Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
venerdì 27 maggio 2016  
  Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Garfagnana In-Decoro cittadino La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa LuccAffari Mediavalle  
  Politica Racconti Lucchesi Religioni Satira Società Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni Web & dintorni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
SE IL LUPO SFUGGE DI MANO

Circa cento anni fa il lupo si estinse in valle del Serchio. La secolare lotta degli allevatori contro il pericoloso predatore giunse al suo atto finale. Di lupi non ce n'erano più. Le cose cominciarono a cambiare di nuovo dopo il 1980. In quegli anni le montagne erano ormai semi abbandonate e i lupi, dagli ultimi rifugi dell'Appennino centrale iniziarono a risalire verso Nord. Non entriamo nell'ormai inutile diatriba, sempre in atto sull'arco alpino, che vede anche la tesi di una diffusione favorita dall'uomo attraverso lanci di animali presi chissà dove. Per quel che ci riguarda atteniamoci alla scienza ufficiale e diciamo che il lupo in val di Serchio c'è tornato da solo. Certamente la ridiffusione del lupo fu favorita ed è favorita dal fatto che esso è una specie protetta e non cacciabile. La protezione rimonta all'inizio degli anni '70 del secolo passato e non a caso, da quel momento in poi, il lupo ha iniziato la sua inarrestabile ascesa. Oggi sulle Apuane e sull'Appennino vi sono parecchi branchi. Sempre più frequenti sono i contatti con l'uomo, non sempre sono facili. Intanto abbiamo innumerevoli predazioni di animali domestici, che hanno indotto alcuni allevatori a dotarsi di cani che, come i pastori maremmani, risultano pericolosi per gli escursionisti, in particolare per i bambini. Questo costituisce un problema per il turismo ed è solo il primo di una serie di effetti negativi che la presenza del lupo può produrre. Bisogna però anche ricordare altri episodi, come quello di un escursionista notturno che, al lago Scaffaiolo, se la vide bruttissima nell'estate del 2014 (vedi http://iltirreno.gelocal.it/pistoia/cronaca/2014/08/12/news/sale-su-una-croce-per-sfuggire-ai-lupi-1.9746168). Il comportamento di quei lupi (camminare parallelamente all'uomo) fu tipicamente predatorio a dimostrazione del fatto che non è vero che il lupo non attacca mai l'uomo. Nella stessa estate alcuni lupi hanno vissuto per giorni in un campo di mais a Marlia, praticamente alla periferia di Lucca (https://www.youtube.com/watch?v=3CUrCcPYWys)! Oggi si parla di lupi che girano per i paesi sulle Apuane, in particolare nel comune di Minucciano. Tutte queste notizie confermano alcune scomode verità.

1. I lupi sono molto comuni e diffusi

2. I lupi stanno abituandosi all'uomo e diventando confidenti. Questo è il preludio di un prossimo atteggiamento predatorio. D'altro canto i dati storici (e non le favole di Perrault...e per altro anche le favole sono il risultato di una realtà storica) ci dicono che il lupo attaccava anche l'uomo.

Visto quanto sopra non si capisce quale senso abbia oggi il continuare a tenere il lupo tra le specie protette. Se infatti il lupo è diffuso, perché non autorizzarne la caccia di selezione?? Anche perché, solo con la caccia si può sperare di ridurre i danni agli animali domestici e di mantenere ben presente nelle popolazioni di lupine il timore per i contatti con l'uomo.

Anonimo - inviato in data 05/02/2016 alle ore 4.48.38 - Questo post ha 2 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- IL LUPO NON PENSA - da Anonimo - inviato in data 07/02/2016 alle ore 2.38.56
Infatti è un animale. Il lupo può percepire l'uomo, in particolare i bambini, le donne e gli anziani, come una possibile preda e questo provocherà problemi notevoli. Il lupo preda il bestiame domestico e questo crea già problemi. Ora, se il lupo è diventato specie numerosa, non si capisce perché proibirne la caccia. Lo si cacci secondo regole che ne contengano l'espansione.

---------------------------------------
- il LUPO - da Anonimo - inviato in data 05/02/2016 alle ore 11.29.28
Apprezzo l'impegno con cui è stato affrontato l'argomento da parte dell'estensore. Tuttavia non ne condivido il contenuto per quanto riguarda
l'indirizzo a far rientrare il Lupo tra le specie cacciabili perchè pericoloso per l'uomo visto come preda. Con tutte le migliaia di cinghiali presenti sul territorio io credo che il Lupo non pensi assolutissimamente all'uomo.


---------------------------------------
Loading
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 01835240464
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it