilitazione politica' sbandierano ai quattro venti di essere stati assolti.
E magari si permettono pure di pontificare di giustizia e carceri, visitando i luoghi dell''orrore'....


L'aviatore.

Anonimo - inviato in data 01/02/2016 alle ore 10.42.54 - Questo post ha 5 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Ma... - da Anonimo - inviato in data 01/02/2016 alle ore 22.27.36
'En tutte vitamineee!
E' il vaccino che tutti i politici dovrebbero fare per Legge...
A prescindere.
Personalmente gli farei fare anche trenta giorni di miniera a meno ottocento metri.
La cella anche per un altro motivo.
Per una trentina di giorni,
toccano con mano le ruvide pareti da loro stessi costruite...
Così posson dirsi collaudate con tutti i crismi,
con tanto di certificato.


---------------------------------------
- VERITA' - da Anonimo - inviato in data 01/02/2016 alle ore 15.21.54
L'ex sindaco di Pietrasanta Massimo Mallegni (Pdl) è stato assolto dalle accuse di corruzione, voto di scambio e associazione a delinquere, mentre è stato condannato ad un anno e tre mesi per mobbing sui vigili urbani, ma il reato è caduto in prescrizione. E' quanto hanno deciso di giudici al termine del processo in Tribunale a Lucca a carico dell'ex sindaco e di altri politici e imprenditori della Versilia.


CON QUELLO PASSATO IN CARCERE E AI DOMICILIARI HA SCONTATO DI CERTO ANCHE PER IL REATO PRESCRITTO DI MOBBING


---------------------------------------
- CERTO - da Anonimo - inviato in data 01/02/2016 alle ore 15.19.52
L’attuale sindaco di Pietrasanta rimase nella cella 17 per 39 giorni in carcerazione preventiva, per poi trascorrerne ai domiciliari altri


LUI il carcere se lo e' fatto qualcun altro NEMMENO UN GIORNO

PILOTINA


---------------------------------------
- e allora - da Anonimo - inviato in data 01/02/2016 alle ore 15.15.59
se lo hanno assolto in un modo o in un altro assolto e' si metta lei in politica e cambi le leggi

io


---------------------------------------
- al rogo…. - da Anonimo - inviato in data 01/02/2016 alle ore 13.20.51
viva i prescritti….. al rogo i ghigliottinatori.

---------------------------------------
Loading
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 01835240464
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it