Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
giovedì 9 luglio 2020  
  ...in Toscana Altopascio - Porcari -Capannori - Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Assunzione 7 nuove unità nella squadra di maestranze agricolo-forestali

L’Unione Comuni Garfagnana potenzia l’organico coinvolto nella gestione e tutela del territorio con 7 nuove unità nella squadra di maestranze agricolo-forestali
Una manovra importante e necessaria che consentirà di rafforzare i servizio di antincendio boschivo, forestazione, bonifica con maggiore presidio sul territorio e prontezza operativa
L’Unione Comuni Garfagnana ha avviato un percorso di potenziamento dell’organico coinvolto nella gestione e tutela del territorio procedendo, a seguito della selezione pubblica per titoli e per esami che si è svolta nei mesi scorsi, all’assunzione a tempo indeterminato di 7 nuove unità nella squadra di maestranze agricolo forestali, per fronteggiare il sempre crescente carico di lavoro sul territorio di propria competenza.
Del resto, l’Ente da anni concentra i propri sforzi per intervenire in termini di ripristino e prevenzione sulla estrema fragilità del proprio territorio che, così come molte altre aree soprattutto rurali e marginali, è aggredito da eventi metereologici che si ripetono con sempre maggior frequenza. Una montagna che conta notevoli bellezze paesaggistiche e aree incontaminate e che si sta dimostrando estremamente fragile, venendo progressivamente a mancare il presidio costante e continuo che il mondo rurale ha esercitato sul territorio per molto tempo rappresentando la miglior risposta a fenomeni di erosione territoriale contrastata dagli interventi di cura del bosco e dalla regimazione delle acque di superficie.
Una manovra importante e necessaria che consentirà inoltre di rafforzare il servizio Anti Incendio Boschivo (AIB) forestazione, bonifica con maggiore presidio sul territorio e prontezza operativa e non solo, con attività di custodia e cura del bosco nei suoi momenti più impegnativi, quali la difesa dello stesso dagli incendi e dalle altre cause avverse, ma anche nella sorveglianza e repressione di ogni forma di manomissione delle risorse forestali, nel pronto intervento nelle aree boscate colpite da calamità naturali o da eventi di eccezionale gravità, nella ricostruzione dei boschi distrutti o danneggiati, nel miglioramento di quelli degradati, nei rimboschimenti a scopo protettivo, nelle sistemazioni idraulico-forestali, nel mantenimento in efficienza della viabilità e sentieristica forestale, nell’ordinaria manutenzione del patrimonio forestale regionale e nel controllo del propagazione forestale.
In questo senso l’Ente provvede alla cura e alla manutenzione dei terreni del patrimonio agricolo-forestale della Regione Toscana che in Garfagnana si estende per un totale di ben 4.000 ettari di superficie comprendente il distretto Casone di Profecchia e il distretto Corfino-Monte Tondo. La gestione delle superfici avviene mediante interventi selvicolturali, diradamenti di faggete e conifere, eseguendo i tagli direttamente con le proprie maestranze forestali o avvalendosi delle ditte boschive del territorio, mediante la vendita di lotti boschivi “in piedi” alle cui aste di aggiudicazione promosse dall’Ente partecipano mediamente 15 ditte del settore. Gli operai potranno anche supportare le amministrazioni comunali nell’esecuzione di diversi interventi di manutenzione del verde e messa in sicurezza del territorio.
Afferma il Presidente Tagliasacchi – “I risultati già tangibili di questo lavoro di progettazione e programmazione territoriale fanno dell’Unione Comuni Garfagnana un Ente di riferimento a livello regionale, con la dimensione amministrativa adatta per tale attività. L’inserimento delle nuove maestranze agricolo-forestali potenzierà le azioni di cura dell’assetto del nostro territorio garantendo un ambiente più sicuro, turisticamente più fruibile e migliorando di conseguenza la qualità della vita dei cittadini, oltre a costituire una importante occasione di crescita occupazionale”.

Redazione - inviato in data 04/12/2019 alle ore 15.48.39 - Questo post ha 3 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- concordo con @Famiglie - da Anonimo - inviato in data 16/03/2020 alle ore 14.26.01
ma non mi so spiegare perchè la Guardia di Finanza e la Magistratura non si muovono, forse perchè temono tutto il gruppo compreso il capo che può fare ritorsioni da Roma a chiunque si mette a indagare ???
Si l'Architetto è quello.


---------------------------------------
- Famiglie - da Anonimo - inviato in data 16/03/2020 alle ore 9.59.29
Sbagli quando dici che sono sussidi per la Garfagnana. Sono sussidi per alcune ben precise famiglie della zona che fanno capo alla solita famiglia non garfagnina a cui sono affiliati molti dirigenti della unione dei comuni a partire dal presidente in giù.
In questa operazione ovviamente il gran coordianatore è stato il segretario-direttore generale, che munito di laurea telematica, comanda da anni l'ente ristorato da stipendi da oltre 120.000 euro l'anno. Fra gli assunti il marito della nipote di un geometra che lavora da anni nell'ente e che ha dimostrato fedeltà diamantina al gruppo del Colle ed ai suoi referenti locali ( puppini, pifferai, minestrine, baffini bolsi di molazzana, avvocati obesi, finti grillini di palodina, ed ovviamente tagliagambe). Controllate i nomi e verificate le parentele vedrete che in brevi passaggi si rintraccia il filo maestro.
Verificate anche il concorso con cui sono stati assunti i professionisti architetti, ingegneri etc partito da concorso del comune di Borgo a Mozzano. Qui il deus ex macchina è l'architetto senza capelli che viene spostato di volta in volta sui comuni che divengono preda del gruppo d'affare, quindi prima Porcari, poi Bagni di Lucca, collaboratore del Comune di Castelnuovo Garfagnana, nominato dai puppini nel GAL montagna appennino dai puppini


---------------------------------------
- Basta con i sussidi alla Garfagana - da Anonimo - inviato in data 05/12/2019 alle ore 15.58.25
Zona depressa e improduttiva, se non di voti, la garfagnana ha sempre vissuto di una politica clientelista e assistenziale volta a favorire una sola famiglia.
La DIA cosa aspetta a indagare.
SICILIA DOCET.



---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it