Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 6 dicembre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa Lucca come la vorrei  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
L’Ecomuseo delle Alpi Apuane: un Progetto per lo sviluppo locale

Si comunica che il giorno 9 maggio 2019, alle ore 9.45, presso la Sala del Consiglio Comunale di Gallicano, si terrà il Convegno L’Ecomuseo delle Alpi Apuane: un Progetto per lo sviluppo locale (La prima fase (2015-2018) e il progetto futuro).
Il programma della giornata è il seguente:
Ore 9,45 Saluti del Sindaco e delle Autorità
Ore 10.00
Fabio Baroni (Ecomuseo delle Alpi Apuane)
L’Ecomuseo delle Alpi Apuane, il bilancio e la proposta
Monica Bolognesi (Università di Firenze/DIDA)
L’Ecomuseo delle Alpi Apuane:
Role Model del Progetto Unesco RURITAGE
Ore 10.50 La Parola ai Sindaci:
David Saisi, Sindaco di Gallicano
Michele Giannini, Sindaco di Fabbriche di Vergemoli
Riccardo Ballerini, Sindaco di Casola in Lunigiana
Francesco Pifferi, Sindaco di Camporgiano
Andrea Carrari, Sindaco di Piazza al Serchio
Roberto Pagani, Sindaco di Sillano Giuncugnano
Rino Simonetti, Sindaco di Molazzana
Ore 12.20 Conclusioni
Alberto Magnaghi
Presidente Società dei Territorialisti e delle Territorialiste
Marco Remaschi
Assessore Regionale All’Agricoltura
Tutta la popolazione, gli operatori, le associazioni di categoria, le imprese sono invitate.

L’Ecomuseo delle Alpi Apuane è un progetto, nato il 30 agosto del 2015, con Convenzione fra i Comuni di Fabbriche di Vergemoli, Gallicano, Casola in Lunigiana e Fosdinovo (Garfagnana e Lunigiana apuane), con l’obbiettivo di costruire un’azione forte per lo sviluppo sostenibile locale, basandosi sul grande patrimonio ambientale, storico, architettonico, culturale e di imprese agricole, commerciali, turistiche di quella che è stata ribattezzata dall’Università di Firenze/Dip. di Architettura, la “Bioregione Apuana”.
Il lavoro svolto è stato di ricerca e studio, di organizzazione, di reperimento di fondi dai bandi del PSR e di altre fonti, di assunzione di giovani sia nei Lavori di Pubblica Utilità che nel Servizio Civile, di valorizzazione territoriale, ecc.
Il 9 maggio, si farà un bilancio del primi 3 anni e mezzo di lavoro e si prospetteranno le iniziative future, anche in previsione di un aumento delle adesioni di Comuni all’Ecomiuseo stesso. L’invito è rivolto agli Enti Locali, alle scuole, alla popolazione, alle imprese, alle associazioni di categoria, alle associazioni, ecc.; insomma a tutto quel mondo che sta sostanziando l’esistenza stessa dell’Ecomuseo che, come si legge nelle definizioni ufficiali, è “un patto attraverso il quale una comunità, formata da amministrazioni, istituzioni, popolazione, imprese si prende cura del proprio territorio e lo tramanda al futuro”. Una scommessa che, finora, ha funzionato e che si presenta per verificare se e quale futuro potrà avere.
Dopo la relazione iniziale sull’Ecomuseo, passato e futuro, di Fabio Baroni, ci sarà l’importante intervento di Monica Bolognesi dell’Università di Firenze sul riconoscimento dell’Ecomuseo come esempio (Role Model) nell’ambito del Progetto Ruritage dell’Unesco.
Interverranno, poi, i Sindaci dei Comuni di Gallicano, Fabbriche di Vergemoli, Casola in Lunigiana, Camporgiano, Piazza al Serchio, Sillano Giuncugnano e Molazzana. Chiuderanno i lavori, dal punto di vista scientifico, Alberto Magnaghi, presidente della Società dei Territorialisti, e, dal punto di vista politico ed istituzionale, Marco Remaschi, Assessore all’Agricoltura della Regione Toscana.

Redazione - inviato in data 07/05/2019 alle ore 19.29.19 - Questo post ha 2 commenti

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- E I MARCUCCI QUANTO CI GUADAGNANO ? - da Anonimo - inviato in data 08/05/2019 alle ore 16.19.09
Tanto alle prossime, tutti a casa a raccogliere le castagne.

---------------------------------------
- CONVEGNO??? - da Anonimo - inviato in data 08/05/2019 alle ore 2.00.21
A me più che un convegno sembra una parata di sindaci.

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it