Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
lunedì 27 maggio 2019  
  ...in Toscana Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Degrado lucchese Elezioni 2019 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Mediavalle Necrologi Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Una pièce inedita apre la stagione di Animando dedicata al Settecento

I fratelli Passalia in Oh Rameau!, ispirato a un dialogo di Diderot


L'Illuminismo rivive a Lucca, la città italiana che per prima ha dato alle stampe l'Encyclopédie. E lo fa portando in scena sabato (9 marzo) alle 17, al ridotto del Teatro del Giglio, un dialogo vivace e serrato da caffè parigino.
Quello tra Denis Diderot, il filosofo, e il nipote del grande musicista Jean-Philippe Rameau, Jean-François. Le battute del primo saranno affidate al pianoforte di Giovanni Passalia, che attraverso brevi accenni dello strumento evocherà domande e risposte, sentimenti di indignazione, divertimento o perplessità. I panni del secondo, Rameau nipote, simpatica canaglia che vive di espedienti non sempre limpidi, saranno vestiti da Ferdinando Passalia.
Due fratelli in scena dunque, per un testo inedito scritto dalla musicologa Elisabetta Torselli, docente di poesia per la musica e drammaturgia musicale al conservatorio Arrigo Boito di Parma.
Una chicca con la quale Animando ha scelto di presentare la propria stagione all'interno del calendario Il Settecento musicale a Lucca: otto concerti e tre approfondimenti, da marzo a luglio, tra i quali l'ormai tradizionale concerto orchestrale del Venerdì Santo nella chiesa di San Michele in Foro.
Oh, Rameau! – questo il titolo della pièce di sabato – è ispirato a un testo dello stesso Diderot, Il nipote di Rameau, pubblicato oltre cento anni dopo la sua stesura e ambientato nei giardini del Palais Royal.
Il dialogo porta in superficie le contraddizioni profonde della società del Settecento, incarnate tutte da Jean-François Rameau, adulatore, libertino, spregiudicato eppure non privo di buon senso e, soprattutto, di forte sensibilità estetica per la musica. Sono gli anni in cui a Parigi si dibattono la corrente 'buffonista' filoitaliana e quella legata invece alla tradizione francese di cui Rameau – lo zio, ovviamente – è l'esempio più alto.
Giovanni Passalia è docente di pratica e lettura pianistica al conservatorio Antonio Buzzolla di Adria e alla scuola di musica Sinfonia di Lucca.
Ferdinando Passalia insegna materie umanistiche al liceo scientifico Antonio Vallisneri di Lucca.
L'evento è a ingresso libero.

www.animandolucca.it
https://www.facebook.com/animandolucca/

Redazione - inviato in data 06/03/2019 alle ore 12.01.08 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it