Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
sabato 15 agosto 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
75 Anni fa la liberazione di Altopascio

Sabato 7 e domenica 8 due giorni di eventi per celebrarla e attualizzare la memoria

Altopascio, 3 settembre 2019 - Cadeva di lunedì il 4 settembre del 1944, quando, nel pomeriggio inoltrato, le truppe della V armata americana entrarono ad Altopascio: la cittadina del Tau era libera. 75 anni dopo l’amministrazione comunale rende omaggio a quel momento con una due-giorni di iniziative, in programma sabato 7 e domenica 8 settembre. “Le strade della memoria”, questo il titolo, che vuole unire la rievocazione storica al ricordo vivo dei protagonisti dell’epoca, oggi anziani, intervistati e accompagnati in questo percorso di riappropriazione e condivisione della memoria dai giovani altopascesi.
All’indomani della Liberazione lo spettacolo era dei più tristi: la guerra aveva distrutto un terzo dei fabbricati di Altopascio e il numero degli sfollati era salito a oltre 3000. Ma, come racconta Goffredo Leinardi nel suo libro dedicato al C.L.N. locale, emerge in quella situazione di profondo caos la figura di don Bruno Biondi, parroco di Altopascio dal 1936. Un prete di sentimenti antifascisti che diventa in quel momento così drammatico l’unico punto di riferimento e di appoggio per la popolazione. Fu lui che, non abbandonando mai il suo posto, raccolse le file disperse dell’esiguo antifascismo locale, mantenne contatti con l’avv. Carignani, esponente cattolico della lotta clandestina lucchese e quindi prefetto di Lucca liberata; lui ancora che fornì occasionalmente informazioni militari ad agenti alleati. “In quella stagione drammatica - spiega il presidente del consiglio comunale con delega alla continuità della memoria storica, Sergio Sensi -, la chiesa, la canonica e il magnifico campanile, rifugio sicuro di tante vite, costituirono davvero il centro fisico e spirituale di Altopascio. Ed è proprio questo voler attualizzare la memoria per riannodare i fili del nostro passato e delle nostre radici l’anima della manifestazione: unire passato e presente e futuro, attraverso un passaggio di testimone che mette a confronto le generazioni e le storie, i ricordi e i sogni. Per questo motivo, oltre alle associazioni che si occupano di rievocazione storica, abbiamo coinvolto il centro diurno anziani “L’aquilone” e i giovani del centro di aggregazione e i rappresentanti del consiglio comunale dei ragazzi: insieme hanno svolto un percorso durato mesi, fatto di interviste, riprese video, raccolta di scritti e di fotografie. Vere e proprie incursioni nella memoria, che hanno permesso a tutti loro, insieme, di scrivere l’inno alla libertà, che verrà intonato proprio questo fine settimana durante una delle iniziative in programma”.
IL PROGRAMMA. La manifestazione prenderà il via sabato, alle 11, con l’apertura al pubblico dell’accampamento militare americano (mostra di materiali e automezzi in uso durante la seconda guerra mondiale), allestito sugli spalti delle Mura castellane. Alle 16, sempre di sabato 7, l’accampamento verrà ufficialmente inaugurato dai rappresentanti dell’amministrazione comunale e dal veterano Ivan J. Houston, reduce americano della divisione Buffalo. Saranno presenti anche i referenti della base militare di Camp Darby di Pisa e il responsabile del Florence American Cemetery and Memorial di Falciani, Firenze. Domenica 8, alle 10.15, il corteo storico, accompagnato dalla banda di cornamuse, partirà dall’accampamento militare per dirigersi in piazza Vittorio Emanuele e quindi in piazza Gramsci, dove verrà deposta la corona commemorativa al monumento ai caduti. Nel pomeriggio, invece, doppio appuntamento in piazza Ospitalieri: si comincia alle 16 con la celebrazione della memoria, l’arrivo dei figuranti storici in piazza e la rappresentazione della memoria da parte degli ospiti del Centro diurno “L’Aquilone” e dei ragazzi del centro di aggregazione e dei rappresentanti del consiglio comunale dei ragazzi. Tutti insieme intoneranno la canzone della libertà, scritta e preparata appositamente per l’occasione, attraverso una vera e propria staffetta tra generazioni. A seguire, alle 17, in Sala Granai (piazza Ospitalieri) si terrà la conferenza “La guerra in casa e soldati di ogni nazione”.

Redazione - inviato in data 03/09/2019 alle ore 18.31.33 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it