Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
giovedì 22 aprile 2021  
  Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Per la Virilità Assoluta

Per la Virilità Assoluta

di Emanuele Fusi


'L'essenza del Bushido è

prepararsi alla morte, mattina e sera,

in ogni momento della giornata.

Quando un Samurai

è sempre pronto a morire,

padroneggia la Via'

('Hagakure' di Yamamoto Tsunetomo)



Il maschile ed il femminile sono i principi eterni che hanno governato, governano e governeranno sempre l’universo e il Cosmo; dalla Terra nascono le piante e la vegetazione una volta piantato il seme così come dalla donna nasce la vita una volta che l’uomo la ha posseduta.

Questa legge naturale è una legge inviolabile e sacra, universale ed eterna; nessuno potrà mai infrangerla, e qualora la pazzia umana tentasse di delegittimarla, come sta già avvenendo con la fecondazione artificiale o l’ingegneria genetica o la legittimazione della 'famiglia omosessuale', le conseguenze sarebbero catastrofiche nel breve tempo.

Il principio maschile e femminile sono due principi opposti e complementari, diversi ed ineguagliabili, e quindi insostituibili e assimilabili, ma col femminismo si sono dati i primi colpi alla legge universale di sessi, con le assurde idee che l’uomo e la donna siano uguali e che la donna deve essere libera ed emancipata dal punto di vista sessuale, economico, sociale.

Da tutto ciò ne è derivato la dissoluzione delle famiglie, la corruzione del tessuto sociale, la falsificazione dei rapporti tra uomo e donna.

***

Il mondo moderno e la civiltà occidentale si possono distinguere chiaramente dalle società tradizionali e sane di una volta e di quelle rare che ancora esistono, per lo snaturamento complessivo dei tipi sessuali naturali, quello maschile e femminile, con la conseguenza dello sfaldamento dei loro rapporti.

L’entrata della donna con parità di diritti nella vita privata moderna, la sua nuova libertà, il suo trovarsi accanto agli uomini nelle scuole, nelle fabbriche, nelle università, negli sport e perfino nell’esercito ha comportato la rinuncia della donna ad essere donna, e soprattutto ad essere femmina.

La donna, dunque, quale controparte dell’uomo, è strutturata diversamente: come potrebbero compenetrarsi ed unirsi se fossero uguali?

Grazie al femminismo, il sesso e la donna sono divenuti i temi dominanti della società attuale con la conseguenza di una intossicazione sessuale, la cui controparte è una preminenza della donna nella vita sociale e sessuale. Il tutto è alimentato da un’atmosfera ginecocratica e matriarcale inculcata tramite diversi mezzi di comunicazione: cinema, riviste , rotocalchi, concorsi di bellezza.

Nota giustamente J.Evola che “ la donna è diventata una specie di supporto quasi disanimato, di centro di cristallizzazione di quell’atmosfera di sessualità diffusa e cronica, tanto che la grandissima parte delle stelle dai tratti fascinosi, in pratica, come persone, hanno qualità sessuali affatto scadenti, il loro fondo esistenziale essendo presso a poco quello di comuni ragazze sviate e alquanto nevrotiche.”[1]

***

L’intossicazione erotica e la libertà sessuale ha condotto le relazioni fra uomo e donna ad una banalizzazione e ad un materialismo, a un immoralismo volgare con la relativa conseguenza del sesso come una specie di genere corrente di consumo di massa; e, quel che è peggio, si sono sviluppate certe forme femminili di anestesia sessuale, tipica di quelle ragazze moderne nelle quali esibire la propria nudità, l’accentuare tutto ciò che può presentare come esca all’uomo, il culto del proprio corpo, la cosmetica costituiscono l’interesse principale e danno loro un piacere sublimato preferito a quello specifico dell’esperienza sessuale normale e concreta, fino a provocare, per questa, una specie di insensibilità e, un certi casi, perfino di repulsa nevrotica.

Uno scrittore[2] ha giustamente rilevato una forma di sadismo psicologico in quelle donne d’oggi che “mettono ben in mostra il proprio corpo ma fornendolo di un simbolico cartello con la scritta “vietato toccare”. Tormentatrici sessuali di questo tipo s’incontrano ovunque: la ragazza che si presenta in bikini ridottissimi, la signora con provocanti scollature, la ragazzina che per la strada cammina ancheggiando in pantaloni aderentissimi o con minigonne che lasciano vedere più della metà delle cosce e che desidera essere guardata ma non toccata, e che sono tutte capaci di indignarsi”



E l’uomo di fronte a tutto ciò non reagisce, si lascia dominare da queste forme di regressione psichica che lo rendono completamente soggiogato al culto della donna, finendo a non pensare ad altro, sprecando il proprio tempo prezioso alla ricerca della considerazione di questi vuoti umani quali sono le ragazzette di oggi, la cui più grande aspirazione è quello di essere una show-girl.

