Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 27 settembre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
“L’uomo che piantava gli alberi” debutta al Teatro Jenco di Viareggio

Venerdì 1 marzo alle 21.00 presso il Teatro Jenco di Viareggio (via Menini, 51)

L'Associazione Culturale zerA presenta:

Lo spettacolo “L’uomo che piantava gli alberi” debutta al Teatro Jenco di Viareggio

Lo spettacolo, liberamente tratto dal libro di Jean Giono, è una fiaba moderna per capire come il lavoro individuale e anche le imprese più modeste iniziano sempre da un piccolo seme



Per la regia di Alessia De Rosa e Andrea Bruni con le ambientazioni sonore di Gigi Biolcati e Alessandro Luchi



Viareggio, 28 febbraio 2019 – Tra suoni, musica, parole e gesti in un flusso narrativo continuo sarà “L’uomo che piantava gli alberi” liberamente tratto dal testo di Jean Giono lo spettacolo che venerdì 1 marzo alle 21.00 debutterà per la prima volta presso il Teatro Jenco di Viareggio (via Menini, 5). La rappresentazione, una produzione dell’ Associazione Culturale zerA, sarà accompagnata dalle ambientazioni sonore di Gigi Biolcati e Alessandro Luchi, e vedrà sul palco nel ruolo di narratore Andrea Bruni, che ne firma anche la regia insieme ad Alessia De Rosa. (ingresso intero 14€, ridotto 12€).



È un testo che smuove le coscienze quello de “L’uomo che piantava gli alberi” che racconta dell’incontro di un giovane narratore con un pastore che, con impegno costante, riforestò da solo un'arida vallata ai piedi delle Alpi, vicino alla Provenza. Una fiaba moderna, per capire come il lavoro individuale e anche le imprese più modeste iniziano sempre da un piccolo seme. In questa versione del testo di Jean Giono, la messa in scena prevede un attore-narratore e due musicisti che accompagnano le parole con musiche originali scritte appositamente per lo spettacolo. I tre artisti in scena sono tutti protagonisti di questa storia: il flusso di musiche, suoni, movimenti, parole crea un'alchimia che rende tangibili e vividi i luoghi e le emozioni.



Dichiara Alessia De Rosa, regista: “Il testo era nel cuore di uno dei due musicisti (Alessandro Luchi) già da diversi anni. Il racconto, oltre per lo spirito ecologista che non può lasciare indifferenti, ci ha colpito per il tema della cura e della costanza nella ricerca di dare vita laddove tutto sembra morto. La lentezza, il silenzio, e la determinazione accompagnano tutta la storia, dipingendo il protagonista in maniera delicata ma potente. Abbiamo cercato di evidenziare il parallelismo tra questa storia e la ricerca interiore di ogni persona: all'inizio si parla del perdersi, di non capire il senso della propria esistenza, ma l'incontro con quel pastore silenzioso cambierà la prospettiva del giovane viaggiatore. Speriamo di riuscire a far cogliere la profondità di questo messaggio”.



“Abbiamo accolto con entusiasmo l'invito e l'intuizione della direzione artistica – prosegue Andrea Bruni, narratore e co-regista. Debuttare con una storia che racconta la rinascita in un teatro che ha riaperto da poco, ci è sembrato un segno. Vogliamo portare il nostro contributo a questa nuova e importante realtà per Viareggio”.



Dopo il debutto del 1 marzo a Viareggio, lo spettacolo farà una mini tournée che si chiuderà al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio il 9 e 10 marzo dove verrà usata la formula intima del teatro nel teatro: artisti e pubblico sono tutti insieme sul grande palco del teatro, per immergersi da vicino nel racconto.



Biglietti: Intero 14€, ridotto 12€. La biglietteria del teatro è aperta martedì, giovedì e venerdì dalle ore 15.00 alle ore 18.00 e un'ora prima dell'inizio degli spettacoli. Prenotazioni al numero fisso 0584 1972402.



Info: Teatro Jenco, via Euro Menini, 51 | www.teatrojenco.com | mail: info@teatrojenco.com | Prenotazioni al numero tel. 3463038170

Redazione - inviato in data 28/02/2019 alle ore 12.14.24 -

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it