Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
sabato 21 settembre 2019  
  ...in Toscana Altopascio - Porcari -Capannori amare gli animali Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Degrado lucchese Garfagnana La Tradizione Lucchese  
  l'Altra Stampa Mediavalle Necrologi Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Cerimonia di Premiazione “Lucchesi che si sono distinti all’estero” Anno 2019

I premiati e le motivazioni

Lucca, 13 settembre 2019 – Si è tenuta questo pomeriggio (ndr 13 settembre) nella Sala Ademollo di Palazzo Ducale a Lucca, la tradizionale cerimonia di premiazione dei “Lucchesi che si sono distinti all’estero “. Dopo i saluti istituzionali a tutti i presenti il Presidente della Camera di Commercio, Giorgio Bartoli e il presidente dell'Associazione Lucchesi nel Mondo, Ilaria Del Bianco hanno consegnato i premi, riconoscimento per i conterranei che, operando nel campo dell'imprenditoria e del lavoro, delle professioni, della cultura e del volontariato, hanno contribuito alla crescita economica e sociale dei Paesi di accoglienza, tenendo alto il nome di Lucca e della sua provincia.

Nel corso della lunga storia emigratoria dei lucchesi sono spesso emersi personaggi importanti e famosi, sia durante il lungo periodo della Repubblica Lucchese, sia dopo l’Unità d’Italia, e ciò continua anche oggi, ed è per questo che nel 1970, è nata l’idea di un riconoscimento ai Lucchesi che si sono distinti all’estero.

E’ stato inoltre assegnato il Premio Martinelli, riconoscimento per specifici meriti nell’ambito sociale e della solidarietà, all’artista Cristina Finucci, nata a Lucca nel 1956, originaria di Casabasciana (Bagni di Lucca), artista, architetto e fondatrice del Garbage Pacth State. Il presidente Mattarella le ha conferito l’Ordine al merito della Repubblica per l’impegno artistico e ambientale.

Durante la cerimonia sono stati anche consegnati i premi ai vincitori del Concorso a premi riservato agli allievi delle classi terminali delle Scuole Secondarie di primo e secondo grado indetto da UNAIE Unione Nazionale delle Associazioni di Immigrati ed Emigrati, per favorire un momento di riflessione sull’attuale spinta alla mobilità che caratterizza il Sud del Mondo ed anche il nostro Paese.

Hanno ricevuto il primo premio il Gruppo della Classe 4 CL dell’Istituto di Istruzione Superiore Chini Michelangelo. Inoltre, è stata assegnata la menzione d’onore all’alunna Emiliana Kaci del Liceo Artistico A. Passaglia e il gruppo della classe 4 BSU dell’Ist. Superiore Chini Michelangelo.


---------------------------

le motivazioni dei premiati:

James Adams Clark Jr. - Nasce nel 1958 negli Stati Uniti, ma l’attaccamento alle proprie origini lo portano a richiedere la cittadinanza italiana nel 2006. Il nonno Alberto Dell’Agnese nacque infatti nel 1899 a Villa Collemandina e si trasferì con la famiglia in America nel 1956, dove avviò un’attività di ristorazione, seguendo la tradizione familiare. Durante l’infanzia James segue gli insegnamenti del nonno che conduce una vita da bravo “lucchese” fatta di onestà e duro lavoro. In età adulta decide di non continuare la tradizione di famiglia, ma di dedicarsi a tutt’altro business: la moda.
Apre il suo primo negozio nel 1981 in Svezia con il nome “Jay M Jay” e diventa subito la passione della sua vita. Il successo è immediato e ben presto il negozio diventa distributore esclusivo di tutti i paesi scandinavi per 450 marchi selezionati.
Il quartiere generale si trova a Landskrona in Svezia, mentre il principale showroom è a Copenhagen in Danimarca e online su www.jaymjay.se.Tra i brands del portafoglio di Jay M Jay segnaliamo: Dolce&Gabbana, Cavalli, Trussardi, Herno, Marc Jacobs, Scervino, Isaia, Pinko, Jacob Cohen e molti altri.
L’azienda oggi ha 552 dipendenti, 50 negozi con 600 diversi marchi. È diventata una delle prime e più importanti società commerciali nell’industria della moda di Hong Kong, China e Macau.

