Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
lunedì 6 aprile 2020  
  ...in Toscana Altopascio - Porcari -Capannori - Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Mediavalle Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Matteo Renzi: Palla al centro

Tutto fa pensare che nella prossima Assemblea Nazionale di Italia Viva ad inizio febbraio, Matteo Renzi completerà la sua presa di distanza dal PD e dai 5stelle per collocare Italia Viva al centro della proposta politica Italiana.

Le ultime mosse di Zingaretti

- Annunciare un nuovo partito che superi il PD, per aggregare i movimenti più massimalisti e anche le Sardine, per egemonizzare nuovamente tutta la sinistra
- Concordare con Di Maio una soglia di sbarramento elettorale al 5%
- Favorire la ricandidatura di Emiliano in Puglia, fortemente osteggiata da Italia Viva.
Sono una dichiarazione di guerra aperta a Italia Viva. Come lo sono le follie paranoiche dei 5stelle.

Per quello che conosciamo Matteo, la risposta non sarà quella di porgere l’altra guancia, ma una proposta politica forte per dare un segnale chiaro a Zingaretti di rifiuto del solito ricatto: sottomessi al PD o elezioni.

Penso che Matteo Renzi rilancerà con coraggio la scelta riformista e la centralità del progetto di Italia Viva, per dare voce e presenza all’elettorato progressista non comunista, ai moderati che rifiutano l’attrazione del sovranismo salviniano, agli orfani del Berlusconi che fu, per costruire una forte e organizzata presenza al centro dello schieramento politico Italiano

Per fare questo sembra inevitabile, tacitando vecchi personalismi, aprire un dialogo con +Europa, con Calenda, con i socialisti e i laici residui, con i gruppetti dei cattolici che ruotano intorno alla Comunità di Sant’Egidio, ma anche con Associazione della Carfagna e di Mallegni e con le innumeri e variegate Liste civiche progressiste fiorite in tutta Italia, per distinguersi dal PD.

L’annunciato voto a favore della proposta di Forza Italia contro la prescrizione grillina, la non accettazione della candidatura Emiliano in Puglia, con la ricerca di una candidato alternativo, la contrapposizione al Grillismo e ad ogni movimento antisistema, la presentazione di liste di Italia Viva in tutte le prossime elezioni caratterizzeranno questa presa di distanza dal PD e dal Governo, per riaffermare l’autonomia di Italia Viva da vecchie e logore politiche attendiste e moralistiche.

Non credo che Renzi voglia vivacchiare con un partitino succube del PD, per cui: pronti alla pugna, palla al centro… si fa l’Italia…Viva o si muore



Francesco Colucci, Riformisti Toscani a sostegno di Italia Viva

Redazione - inviato in data 13/01/2020 alle ore 10.30.47 - Questo post ha 4 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- @ MI SCUSI... - da Anonimo - inviato in data 14/01/2020 alle ore 11.25.16
abbia pazienza, ma Renzi non è un 'perdente qualunque', è IL PERDENTE per antonomasia degli ultimi dieci anni.

E non per aver sbagliato strategie politiche, ma per ciò che ha mostrato quando aveva il potere, ovvero di avere appoggiato SEMPRE i poteri forti contro i cittadini, per aver 'soffiato' notizie riservate a quell'altro bellimbusto di De Benedetti, per aver sempre respinto le autorizzazioni a procedere a prescindere, per aver tentato di modificare la Costituzione a colpi di fiducia da PdC quando era materia SOLO del Parlamento, per aver boicottato il referendum sulle trivelle, per aver messo la Boschi in grado di avere contatti inopportuni con Vegas ed altri per aiutare il papà impelagato con la crisi delle banche e per AVERLA DIFESA, per aver abolito l'art.18, per aver dichiarato che avrebbe lasciato la politica se avesse perso il referendum facendo il contrario, ecc. ecc..

Ecco, il Colucci si è naturalmente ritrovato con un soggetto del genere, così come prima si era trovato con un soggetto come Sgarbi e prima ancora con +Europa della Bonino, e ancor prima come Craxiano convinto; tutte esperienze fallimentari perché FALLIMENTARI e anti-civici erano i valori alla loro base, per non parlare dei soggetti.

La critica e lo sberleffo a Colucci è questo, non altro.


---------------------------------------
- MI SCUSI 'Coluuuuuuucciiiii...'.... - da Anonimo - inviato in data 14/01/2020 alle ore 1.26.20
Il Colucci lo critico sempre, ma quel che dice Lei va a suo onore e merito. Infatti non è da criticarsi chi sta dalla parte del perdente, ma chi sale sul carro del vincitore. Di questi arrivisti si deve sempre diffidare in quanto non hanno idee e dicono come pappagalli solo quello che pensano possa portar loro dei voti.

Detto questo, ora, al solito lo critico: Caro Colucci, il suo Renzi sta sbagliando tutto.

1. Non doveva votare, MAI e poi MAI il taglio dei parlamentari, che è una CRETINATA.
2. Dovrebbe essere a favore del maggioritario uninominale di collegio. Solo in questo modo la nostra democrazia potrebbe funzionare e solo in questo modo liberali e riformisti conterebbero qualcosa
3. In generale non si sostiene un governo per far passare (inutilmente) il tempo. Questo passar del tempo tra statalismo selvaggio e provvedimenti demenziali può solo erodere il partito di Renzi, non certo rafforzarlo.


---------------------------------------
- Siete.contro lo sbarramento al 5% - da Anonimo - inviato in data 13/01/2020 alle ore 20.32.26
Già nel titolo ho detto tutto, e chissà perché...
Buonasera., eh!


---------------------------------------
- Coluuuuuuuucciiiiii - da Anonimo - inviato in data 13/01/2020 alle ore 16.26.15
possibile che lei stia da sempre dalla parte sbagliata di ogni 'cosa' politica che nasce?
Mica gli è bastata la figuraccia di Craxi, della Bonino, poi di Sgarbi...niente, se c'è un 'politico' ormai delegittimato e alla frutta perché incapace, o arrogante o ondivago o pregiudicato, niente, il Colucci stai pur certo che sta lì.

Mancano giusto De Mita e Cirino Pomicino, ma anche con Casini lo vedrei bene, e pure con la Fumagalli Carulli...

Così, una persona ormai di una età, che si butta in avventure di sicuro insuccesso e in genere assai patetiche, il fascino del fallimento...


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it