Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
martedì 25 giugno 2019  
  ...in Toscana amare gli animali Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Degrado lucchese Elezioni 2019 Garfagnana La Tradizione Lucchese  
  l'Altra Stampa Mediavalle Necrologi Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Se fosse vero che D''Alessandro ha definito 'Prato' lo spalto delle Mura...

Ormai tutti sanno che D’Alessandro, da uomo d’ affari quale è, si cura essenzialmente dei propri interessi, come del resto è normale che sia per un qualsiasi uomo d’ affari che si rispetti.
Se è vero che usato la definizione “Prato” per indicare gli Spalti delle Mura è una bestialità assoluta e che, a maggior ragione in questo caso, diventerebe imperdonabile per chi ha incassato finora circa 10 milioni di euro di contributo da parte dei cittadini lucchesi ed enormi favori che gli hanno concesso di guadagnare ulteriori decine e decine di milioni con i suoi concerti. Contributi e favori che gli hanno permesso di diventare uno dei maggiori organizzatori italiani partendo da zero proprio da Lucca.
Il concetto e il rispetto che D’ Alessandro ha delle Mura era già emerso con il taglio dei 3 lampioni ottocenteschi che, soltanto grazie alle “comprensive” affermazioni del Soprintendente di allora e al fatto che il Comune di Lucca è carente per quanto riguarda il catasto dei beni culturali, non hanno dato origine ad un procedimento penale che sarebbe stato quantomeno dovuto.
Quindi i lampioni ottocenteschi in fusione unica sono ”ferrivecchi” , gli spalti sono dei “campi” e quale sarà la prossima sparata per le Mura? Verranno definite degli “ammassi di mattoni” che in certi punti andrebbero demolite per lasciare più spazio al palco?
Che dire poi del Sindaco quando afferma che tanto l’ erba ricresce dimenticando che per 10 mesi l’ anno gli spalti restano un pantano? Pensare a predisporre del’ erba sintetica è una follia assoluta e ci meraviglierebbe molto se il Sindaco lo avesse detto per davvero. Il Sindaco lo sa che con Decreto Ministeriale 103/2017 le Mura e gli Spalti sono beni tutelati specificatamente e quindi inseriti nel Catasto Culturale? Il Sindaco lo sa che questo comporta delle attenzioni specifiche ed inderogabili? Dovrebbe saperlo se non altro perché glielo abbiamo detto noi e poi perché ha utilizzato questi concetti nell’ ordinanza che vieta i risciò sulle Mura. Quindi i risciò danneggiano il Monumento e la palude sugli spalti per 10 mesi l’ anno no? Comprendiamo le pressioni che il Sindaco riceve dai Commercianti. Questo è sempre accaduto con qualsiasi Sindaco che c’è stato finora, però mai nessuno aveva maltratto Lucca in questo modo per il vantaggio commerciale di pochi.
Una frase contenuta nella recente sentenza che ha visto condannato il Commissario di Pompei al pagamento di 400.000 euro dice: la valorizzazione del bene culturale non può essere assimilata al mero “sfruttamento” dello stesso per fini di natura imprenditoriale-commerciale».
Se poi si aggiunge che D’ Alessandro è stato uno dei principali “stimolatori” dell’ utilizzo ludico/musicale di Pompei, il Sindaco avrebbe tutte le ragioni per cominciare a preoccuparsi seriamente.
http://vivereilcentrostorico.blogspot.com

Anonimo - inviato in data 14/06/2019 alle ore 11.59.07 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Non fa una piega - da Anonimo - inviato in data 14/06/2019 alle ore 23.21.57
resta sta capire perché tanti lucchesi si fanno umiliare in questo modo osceno.

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it