Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
giovedì 21 febbraio 2019  
  ...in Toscana Annunci Economici e lavoro Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Degrado lucchese Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Mediavalle Necrologi Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Polizia a scuola per prevenire l'utilizzo di droghe e il bullismo

Prevenzione al bullismo e allo spaccio: polizia a scuola per fare lezione sulla sicurezza e la legalità. Nell’ambito del protocollo di educazione alla cittadinanza responsabile, questa mattina la psicologa Teresa Cortopassi e il dottor Gerardo Magliulo della Polizia di Stato, hanno tenuto un incontro nell’aula Magna del Nautico Artiglio per tutte le classi terze. Il focus di questo appuntamento è stata la lotta al bullismo, cyberbullismo e utilizzo di sostanze stupefacenti. A fare gli onori di casa ci ha pensato la vicepreside Cosimina Aversa, che ha sottolineato: «Voglio ringraziare la Polizia per la disponibilità che dimostra in queste azioni educative volte a far riconoscere come valore comune la presenza dell’Istituzione Pubblica; è importante – continua l’insegnante - prevenire e contrastare questi gravi fenomeni ed è giusto iniziare proprio dagli studenti». «È necessario imparare a riconoscere il “bullo” – ha spiegato la dottoressa Teresa Cortopassi -, troppo spesso, infatti, questo termine viene utilizzato in maniera errata, ad esempio per indicare un litigio. È necessario riconoscere anche chi manifesta comportamenti anti-sociali che si avvicinano al reato: minacce, lesioni, anche il furto di un cellulare… In età adolescenziale – continua la poliziotta – alcuni ragazzi che spesso hanno difficoltà a seguire le regole imposte dalla famiglia e dalla scuola, si rifugiano all’interno delle baby gang, dove c’è sempre un leader che detta leggi opposte a quelle della famiglia. Alcuni studi hanno dimostrato che la frequentazione delle gang porta col tempo a maturare le psicopatie. Le vittime invece perderanno l’autostima e la fiducia negli altri. Se la violenza è virtuale ci si cala nel cyberbullismo, altro gravissimo fenomeno». E poi la Cortopassi ha lanciato un monito agli studenti: «Non dovete tapparvi gli occhi, far finta di non vedere oppure allontanarvi da ciò che sta succedendo. È necessario agire senza aver paura di denunciare questi fatti ai vostri familiari o professori. Solo così – conclude - sarà possibile contrastare questi gravissimi fenomeni». Gerardo Magliulo, invece, ha parlato dello spaccio di stupefacenti e dell’economia che ruota attorno alla droga a partire dai paesi in cui viene coltivata, i trasportatori di ovuli di eroina, per arrivare agli spacciatori e ai consumatori. Ma è stata anche l’occasione per parlare dello spaccio come reato e dei danni fisici e mentali che le sostanze provocano. I prossimi incontri con la Polizia saranno il 14, il 19 e il 26 febbraio, questa volta per le classi prime e seconde.
Eleonora Prayer

Redazione - inviato in data 13/02/2019 alle ore 19.57.35 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it