Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
lunedì 6 luglio 2020  
  ...in Toscana Altopascio - Porcari -Capannori - Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Porcari inaugura il bilancio partecipativo

Porcari inaugura il bilancio partecipativo, si parte dalle località più esterne.

Giovedì 17 primo laboratorio a Rughi

Il più bel modo di fare politica è stare in mezzo ai cittadini e ascoltare i loro bisogni. Con queste parole il sindaco Leonardo Fornaciari ha aperto questa mattina (15 ottobre) la conferenza stampa in cui è stato presentato il percorso che porterà il Comune di Porcari a sperimentare il primo bilancio partecipativo della sua storia. Alla conferenza stampa erano presenti anche gli assessori Roberta Menchetti e Lisa Baiocchi, Tiziana Squeri di Eubios, la società incaricata dal Comune di curare e facilitare le attività, e i consiglieri incaricati per Rughi e Padule, Pietro Ramacciotti e Simone Giannini.




La parola d’ordine è dunque partecipazione. Partecipazione attiva alla vita amministrativa del paese, attraverso la definizione e la successiva selezione di azioni ed interventi per il miglioramento della vivibilità e della qualità urbana. Si parte con le frazioni più esterne di Rughi e Padule, ma successivamente saranno coinvolti tutti i quartieri di Porcari.




La sperimentazione riguarda l’impiego di strumenti di partecipazione orientati non solo alla consultazione sulle aree di intervento prioritarie ma anche all’attivazione di un impegno civico diretto nella realizzazione delle progettualità prioritarie condivise, al fine di incentivare la riappropriazione e l’uso condiviso degli spazi pubblici, con particolare riferimento a piccoli e medi investimenti riguardanti: micro-rigenerazione urbana, arredi, sistemazione del verde, attività di aggregazione e socializzazione.




Dal virtuale al reale, quindi, passando per una serie di obiettivi di carattere più strettamente civico. Come, per esempio, spiegare ai cittadini cos’è un bilancio comunale, rendere più trasparente e improntato alla reciproca fiducia il confronto tra governance locale e popolazione, incoraggiare e riconoscere le diverse comunità per conseguire la valorizzazione del loro ruolo sociale. Per sperimentare l’approccio del Bilancio Partecipativo – come detto, una novità assoluta per il Comune di Porcari - si è scelto di partire dalle frazioni di Rughi e Padule. La motivazione principale di tale scelta riguarda la volontà di riconoscere ed affrontare aspetti intrinsechi al ruolo delle frazioni nel contesto comunale, che - se trascurati - contribuiscono a rallentare se non, talvolta, ad annullare il processo di rigenerazione sociale, culturale, economica delle comunità locali.




Il modello di riferimento è quello del “paese collaborativo”, un sistema di co-governance nel quale le persone condividono le risorse e ne fanno un uso comune per co-progettare, co-gestire, generare nuove risorse collettive. Con il percorso ci si propone pertanto di stimolare le comunità locali a rimobilitare le proprie forze, e unitamente alla pubblica amministrazione, farsi carico di quante più possibili attività a beneficio di se stesse (principio della “sussidiarietà orizzontale”), fornendo risposte innovative ai problemi di interesse generale.




Il Bilancio comunale ha in sé numerosi capitoli dedicati alla realizzazione di opere pubbliche e per questa prima sperimentazione il Comune di Porcari mette a disposizione delle due frazioni almeno 60 mila euro (30 mila per zona), affinché si possa intervenire sulla sicurezza stradale, il decoro urbano e laddove la cittadinanza riterrà sia necessario intervenire per migliorare la qualità e la vivibilità dei luoghi.




Ora si entra nella fase operativa del progetto, con i due laboratori pubblici di quartiere. Il primo al Centro Anziani 'Il Girasole' di Rughi in programma giovedì 17 ottobre alle 21. Il secondo in Padule, al bar Il Cavallino, venerdì 25 ottobre sempre alle 21. Qui si raccoglieranno le proposte dei cittadini per la valorizzazione della propria frazione. Una volta verificata la fattibilità delle proposte emerse, i cittadini saranno chiamati a scegliere, attraverso votazione on-line, quali progetti e interventi realizzare con i fondi destinati dall’ente, da inserire successivamente nel Bilancio Comunale.




Dopo la conclusione del processo partecipativo, l’amministrazione comunale approverà formalmente un documento che si esprimerà sugli esiti della sperimentazione, fornendo gli indirizzi amministrativi sia per l’approvazione del bilancio 2019 che per l’estensione graduale del BP, nei successivi anni, ad altre zone del paese.




“Si tratta di un percorso strutturato e codificato - ha detto il sindaco - che vuole avvicinare in modo potente l’amministrazione ai cittadini. Siamo felici che il progetto sia stato accolto dalla Regione, ora ci attendiamo una grande partecipazione da parte dei porcaresi”.




“Ci muoveremo su due livelli - ha aggiunto l’assessore Menchetti -, il primo per dare alcune nozioni pratiche su come si costruisce un bilancio, spiegando soprattutto il concetto di non intercambiabilità delle risorse. L’altro più concreto, cioè far emergere progetti direttamente dalla volontà dei cittadini”.

Redazione - inviato in data 15/10/2019 alle ore 14.03.20 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it