Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
giovedì 26 novembre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa Lucca come la vorrei  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
la “Strategia d’area” Garfagnana-Lunigiana-Mediavalle del Serchio-Appennino pistoiese

Unione Comuni Garfagnana: firmato il Protocollo d’Intesa per l’attuazione della “Strategia d’area” Garfagnana-Lunigiana-Mediavalle del Serchio-Appennino pistoiese
 
Si è tenuto dalle ore 15:00 del giorno 30 ottobre 2018 a Castelnuovo, presso la Casa degli Archi-Fortezza di Mont’Alfonso, l’incontro con l’Assessore Regionale Marco Remaschi, che ha sostituito il Presidente Enrico Rossi a causa di sopraggiunti impegni istituzionali, per firmare, insieme al Presidente dell’Unione Comuni Garfagnana, Nicola Poli, il protocollo d’intesa per l’attuazione della “Strategia d’area” Garfagnana-Lunigiana-Mediavalle del Serchio-Appennino Pistoiese.
Le aree interne - quelle parti di territorio che, in base ad una serie di indici individuati a livello comunitario, vivono una serie di difficoltà strutturali che impongono l’individuazione di strategie volte al loro superamento per il raggiungimento delle soglie standard dei diritti di cittadinanza - rappresentano il 17% del territorio e contano 1,9 milioni di abitanti.
La strategia nazionale ha individuato 65 aree sperimentali – con una media di circa 30mila abitanti ciascuna - per l’erogazione di fondi che, per la prima volta, saranno indirizzati alla riorganizzazione dei servizi fondamentali per arginare la crisi e l’abbandono delle zone più marginali. La strategia punta su un maggior coinvolgimento del terzo settore e sulla possibilità che le comunità locali diventino esse stesse ideatrici e gestrici del welfare, non più garantito dal pubblico con un unico modello nazionale, ma creato e modellato, dal basso, sui territori, secondo esigenze e criticità specifiche.
Il progetto, di cui l’Unione Comuni Garfagnana è capofila, coinvolge le Unioni Comuni della Lunigiana, Media Valle del Serchio e Appennino Pistoiese e i Comuni non facenti parte delle stesse nonché numerosi altri soggetti pubblici e privati sottoscrittori della candidatura. Una scommessa frutto di una attenta riflessione e intuizione condivisa da aree marginali limitrofe legate, anche storicamente, dalle stesse problematiche e da comuni visioni del territorio.
Il lavoro svolto fino ad oggi è servito per individuare azioni volte a garantire i servizi essenziali ai cittadini, anche noti come “diritti di cittadinanza”, in termini di collegamenti e infrastrutture - sviluppo della mobilità stradale e ferroviaria, dei trasporti, ma anche superamento del digital divide e copertura dei territori con la banda ultra larga -, di tutela e sicurezza del territorio - manutenzione idraulica del territorio, mitigazione del rischio sismico, valorizzazione del paesaggio di sicurezza sanitaria e sociale -, di istruzione e formazione - telematica e digitalizzazione delle scuole - fino allo sviluppo di azioni di mercato e di marketing territoriale.
L’evento si è articolato con l’introduzione di Nicola Poli, i saluti istituzionali, per poi dare spazio alle relazioni del gruppo di lavoro dell’Area Garfagnana-Lunigiana-Mediavalle del Serchio-Appennino Pistoiese, dell’Autorità di gestione regionale del POR-FESR e del Dipartimento di politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ha concluso i lavori l’Assessore Regionale Marco Remaschi. E’ seguita la sottoscrizione del Documento che rende operativa la possibilità di sottoscrizione degli accordi quadro di programma, finalizzata a rendere disponibili risorse statali e la riserva sui bandi regionali.

Redazione - inviato in data 31/10/2018 alle ore 12.51.05 -

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it