Gino Da’ Prato - Nasce nel 1961 in Scozia. Il nonno emigrò da Barga nel 1893 a Newton Stewart ed aprì il Central Cafè, dando lavoro a 3 famiglie con 17 figli in totale. Da ragazzo anche Gino lavora nell’azienda di famiglia guidando il furgoncino del gelato del padre e lavorando come “milky man”, ma ben presto capisce che la sua passione è un’altra. Si trasferisce quindi a Londra ed inizia a lavorare da Harrods nel settore abbigliamento. Qui intraprende la sua avventura nel settore della moda che lo porta a diventare un grande imprenditore titolare, insieme a due soci, del FourMarketing, un’azienda mondiale con 500 dipendenti nel campo della distribuzione di capi di moda.
Gino, oltre al successo lavorativo, ha contribuito in modo determinante alla raccolta fondi per la costruzione dell’ospedale “The Princess & Prince of Wales” di Glasgow da 21 milioni di sterline.
Grazie a Gino ed al forte attaccamento alle proprie origini, Il Glasgow Hospice ha al suo interno il “Barga Cree Cafè”, un’area comune nella hall dove tutti coloro che accedono alla struttura possono ricevere informazioni ed incontrare i pazienti, ma soprattutto assaggiare un piccolo angolo di lucchesia in Scozia.

Moreno Giovannoni - Nasce a San Ginese di Compito nel 1955 e, insieme ai genitori, si trasferisce in Australia nel 1958. Si diploma presso il NAATI, National Accreditation Authority for Translators and Interpreters come interprete e traduttore per la lingua italiana e come traduttore dal francese all’inglese. Si laurea in lettere all’Università di Melbourne ed ottiene l’abilitazione all’insegnamento di letteratura inglese e lingua italiana nelle scuole secondarie. Nel 2013 consegue il master in Scrittura Creativa.
Moreno è tra i più importanti ed affermati interpreti e traduttori in Australia. Ha lavorato per il Ministero dell’Immigrazione e, successivamente, come libero professionista, per una vasta gamma di enti, sia governativi che privati.
Dal 2000 al 2002 è stato presidente di AUSIT, associazione australiana dei traduttori ed interpreti professionisti e, in seguito, membro del consiglio nazionale e tesoriere della stessa.
Ha ricevuto da AUSIT il titolo di Fellow, un riconoscimento destinato a professionisti che hanno dato un contributo di rilievo nel campo della traduzione e dell’interpretariato.
Moreno è stato inoltre membro della giuria esaminatrice NAATI per la professione dell’interpretariato e della traduzione.
In questi ultimi anni Moreno è diventato scrittore ed ha pubblicato diverse novelle e saggi vincendo la prima edizione del premio Deborah Cass per autori migranti.
Quest’anno il suo primo libro “The Fireflies of Autumn and Other Tales of San Ginese” (Le lucciole d’autunno e altre novelle di San Ginese) è stato pubblicato ed ha ricevuto grosso consenso sia del pubblico che della critica.

Raffaello Gonnella - Nato a Glasgow in Scozia nel 1955 da Vira Santini e Renato Gonnella originario di Barga. Raffaello ha lavorato per 30 anni al Dipartimento del Risparmio Nazionale. Durante la sua carriera ha svolto numerosi incarichi. È stato team leader di una sezione del servizio clienti, responsabile del team dell’ufficio reclami, operatore e programmatore di computer. È stato selezionato per far parte del team di formazione del dipartimento, inizialmente per l’installazione di un nuovo sistema informatico e successivamente diventando responsabile della formazione di 10.000 impiegati fra i dipartimenti di Glasgow, Londra, Blackpool e Durham.
Appassionato di genealogia ha ricostruito attentamente l’albero genealogico della famiglia Santini e della famiglia Gonnella cercando a lungo legami e relazioni fra i due. Per approfondire la materia ha conseguito un certificato in studi genealogici alla Strathclyde University. In particolare nel corso della sua vita si è concentrato sulla storia dell’emigrazione italiana con ricerche approfondite sul periodo della seconda guerra mondiale e sulla tragedia della Arandora Star in cui persero la vita più di 400 italiani, molti originari delle zone dell’Appennino, in particolare Lucchesi e Parmense e tra questi suo nonno materno Quinto Santini. Raffaello ha riassunto questa triste vicenda in uno scritto dal titolo “Italian-Scots to Scottish Italians” rendendola nota per appassionati e studiosi del genere.