Non possiamo non disprezzare le donne moderne con la loro arroganza e la loro superficialità, con il loro animo volgare e il loro mancato pudore.

L’uomo vero dovrebbe dire di no a tutto questo, dovrebbe rinunciare non al sesso tout court, ma ad abbassarsi di fronte alle donne pur di avere rapporti sessuali con loro, che poi nella gran parte dei casi non ha, perchè, come dice un personaggio di Don Byrne “l’uomo che si perde completamente in una donna, per quanto il suo amore sia forte, non è un uomo; e la donna sentirà del disprezzo per lui”; il Remarque ha paragonato tale situazione ad un masso che amava l’onda: “L’onda spumeggiava e turbinava intorno al masso, lo baciava notte e giorno, lo abbracciava con le sue bianche braccia e lo supplicava di venire da lei. Lo amava e mareggiava intorno a lui, così lentamente lo minava; e un giorno il masso, completamente corroso alla base, cedette e cadde nelle braccia dell’onda. E d’un tratto non fu più un masso con cui giocare, da amare, da sognare. Fu solo un masso di pietra in fondo al mare, annegato in lei. L’onda si sentì delusa e si mise a cercare un’altra roccia”

***

Il vero uomo dovrebbe riscoprire i valori della virilità e della lotta, dovrebbe avere come modello per la condotta della propria esistenza la figura dell’Asceta, dell’Eroe, del Guerriero, e non dell’uomo-macchina che guadagna i soldi per comprarsi l'autovettura grossa e veloce per far colpo sulle donne da cui desiderare di avere poi un rapporto sessuale: di tale uomo non possiamo che provare disprezzo quale offesa alla categoria dei maschi.

Eppure la maggior parte degli uomini sono proprio così: paurosi e timidi.

Ed impauriti di fallire di fronte alle donne sempre più aggressive e insoddisfatte di questi mezzi-uomini, questi ultimi cercano di mascherare le loro frustrazioni esibendo beni materiali, soldi e un fisico ridicolo costruito nelle palestre più alla moda dove cercano di compensare la loro debolezza interiore con una forza esteriore, assumendo spesso farmaci che portano anche all’impotenza.

L’uomo interiormente debole merita di soggiogare di fronte alla lotta per l’esistenza, perchè esso rappresenta un fallimento esistenziale.

L’uomo femminilizzato, interiormente labile, tranquillino, addomesticato dalla società a divenire un buon produttore ed un cattivo padre, non è un essere umano e non possiamo che essere fieri della sua distruzione.



La donna è simbolicamente una forza potentissima che ha bisogno di un punto di riferimento al di fuori di sè che sia fermo, stabile, immobile al quale appoggiarsi o intorno la quale vorticosamente girare.

La tradizione vedica e antico-indiana chiama il principio femminile 'Shakti', che vuol dire appunto forza, potenza, materia che crea il mondo; ma una forza lasciata libera a se stessa provoca soltanto distruzione e caos.

La concezione egualitaria e femminista tiene presente solo il lato esteriore dell’essere umano, la sua materialità, i suoi interessi senza riguardo all’interiorità: nessuno nega che una donna tramite la propria intelligenza razionale possa divenire un’ ottimo avvocato o una personalità politica, ma affiorerà in lei la grande tristezza di chi non vive secondo la propria natura, e tale tristezza affiora assumendo le forme della scontentezza, della mancanza di appagamento e di serenità, senza che sappia naturalmente individuarne la ragione, la causa essendo appunto situata in profondità, nell’interiorità più intima

Una vera donna dovrebbe avere caratteri totalmente diversi da quelle di oggi, dovrebbe avere valori profondamente contrari all’attuale epoca, e solo così potrebbe realizzarsi pienamente, soprattutto amando il proprio uomo.



Ma nonostante tutto la disgregazione esistente nell'epoca attuale, chi vuole veramente conoscere la propria interiorità non può tralasciare un sano rapporto con l'altra metà del cielo, la Femmina.

