Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
sabato 21 settembre 2019  
  ...in Toscana Altopascio - Porcari -Capannori amare gli animali Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Degrado lucchese Garfagnana La Tradizione Lucchese  
  l'Altra Stampa Mediavalle Necrologi Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Voi vedete statisti in giro ?

Leggendo un contributo di un lettore/scrittore, abituale su questo giornale, in merito al monumento messo in Piazzale Boccherini una cosa mi ha colpito a cui non avevo mai pensato: i nostri politici (locali e nazionali) hanno in cima alla lista delle loro preoccupazioni quella di raccattare voti e consenso immediato. Quello da leggere sul giornale il giorno dopo sul giornale. Del nastro da tagliare. Cose fatte col bilancino del tornaconto personale, magari per avere il consenso di una ristretta cerchia di 'amici' senza un minimo di prospettiva futura. Magari cose anche appariscenti - e costose - ma che poi resteranno anche nei decenni a venire. Fazzi a suo tempo inizio una viabilità alternativa, che sarebbe servita alla città e gli avrebbe portato consenso immediato ma fu stoppato e per ripicca, forse, ci ha lasciato un aereo fantozziano alle porta della città. Tambellini, a parte il malgoverno - secondo me - passerà alla storia lucchese per le rotonde sulla circonvallazione estremamente costose quanto in prospettiva inutili (una circonvallazione a senso unico sarà l'unica soluzione risolutiva). Tutti gli ultimi sindaci sono sempre stati alle prese con il problema parcheggi e le limitazioni del traffico in centro. In questi giorni si discute, come sempre, su questi argomenti con opinioni ed interessi contrapposti: commercianti contro residenti (e purtroppo non solo su traffico e parcheggi). Per restare in argomento penso che non si possano considerare due problemi separati: traffico / parcheggi periferia e traffico / parcheggi centro storico. Entrambi fanno parte dello stesso problema globale per la città e come tale va affrontato.
Personalmente, e qui mi attirerò le ire di tutti, penso che il problema debba essere risolto una volta per tutte, per almeno i prossimi 50 anni. Come ? beh, io penso che i parcheggi dovrebbero essere tutti fuori dalle mura. Interrati, e distribuiti in maniera equa affinché siano fruibili a tutti i residenti ed a tutti gli esercizi commerciali della città (Balilla, Porta S.Maria, Porta Elisa con collegamenti pubblici efficienti al centro). Sotto le porte di accesso le sbarre che si aprono solo con il telepass per residenti e gli autorizzati. Sarà un'operazione costosa e magari scontenterà tutti o quasi ma sarà di lungo termine e alla fine la situazione troverà nuovi equilibri.
Lucca in dieci minuti si attraversa a piedi, basta riprendere la sana abitudine di camminare. Quando andiamo a Bologna, Firenze, Milano o Roma non camminiamo ? Perché a Lucca no ?

Queste sono decisioni politiche che devono esser fatte da politici veri. Chi pensa a mettere un varco in più per accontentare o non scontentare qualcun'altro ha già fallito e sbagliato mestiere (perché purtroppo la politica è diventata un mestiere).

'Un politico guarda alle prossime elezioni. Uno statista guarda alla prossima generazione'. (Alcide De Gasperi)

Voi vedete statisti (da noi bravi politici) in giro ?

C.Cristofani - inviato in data 12/09/2019 alle ore 20.37.01 - Questo post ha 3 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Vedo solo politici che - da Anonimo - inviato in data 15/09/2019 alle ore 0.06.03
si fanno schiavi delle imposizioni UE neoliberiste.

I veri statisti nell'accezione data da De Gasperi, infatti, cercherebbero di rendere più efficiente e meno sprecone il nostro statalismo (notazione positiva), che comunque tutela in qualche modo le classi più indigenti e senza potere.

Dunque, gentile Cristofani, si rallegri: in Italia è vero che non esiste nessun partito veramente liberale, e forse non c'è mai stato, ma il futuro dell'Italia sarà neoliberista per imposizione esterna, con distruzione totale del ceto medio cui credo anche lei appartenga (il ceto basso fa già la fame da decenni, ormai).

Non vedo infatti nessun argine valido al dilagare del neoliberismo più becero in tutto il mondo, in cui le multinazionali saranno molto più potenti dei singoli stati e potranno aggredire in ogni modo le ricchezze di ciascuno, sminuendo, umiliando e scavalcando le Costituzioni dei vari paesi, utilizzando anche la potenza dei sistemi bancari, magari tramite il controllo delle transazioni dopo che il contante sarà abolito.

Già adesso i politici sono marionette nelle loro mani: basta vedere l'assurda voglia di CETA e di TTIP, ovvero di accordi sul commercio con Canada e USA che sono pericolosamente SBILANCIATI a nostro sfavore, l'oro italiano che non controlliamo più, la nostra moneta in mano a organismi esteri non scelti da nessuno, la nostra sovranità regalata a chi la userà pro domo sua, le tasse altissime per ripagare gli interessi sui titoli speculativi detenuti dai rentier esteri, la spada di Damocle dello spread ormai agitata ogni volta che serve e con una spudoratezza mai vista, ecc. ecc..
Operano già allo scoperto, con arroganza, senza vergogna e senza temere conseguenze, e le persone invece di indignarsi restano imbambolate dalle scuse e dalle motivazioni assurde che i media propagandano, facendo leva sull'ignoranza di base dei popoli riguardo le regole economiche.

Già adesso le coperte troppo corte non si contano: in futuro sarà peggio.

Quando le persone proveranno il funzionamento di questi meccanismi neoliberisti e ne proveranno sulla loro pelle le conseguenze, sarà uno shock per tutti.
Improvviso e devastante.
E sarà troppo tardi.
E di nuovo la storia non avrà insegnato NIENTE.

E dunque sì, in giro vedo solo politici.





---------------------------------------
- L'unico - da Anonimo - inviato in data 13/09/2019 alle ore 11.01.23
L'unico statista che vedo si chiama Tambellini Alessandro ,no mi sono sbagliato, volevo dire Raspini Francesco

---------------------------------------
- LEI RICORDA MALE - da Anonimo - inviato in data 13/09/2019 alle ore 4.23.48
La viabilità alternativa fu iniziata al tempo in cui Lucca era governata ancora dalla DC e dai suoi alleati. Poi i lavori furono stoppati per il coinvolgimento di una delle aziende che eseguivano i lavori nella tangentopoli genovese (era il 1993!!). Sia chiaro, a Lucca nessuna tangente, ma la ditta fallì per fatti accaduti a Genova, i lavori si interruppero e poi non vennero mai ripresi, un po''per il fatto che la SALT (che pagava tutta l'opera) non aveva alcuna voglia di ricominciare, sia a seguito della vittoria di un sindaco (Giulio Lazzarini), che aveva preso i voti anche dai comitati anti viabilità e dal PDS (che era contro quest'opera importantissima). In tal modo Lucca perse l'occasione di vedersi realizzare GRATIS la viabilità senza spendere un Euro di soldi pubblici, ma semplicemente reinvestendo i pedaggi versati dai cittadini alla SALT. Un'occasione del genere non capiterà più e Lucca è finora rimasta con infrastrutture indecenti e con gli autoarticolati a pochi metri dalle Mura.

Fazzi?? Fazzi riuscì a terminare, dopo l'inutile quadriennio lazzariniano, i due brevi tratti iniziati. Purtroppo fece l'errore di demolire i piloni in fondo a viale Europa. Mise anche l'aereo, ma questo con la viabilità non c'entra.



---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it