Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
giovedì 19 settembre 2019  
  ...in Toscana Altopascio - Porcari -Capannori amare gli animali Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Degrado lucchese Garfagnana La Tradizione Lucchese  
  l'Altra Stampa Mediavalle Necrologi Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Lucca Civica in merito al convegno sui Beni comuni e l'amministrazione condivisa

Lucarini (Sinistra con Tambellini) e Massagli (Lucca Civica): Lucca in prima fila su beni comuni e amministrazione condivisa, continuare e incrementare l'impegno per questa buona pratica all'avanguardia.

A distanza di pochi giorni dall'importante convegno sui Patti di cittadinanza e i beni comuni tenutosi presso la sala Consiliare del nostro comune, teniamo a rivendicare con orgoglio che fin dall'aprile del 2017, durante il primo mandato del Sindaco Tambellini, il Consiglio Comunale approvò il regolamento sull’amministrazione condivisa poiché già allora furono intuite le potenzialità e l’efficacia dei patti di collaborazione con i cittadini attivi per il recupero e la rigenerazione dei beni comuni.
Tale innovazione è riemersa con forza durante il convegno organizzato dall’Amministrazione Comunale martedì scorso, grazie all’intervento del professore Gregorio Arena, presidente di Labsus (laboratorio per la sussidiarietà) e delle numerose testimonianze dei patti già avviati nel nostro comune. Molte esperienze si occupano della cura di un bene materiale, ma il loro obiettivo principale è quello di costruire comunità coese, dove poter costruire legami sociali concreti, un obiettivo ambizioso in una società individualista e con forme di socialità sempre più virtuali.
Percorrendo la pratica dell’amministrazione condivisa, giorno dopo giorno, vengono messi in discussione i classici paradigmi su cui si fonda la pubblica amministrazione. Tuttavia questa strada rappresenta oggi, l’unico pilastro in grado di sostenere la nostra democrazia, la quale “ha bisogno di cittadini attivi. Non sa che farsene di cittadini passivi, apatici e indifferenti” come scrisse Norberto Bobbio.
Alla politica spetta il compito di incoraggiare questo cambiamento, verso l’attuazione del principio costituzionale di sussidiarietà. A livello locale non solo dobbiamo diffondere e incoraggiare la stipula di nuovi patti di collaborazione, ma anche creare una struttura in grado di accogliere la voglia di partecipazione che viene dai cittadini, attraverso un coordinamento locale degli Enti che hanno adottato il regolamento sull’Amministrazione condivisa, o anche la strutturazione di un ufficio con personale ad esso dedicato.

Redazione - inviato in data 14/06/2019 alle ore 13.07.53 - Questo post ha 2 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- IL PARADIGMA PARADIGMATICO - da Anonimo - inviato in data 15/06/2019 alle ore 1.41.01
La gestione comune paradigmatica dei beni collettivi è alla base dell'espansione della comunità attiva, formata da cittadini adulti e consapevoli, che porti alla partecipazione partecipativa che caratterizzerà la società nuova, basata sulla solidarietà....... MA FATELA FINITA!!

---------------------------------------
- LC - da Anonimo - inviato in data 14/06/2019 alle ore 16.04.21
Perché Lucca civica esiste ancora ? Pensavo solo sotto elezioni !!

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it