Marcella Olivati - Nata nel 1978 a San Paolo, in Brasile. La sua famiglia è originaria di Pontetetto e Santa Maria a Colle. Suo nonno emigrò con la famiglia nel 1945 ed avviò un’azienda di falegnameria, attiva tutt’oggi ed ancora di proprietà della famiglia. Il legame di Marcella con la propria città di origine è così forte che alla nascita di suo figlio ha voluto imprimerlo nel suo nome, chiamandolo “Lucca”. Fin da bambina Marcella ha coltivato e preservato le proprie radici lucchesi, accompagnando il padre nelle attività dell’Associazione Lucchesi nel Mondo di San Paolo e cercando di coinvolgere anche altre associazioni come Giovani Cuore e Mamma Pantera.
Laureata in Lettere e Pedagogia ha iniziato la sua carriera insegnando nell’unica scuola italiana, Scuola Eugenio Montale, presente a San Paolo e dove oggi svolge il ruolo di coordinatrice didattica sia del settore della scuola d’infanzia che della scuola primaria.
Oltre a svolgere quest’incarico collabora con altre istituzioni private d’insegnamento, con grandi editori per l’elaborazione di libri e materiali didattici ed impartisce corsi di formazione e perfezionamento per professori nelle scuole e nelle università.
Nel corso degli anni ha partecipato a numerosi corsi di formazione in Italia (all’università di Siena, all’Istituto Loris Malaguzzi di Reggio Emilia) e all’estero.
Nel 2000 ha partecipato alla Conferenza Internazionale della Gioventù organizzata dalla Regione Toscana presentando riflessioni e disegni di progetti sull’assistenza sociale rivolta ai bambini provenienti da una fascia di reddito bassa.
Quale Lucchese che onora la sua terra dedicandogli il nome del proprio figlio e ne valorizza la tradizione attraverso l’associazionismo e l’insegnamento è meritevole del Premio “Lucchesi che si sono distinti all’estero”.

Angelo Pagni - Nato a Santa Maria a Monte nel 1950 da papà Bramasco Pagni e mamma Aurora Guerra, nata a Ruota (Capanori) nel 1923. Nel 1966 emigra con la famiglia ed il fratello Enzo a Chicago. A sedici anni inizia a lavorare nei ristoranti come cuoco e dopo undici anni di apprendistato, acquista, insieme al fratello, un piccolo ristorante dandogli il nome di Sabatino Restaurant, dove vengono serviti piatti tipici della tradizione lucchese. La bravura dei suoi cuochi fa crescere rapidamente la clientela ed in pochi anni il ristorante è costretto ad ampliarsi per ben 2 volte.
Sabatino acquista fama e diventa un punto di riferimento frequentato dalle più autorevoli persone di Chicago e dintorni. La sua attività, che perdura da quasi 50 anni, ha dato lavoro a più di 50 unità di personale, per la maggior parte italiano.
Angelo, insieme al fratello, hanno contribuito nell’arco degli anni ad effettuare donazioni all’ospedale pediatrico Shriner per migliorare le attrezzature mediche per un totale di oltre trecentomila dollari.
Angelo è fortemente impegnato anche nel sociale. Partecipa attivamente alla vita dell’associazione Lucchesi nel Mondo di Chicago e di altre associazioni.
Nel corso degli anni ha ricevuto significativi riconoscimenti per il suo lavoro e per le sue opere benefiche.

