Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 11 dicembre 2016  
  Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Garfagnana Humor La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa LuccAffari  
  Mediavalle Politica Racconti Lucchesi Referendum 2016 Satira Società Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Rotta di collisione

Il problema non è perdere 21 mila posti di lavoro, fra novembre e dicembre scorsi, così come, del resto, l’Eldorado non è averne 109 mila in più del dicembre 2014 (vorrei anche vedere, essendo quello l’ultimo anno di una lunga recessione!). Il problema è che la ripresa italiana decelera anziché accelerare. I dati dell’occupazione sono solo un segnale. A settembre (2015) se ne perse lo 0.2% rispetto ad agosto, la stessa cosa accadde a ottobre, a novembre se ne recuperò uno 0.2, ora sappiamo che a dicembre se ne è nuovamente perso lo 0.1. Recuperiamo meno della media europea e nettamente meno di quanti hanno preso una botta recessiva paragonabile alla nostra. Quando la flotta riparte la nostra imbarcazione procede a velocità inferiore. Quando rallenta noi rallentiamo ancora di più. In entrambe i casi il nostro svantaggio relativo cresce. Questo è il problema.

Giocarsela sul piano della propaganda è da sciocchi. Gli ultimi dati Istat segnalano anche una diminuzione dei giovani disoccupati, che comunque sono il 37.9%. Ma il dato rilevante è che abbiamo un tasso di occupazione fermo al 56.4%. Vuol dire che lavora assai meno gente della media europea. Teniamo legioni di donne e di giovani fuori dal mondo produttivo, a far da zavorra, perdendo velocità. E’ sciocco sostenere che tutto dipenda dalle scelte del governo in carica, almeno quanto sostenere che quelle scelte hanno risolto i problemi. Bubbole, è la macchina ad avere un motore potente, ma imballato.

Giocarsela in polemica con la Commissione europea, reclamando più deficit da non contabilizzare nel patto di stabilità (che comunque resta deficit e diventa debito, quindi è droga ai drogati, veleno agli avvelenati, non panacea), sparacchiare conto i “burocrati” dello “zerovirgola”, non è solo sciocco: è da incoscienti. Anche Martin perse la cappa per un punto. Anche alle olimpiadi si perde o si vince per lo zerovirgola di un secondo. Il fatto è che tutta la nostra crescita acquisita è uno zerovirgola e che, come ha ricordato il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, l’Ue sarebbe ancora in recessione, se non ci fossero state le politiche monetarie espansive. E noi siamo quelli che ne hanno beneficiato di più, considerato che il solo vero taglio alla nostra spesa pubblica è stato fatto a Francoforte, abbassando i tassi d’interesse e comprando i titoli del nostro debito pubblico. Sicché è anche poco accorto continuare a biascicare le frasi fatte sulla presunta austerity, indotta dall’Ue, essendo vero il contrario, ovvero che in quell’ambito le politiche sono espansive e non restrittive.

Traducendo in italiano, però, si tende a credere che sia sadica austerità e perversa fissazione contabile il far osservare che se spendi più di quello che incassi, e se lo spendi non in investimenti produttivi, ma in assistenzialismo e regalismo (reincarnazione del clientelismo), fai crescere il debito che dovresti far diminuire. Questo non è rigorismo esasperato, è contabilità. Tutti i governanti europei sanno che si possono vincere le elezioni spendendo e blandendo gli elettori, ma si tende a ricordare che dopo avere vinto, in quel modo, si dovranno raccogliere i cocci di un sistema produttivo frantumato dal fisco, necessario per spillare i quattrini altrove dilapidati. Solo dalle nostre parti, sentendosi furbi, si pensa che dopo avere vinto hai vinto e basta. Al resto il ciel provvede.

Sullo sfondo già si vedono gli enormi scogli del fiscal compact. Che quando furono piazzati sulla rotta (2012) mi sembrarono (da europeista, eurista e rigorista) impraticabili. Avremmo dovuto tagliare la spesa e abbattere il debito, li abbiamo visti crescere entrambe, buttando il tempo comprato dalla Bce. Avremmo dovuto aumentare la velocità di crociera, che invece resta inferiore a quella altrui. Senza alleggerimento e sprint ci sarà un impatto doloroso, servendo a nulla maledire i marosi o le rocce. Ma gli ufficiali distribuiscono rum e la ciurma sbevazza lamentosa. Sperano nella mano di Nettuno, che si muove nel regno dell’impossibile.

www.davidegiacalone.it
@DavideGiac

Redazione - inviato in data 04/02/2016 alle ore 7.28.17 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Loading
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it