Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
mercoledì 8 luglio 2020  
  ...in Toscana Altopascio - Porcari -Capannori - Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Baldini, Lega: L'emergenza sanitaria viene prima ma …..

Baldini, Lega: L'emergenza sanitaria viene prima ma tutte le nostre attività economiche sono già in ginocchio. Il caso di floricoltura e campeggiatori.

I contagiati a Viareggio aumentano e mai come in questo momento e' giusto richiamare e sollecitare i cittadini a rimanere a casa e le attivita' alla chiusura perche' l'emergenza salute e' il primo e più urgente nemico da abbattere nell'immediatezza.
Cio' non toglie che la sofferenza e le preoccupazioni delle imprese e di tutto il mondo del lavoro siano in aumento ogni giorno di più perche' gia' posti di fronte agli effetti economici devastanti del contagio coronavirus, in molti settori gia' evidenti e che quindi le diverse categorie chiedano a gran voce interventi di sostegno.
Cosi' interviene il Capogruppo e Responsabile Provinciale Enti Locali della Lega Massimiliano Baldini.
Fra gli altri, si sono giustamente fatti sentire - e noi della Lega siamo stati i primi ad incontrarli e ad ascoltarli per rilanciare le loro proposte - gli albergatori, i ristoratori e gli esercenti, i balneari, i commercianti, gli artigiani.
E giustamente continuano a farlo perche' i provvedimenti governativi non bastano a fronte di fatturati che si riducono anche del 90% e piu'.
Come giustamente hanno alzato la loro voce i pescatori e l'intera marineria viareggina, cosi' penalizzata anch'essa.
Ma vi sono altre categorie gia' sull'orlo del baratro.
Una fra queste e' quella della floricoltura, a Viareggio ed in Versilia molto attiva, con imprenditori leaders della Toscana ed a livello italiano ed europeo che chiedono aiuto.
Il loro prodotto va interamente perduto in pochi giorni e si perde tutto, il vasetto, il terriccio, la pianta ed il lavoro per preparare la confezione.
Un disastro - continua l'esponente della Lega - se si considera che andra' perduta tutta la produzione per la Pasqua e per la Festa della Mamma.
In Versilia sono circa 250 le aziende floricole (piante fiorite in vaso) con un totale di circa 2.000 dipendenti.
Il fatturato primaverile è di circa 150 milioni di euro tra fiori recisi e piante in vaso, tutta merce che dovrà essere distrutta con elevati costi di smaltimento.
C'e' bisogno di intervenire perche' le aziende florovivaistiche se non riceveranno aiuti concreti, reali, non avranno le forze per andare avanti con il rischio che anche tutta la manodopera impegnata nel settore non ritrovi più l'occupazione.
Un'altra categoria che gia' intravede effetti devastanti della crisi e' quella dei campeggiatori, anche questa una grande tradizione da noi a Viareggio ed a Torre del Lago, che invece rischia di vedere parecchi di loro in grande difficolta' a far fronte ai costi enormi delle loro attivita'.
C'e' bisogno di intervenire sulla Tari non rimandandola ma rendendola non esigibile visto che non si lavora e quindi non si produce.
C'e' bisogno di rivedere interamente la politica della tassa di soggiorno per incentivare i turisti a tornare appena possibile e per sfruttare le risorse gia' incassate dal comune per far fronte a questa nuova emergenza.
E' evidente che i Comuni, non in grado di far tutto questo da soli, dovranno battere cassa a Firenze ed a Roma ma e' opportuno che, per avere più forza sindacale, vi sia un'azione in sinergia e di coordinamento fra tutte le amministrazioni versiliesi.
Ci sara' bisogno, prima o poi - conclude Massimiliano Baldini - di parlare e di intervenire chiaramente sugli affitti commerciali - e la Lega a livello nazionale lo ripete sin dall'inizio della pandemia malgrado il Governo paia non sentirci - perche' da una parte le attivita' chiuse non possono pagare se non lavorano che' e' il presupposto indefettibile del contratto di locazione e dall'altra chi vive di quei canoni dovra' essere compensato della mancata entrata.

Redazione - inviato in data 17/03/2020 alle ore 15.47.09 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Baldini Carnevale e Coronavirus - da Anonimo - inviato in data 18/03/2020 alle ore 16.36.22
Baldini, vedo che lei si occupa con tanto zelo della ricaduta dell'epidemia sul tessuto economico di Viareggio e dintorni. Noto che dalle sue parole emerge preoccupazione più per la possibile crisi di categorie imprenditoriali che dei lavoratori che vi sono impiegati. Tant'è che si è premurato di incontrare, come scrive, albergatori, ristoratori, esercenti, balneari, commercianti, campeggiatori, artigiani, floricultori. Tutto giusto, occorre intervenire a sostegno del tessuto produttivo specie quello più fragile (non tutti sono nella stessa situazione e possono contare su risorse e riserve adeguate; non faccio nomi). Si è dimenticato di citare i sindacati dei quali tutto si può dire tranne che non siano rappresentativi di settori importante del mondo del lavoro.
Piuttosto, lo chiedo a lei visto che interviene a parlare nel corso di quest'emergenza sanitaria; lo chiedo a lei visto che nessuno ne parla:
come mai non è intervenuto presso le autorità competenti (Sindaco, Presidente Fondazione Carnevale) per chiedere la sospensione delle sfilate di Carnevale (l'ultima si è svolta il 25 febbraio) quando per altre manifestazioni simili in Italia si procedeva in tal senso, quando cioè c'era già da giorni l'allarme epidemia e un assembramento di migliaia di persone, fra le quali molte provenienti da altre città e regioni, era prevedibile. La stessa domanda all'occorrenza non mancheremo di rivolgere al signor Del Ghingaro, alla signora Maria Lina Marcucci nei rispettivi ruoli di Sindaco e Presidente della Fondazione Carnevale. Forse perché c'era Salvini che sfilava al grido 'Apriamo tutto' o forse perché il business dello 'show must go on' con gli ambasciatori in tribuna del Messico degli Emirati Arabi Uniti non poteva subire uno stop?
Gli alberghi della città hanno registrato il tutto esaurito, come riportano notizie di stampa. Beh come vede non tutti hanno subito gli stessi danni.


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it