Stefano Quilici - Nato a Pozzuolo nel 1947 emigra a San Francisco nel 1969. Nonostante le difficoltà linguistiche trova subito lavoro come dipendente. L’ambizione di Stefano però lo porta presto ad aprire una sua attività: un’impresa di pulizie. Per 13 anni l’attività prosegue senza difficoltà, ma a causa di un problema di salute Stefano è costretto a vendere. Viene assunto dalla United Airlines con un incarico di grande responsabilità: capo reparto. Spetta a Stefano, infatti, ordinare, ricevere e consegnare le parti ai meccanici per le successive fasi di lavorazione.
Nel 1977 diventa membro dell’Associazione Lucchesi nel Mondo di S. Francisco alla quale ha dedicato gran parte del suo tempo libero: ha organizzato viaggi in autobus per gli anziani, cucinato per le cene tipiche lucchesi, cantato e organizzato feste di capodanno. Ha trainato con la sua auto il carro allegorico dell’associazione realizzato per il Columbus Day.
Stefano è stato l’artefice di due importanti raccolte fondi. La prima nel 1981 per i terremotati italiani, la seconda nel 2009 per Mission Hospice and Home Care in San Mateo raccogliendo oltre 350 mila dollari. Un successo dedicato alla memoria di sua madre Annunziata Pieri Quilici.
Per questi atti generosi Stefano ha ricevuto riconoscimenti dallo Stato della California ed il premio annuale della Giornata della Filantropia della Silicon Valley.
Oggi Stefano è vice presidente dell’Associazione Lucchesi nel Mondo di San Francisco ed insieme alla moglie Elena continua a trasmettere alla propria famiglia le antiche tradizioni che ogni anno li riportano a Lucca a sfilare dietro il labaro di San Francisco in processione.
Per il lavoro svolto e per le attività sociali portate avanti con generosità e dedizione la Camera di Commercio di Lucca e l’Associazione Lucchesi nel Mondo conferiscono il premio “Lucchesi che si sono distinti all’estero”.

Thekla Reuten - Nata a Bussum, Olanda nel 1975, vive ad Amsterdam. È nipote di Tobia Contrucci e Rosa Cianelli, nativi di Bagni di Lucca e per 36 anni gelatieri ad Amsterdam. Thekla è figlia di Simona Contrucci, nata a Bagni di Lucca nel 1945 e del noto studioso olandese Joost Reuten, ex agostiniano, scrittore, redattore e conduttore televisivo. Diplomata all’Accademia di arte drammatica di Amsterdam a soli 22 anni, Thekla ha presto ottenuto il riconoscimento di registi teatrali e sceneggiatori per ruoli in produzioni significative, debuttando in TV con la serie televisiva olandese “Wij Alexander” nel 2002.
Oggi è un’attrice affermata di cinema e teatro. È salita sul palcoscenico di Londra nel 2005 interpretando Blood Wedding di Federico Garcia Lorca. Ha recitato in numerosi film acclamati e premiati a livello internazionale di cui due candidati all’Oscar come miglior film straniero: Assolutamente Famosi del 2000 e Twin Sisters del 2002. Quest’ultimo dove ha interpretato il ruolo che l’ha portata alla ribalta internazionale.
Nel 2010 è sul set con George Clooney in The American girato in Abruzzo per dare un aiuto ai terremotati dell’Aquila.
In Italia è andata in onda nel 2015 con la mini serie su Rai 1 L’angelo di Sarajevo, girato con Beppe Fiorello.
Tra le sue ultime interpretazioni segnaliamo Red Sparrow, un avvincente thriller di spionaggio uscito nel 2018 in cui ha recitato al fianco di Jennifer Lawrence e Matthias Schoenaerts.
È inoltre ambasciatrice di “Terre des Hommes” impegnata nella difesa dei diritti dei bambini e nella promozione di uno sviluppo equo, senza alcuna discriminazione.
Viene spesso in Toscana e mantiene vivo il legame con Bagni di Lucca dove le tre sorelle Contrucci possiedono ancora la casa di famiglia a Benabbio.