Amare la femminilità in ogni donna è cosa ardua oggi, per i motivi che sono stati detti; ma è più che necessario cercare di farlo, in quanto senza conoscere e frequentare l'opposto a noi, è impossibile integrarsi nell'Unità primordiale.

Per questo noi uomini dovremo aiutare le donne a riscoprire la propria qualità innata di femmina. Ciò che del resto aveva già intuito Nietzsche il grande filosofo e veggente, che arrivò a capire in maniera lucida che tipo di umanità sarebbe venuta a predominare dal 1900 in poi; il filosofo affermò che il compito del vero uomo, in questa epoca di decadenza, è quello di 'salvare la donna nella donna', ossia di aiutarla a preservare il proprio Eterno Femminino, di non farla degradare in qualcosa di ibrido, di disanimato e di bastardo, che causa inevitabilmente il prevalere delle forze anonime e onnipervadenti della tecnica e delle scienza nella vita di tutti i giorni.

La dedizione, il silenzio, la pazienza, la calma, l'accettazione, sono virtù femminili che salvano e donano pace all'animo irrequieto dell'uomo: questi sono i lati dell'anima femminile che ogni donna dovrebbe avere cura di coltivare, invece di aspirare ad eguagliare e/o superare gli uomini in attività di tipo materiale o intellettuale, che mai potranno realmente realizzarla nell'intimo e nel profondo.

Assistiamo, al contrario, alla trasmutazione della donna in un essere artificiale privo di qualità, anch'essa vittima della moderna promessa della società dei consumi, promesse fatte di benessere, soldi, shopping, divertimenti banali.

Ma in questa grande parodia, in questo circo di illusioni e di mediocrità senza fine, il primo essere che ne soffre le conseguenze è proprio la donna, che grazie al suo intuito e alla sua sensibilità derivatele dal fatto di essere maggiormente connessa al mondo della natura, realizza nel profondo che l'assenza di veri e sani rapporti tra uomini e donne, è l'inizio della fine di una civiltà.



Celebrare un culto al Maschile e al Femminile è una via di salvezza in questa epoca del Ferro; e pertanto i maschi devono riservare un culto alle vere donne che ancora serbano dentro di sè la verità e la loro legge naturale in questi tempi folli, pieni di segni di una prossima distruzione; una lode ad esseri femminili traboccanti di femminilità, che amano il loro status e che riescono ancora a dare gioia ai propri uomini che hanno deciso di amare.

Per chi ne è capace, sarebbe di vitale importanza riuscire a celebrare la Femminilità nei suoi diversi aspetti, da quello creativo e rassicurante, a quello distruttivo e dissolvente, che poi non sono altro che i due archetipi fondamentali del femminino eterno (Demetra contro Venere).

In alchimia si parlerebbe di Acque che salvano, e Acque che dissolvono (le c.d. 'acque corrosive'), essendo queste ultime le forze abissali dell'Eros che l 'uomo deve assorbire attivamente tramite l'atto sessuale, per trasformarle in ebbrezza salvifica a trasfigurante, secondo gli insegnamenti dell'antica Tradizione Tantrica Indiana, dell'alchimia sessuale Taoista e della Gnosi occidentale.

L'energia femminile travolge l'uomo debole, ma rafforza gli uomini virili e dominatori di se stessi e degli altri: questi sono coloro che riescono ad assorbire il femminino dentro di sè per non esserne schiavi, divenendo così un salutare strumento di elevazione psichica e spirituale, verso le regioni profonde dell'inconscio, ove non esiste la morte perchè vi è completezza, unione, armonia, totalità con la propria parte diversa ed ignota.

Chi non riesce a fare ciò deve provarci, altrimenti difficilmente potrà muovere dentro se stesso quelle forza necessarie per vincere le sfide della vita, che gli esoteristi chiamano da sempre 'acque vivificanti' ottenute grazie alla trasformazione alchemica delle 'acque dissolventi' e 'corrosive' di cui si è parlato poco sopra.



www.fuocosacro.com

Anonimo - inviato in data 20/04/2019 alle ore 22.51.30 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Ottimo articolo - da Anonimo - inviato in data 10/03/2021 alle ore 23.08.10
Ottimo articolo ..l’ho riletto due volte
Interessante sia per la chiarezza con cui è spiegato il tempo in cui stiamo vivendo sia per L argomento stesso ..penso che non ci sia niente di più vero
Mi piacerebbe fare due chiacchiere con L autore dell articolo


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it