Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 5 aprile 2020  
  ...in Toscana Altopascio - Porcari -Capannori - Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Mediavalle Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Trasporto ferroviario regionale, basta con gli affidamenti diretti, serve concorrenza

La concorrenza può migliorare la qualità e ridurre i costi dei trasporti ferroviari: eppure in Italia si continua a procedere con gli affidamenti diretti, da ultimo in Lombardia col rinnovo per nove anni del contratto di servizio a Trenord. Se ne occupa Andrea Carrarini nell'ultimo Briefing Paper dell'Istituto Bruno Leoni, 'La concorrenza nel trasporto ferroviario passeggeri regionale: un confronto tra il sistema italiano e tedesco' (PDF
Lo studio si occupa sia del trasporto regionale, sia di quello a lunga percorrenza, individuando due casi di successo: la concorrenza nel mercato nell'alta velocità in Italia, e la concorrenza per il mercato nel trasporto regionale in Germania. Scrive Carrarini: 'Il trasporto regionale in Italia non si è sviluppato negli ultimi anni in maniera apprezzabile, pur causando per la collettività oneri finanziari sempre più gravi, in coincidenza con l'assenza pressoché totale di concorrenza per il mercato. Al contrario, lo stesso segmento in Germania, tramite un progressivo processo di apertura effettiva alla concorrenza, è cresciuto in maniera costante e sostanziale, senza significativi aumenti dei costi complessivi in termini reali. L'apertura del mercato è stata raggiunta in Germania principalmente tramite l'attuazione di una serie di misure istituzionali e organizzative volte ad offrire condizioni eque per i nuovi entranti. Lo sviluppo del mercato regionale tedesco rappresenta quindi un valido esempio di come
l'apertura del mercato nel segmento dei servizi sussidiati sia possibile e la spinta concorrenziale possa produrre grandi benefici, sia per gli utenti - in termini di quantità e qualità dei servizi - che per la società - in termini di sussidi richiesti'.

Il Briefing Paper 'La concorrenza nel trasporto ferroviario passeggeri regionale: Un confronto tra il sistema italiano e tedesco' di Andrea Carrarini è liberamente disponibile qui (PDF
Apri il link del pezzo).

Redazione - inviato in data 14/01/2020 alle ore 10.34.00 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- IN ITALIA?? POVERI NOI! - da Anonimo - inviato in data 15/01/2020 alle ore 2.24.25
L'Italia è in piena orgia neostatalista. Nazionalizzano tutto, altro che concorrenza.

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it