Ada Santi Marinelli - Nata a Pian della Rocca, Borgo a Mozzano, nel 1942 emigra con la famiglia a Washington DC nel 1953. Completa gli studi alla George Washington University ed inizia subito la sua carriera al dipartimento delle Poste, della sede centrale di Washington DC, dove si distingue per la sua dedizione e professionalità che la porta dal ruolo di segretaria ad ottenere la promozione come Direttore Agente Immobiliare.
Il suo lavoro consisteva nel misurare e classificare gli spazi e gli uffici nei palazzi delle poste al fine di affittarli ad altre agenzie federali.
Il lavoro la porta a viaggiare per gli Stati Uniti, insegnando ad altri colleghi i metodi di misurazione e classificazione. Impartisce corsi di formazione e contribuisce a scrivere la Guida per fare contratti di affitti tra Poste e Agenzie Federali.
Insieme al marito Rodolfo aprono un ristorante italiano a Camp Spring nel Maryland chiamandolo Rudy’s Pizza. Tra i piatti presenti nel menu c’è la famosa ed apprezzata lasagna di Ada.
Ada è membro attivo dell’Associazione Lucchesi nel Mondo di Washington DC dal 1996. Fin da subito si è fatta promotrice di una campagna per la ricerca di nuovi membri di famiglie Lucchesi da avvicinare alla vita dell’associazione. Ha impartito lezioni di cucina ed organizzato viaggi in Toscana.
Più recentemente, insieme alle figlie, è impegnata in raccolte fondi per trovare una cura contro il morbo dell’Alzheimer; malattia che purtroppo ha colpito il marito.

Michelangelo F. Stefani - Nasce in Belgio nel 1966 da una famiglia originaria di Lucca.
Frequenta l’Università Cattolica di Louvain-La-Neuve in Belgio dove nel 1990 si laurea in legge ad indirizzo di diritto commerciale, aziendale europeo ed internazionale.
Nel 1996 consegue il master in legge all’Università Americana di Washington D.C., specializzandosi in Business Internazionali.
Nel 2004 consegue il diploma post laurea in diritto della concorrenza CE al King’s College di Londra. La sua prima esperienza lavorativa avviene alla Comunità Europea di Bruxelles nella commissione per le istituzioni finanziarie e il diritto societario.
Collabora poi con diversi studi associati in Belgio mettendo a frutto i suoi studi di diritto internazionale e, grazie alle sue conoscenze linguistiche, offrendo consulenza a diverse società straniere, tra queste molte italiane.
Nel corso degli anni diventa consulente legale per diverse aziende in Belgio e in Lussemburgo e vice presidente per Covidien dal 2011 al 2015 e per Medtronic 2015-2016. Dal 2016 è vice presidente e legale internazionale per Hologic, azienda leader nel settore medico diagnostico ed Healthcare.
Michelangelo viene spesso chiamato a partecipare come relatore a conferenze sul tema della conformità legale dei dispositivi medici e farmaceutici.
È inoltre membro dell’Associazione Corporate Counsel Europe (ACCE) ed è stato membro del Brussels Bar dal 91 al 96.

Carlo Suffredini - Nasce nel 1966 a Camporgiano. Frequenta l’Istituto Alberghiero di Montecatini e successivamente di Roma dove consegue il diploma in Turismo e Gestione Alberghiera. A Roma svolge la sua prima esperienza lavorativa come addetto al front office per lo Sheraton. Entrare a far parte della famosa catena alberghiera lo porta a lavorare a Francoforte, a Firenze e a Genova facendo carriera e diventando Rooms Division Manager. Ma sono le esperienze avvenute al di fuori della famosa catena alberghiera a farlo diventare Direttore Generale.
Lavora a Siviglia, Marbella, Madrid fino a tornare alla catena Sheraton a Gran Canaria.
Dal 2006 lavora a Siviglia, dove attualmente risiede, per l’Hotel Alfonso XIII come Direttore Generale.
Da allora importanti sono stati i riconoscimenti raggiunti dall’Hotel Alfonso XIII: nel 2014 la 72esima posizione come miglior hotel del mondo, e la settima in Europa secondo la rivista Conde Nast.
Nel 2015 la 33esima posizione nel mondo e la settima in Europa secondo la rivista Travel & Leisure.
Sempre nel 2015 la 15esima posizione nel mondo secondo Insider Business. Nonché importanti premi in Spagna dal 2013 al 2017.
Carlo è fortemente attaccato alle proprie origini e viene spesso nella casa di famiglia in località La Villa Poggio a Camporgiano.
Un professionista di altissima qualità. La sua creatività lo porta a costruire sfide innovative che raggiungono traguardi tanto importanti quanto ambiziosi. Si distingue per puntualità, precisione e stile.

Pier Luigi Vitalini - Nasce a Spianate nel comune di Altopascio nel 1942. A 15 anni raggiunge il padre a Miami in Florida dove aiuta la zia Marcella, titolare di una catena di ristoranti, pizzerie ed un servizio di catering per le linee aeree.
Si diploma alla North High School di Miami e si iscrive alla facoltà di ingegneria dell’università di Miami.
L’anno successivo torna in Italia dove è costretto a ridare il diploma a Torino poiché all’epoca il governo Italiano non riconosceva i titoli di studio americani.
Inizia poi a lavorare in una ditta di produzione di materiale dentario e appena diviene economicamente indipendente fonda la sua azienda, titolare di vari brevetti nel settore della diagnostica a raggi X.
Nel 1974 si laurea in Scienze politiche all’Università di Urbino. Nel 1976 si trasferisce con la famiglia a Monte Carlo di Monaco; spostandovi anche l’azienda, che rimane attiva fino al 2002, quando Pier Luigi decide di andare in pensione.
Si dedica quindi ad altre attività: diventa Consigliere Diplomatico della Repubblica di San Marino e Consigliere Delegato di due fondi di investimento inglesi, per le sue competenze in materia di finanza internazionale. A Roma diventa Consigliere delegato della Vitrociset.
Da sempre interessato alla genealogia, segue gli ordini dinastici di Casa Savoia e, dopo aver fondato il Capitolo monegasco, diventa Segretario del Consiglio e poi Vice-Cancelliere degli Ordini Sabaudi.
Gli vengono conferiti vari titoli ed onorificenze: Gr. Uff. al Merito della Repubblica Italiana, Commendatore a San Marino, Cavaliere nel Principato di Monaco.
È un appassionato di Numismatica ed anche sportivo. Ha giocato in vari tornei di tennis amatoriale, ha fatto il pilota di rally negli anni ’70 ed ha ottenuto un brevetto di pilota di aerei di secondo grado.
Dal 2012 risiede nelle Filippine.
Per i traguardi lavorativi, per le ricerche e i riconoscimenti l’Associazione Lucchesi nel Mondo e la Camera di Commercio di Lucca gli conferiscono il premio “Lucchesi che si sono distinti all’estero”.

PREMIO MARTINELLI
Maria Cristina Finucci - Nata a Lucca nel 1956 dalla famiglia Finucci di Casabasciana nel comune di Bagni di Lucca è consorte dell’attuale Ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede. Cristina è un’artista, architetto e designer nota per aver fondato nel 2013 il Garbage Patch State, una Nazione in apparenza immaginaria, ma reale perché negli Oceani si sono formate cinque grandi estensioni di plastica galleggiante che messe insieme coprono 16 milioni di chilometri quadrati, uno Stato secondo al mondo per grandezza solo alla Russia.
L’idea di Cristina, presidente di questo Stato, è quella di renderlo reale attraverso un progetto artistico fatto di immagini che ne definiscono i confini geografici. L’obiettivo è far prendere coscienza alle masse del grande disastro ambientale che si sta perpetrando negli oceani. Come afferma lei stessa: “penso di essere l’unico capo di Stato a volere che il suo Paese sparisca”.
La prima installazione del Garbage Patch State è avvenuta l’11 aprile 2013 alla presenza della Direttrice Generale dell’UNESCO. L’Opera riproduceva una delle isole di plastica occupando la gigantesca “salle des pas perdus” nell’edificio principale dell’Unesco.
Nel 2014 il Garbage Patch State si presenta a Madrid con una installazione pubblica sulla Gran Via e a New York nel quartier generale delle Nazioni Unite.
Nell’ambito degli eventi collaterali di EXPO 2015 Cristina inaugura l’installazione “Vortice”, patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e dei Mari.
Il Garbage Patch State si manifesta negli anni successivi a Venezia, a Parigi, a Roma, a Lucca ed in molti altri luoghi.
Lo scorso 15 febbraio il presidente Sergio Mattarella ha conferito a Cristina l’Ordine al merito della Repubblica per l’impegno artistico ed ambientale. Un impegno che si manifesta anche come testimonial di One Ocean, la fondazione impegnata nella salvaguardia dei mari con azioni quotidiane alla portata di tutti.

Redazione - inviato in data 13/09/2019 alle ore 18.45.56 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it