Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
sabato 24 ottobre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Coronavirus: milioni di fiori da buttare in Versilia

Coronavirus: milioni di fiori da buttare in Versilia, le modalità per smaltimento ed indennizzo
La capitale di fiori e piante è in ginocchio. 
Milioni di fiori e piante in vaso invendute. Per il sistema fiori viareggino, e nazionale, è il più grave della sua storia. Milioni di tulipani, ranuncoli, steli di fresia, ortensie ed altre piante e fiori “tipici” del distretto floricolo versiliese saranno distrutte nei prossimi giorni per un ammanco economico impossibile ancora da quantificare. Si parla di decine di milioni di euro di danni dovute alla mancata vendita e ai danni collaterali provocati dal blocco totale del mercato a causa dell’emergenza sanitaria. Milioni di esemplari, giunti a maturazione, stoccati e pronti per il mercato, settimane di lavoro ed investimenti e programmazione non produrranno nessun risultato economico.
Fiori e piante sono prodotti deperibili e per questa ragione dovranno essere distrutti e smaltiti. Come? Lo chiarisce Coldiretti, la prima a denunciare, settimane fa, il rischio crack del settore e tentare un rilancio sui consumi con iniziative nei mercati di Campagna Amica proprio alla vigilia dei decreti #iorestoacasa. “E’ importante – spiega Maurizio Fantini, Direttore Coldiretti Lucca – seguire le indicazioni per rendicontare la distruzione del materiale floreale. Prima di procedere alla distruzione invitiamo le aziende a contattare i nostri uffici così da attivare l’iter giusto per non incorrere in errori e procedere alla richiesta degli indennizzi”.
Con la scusa del Coronavirus le esportazioni di fiori toscani sono state ingiustamente bloccate alle frontiere con motivazioni pretestuose e grave danno per le imprese tricolori mentre si moltiplicano i casi di carichi di prodotti florovivaistici fermati alle dogane dei Paesi vicini, Francia in primis. Il coronavirus – ricorda Coldiretti – non si trasmette, infatti, con le piante e non c’è dunque alcun rischio nella loro immissione sul mercato. “Purtroppo – analizza ancora Fantini – non nutriamo grandi aspettative nemmeno per la domenica delle palme. Sta andando in fumo il 75% del fatturato annuale del settore che si concretizza in questi mesi. Siamo al dramma”.
Per informazioni www.toscana.coldiretti.it oppure pagina ufficiale Facebook

Redazione - inviato in data 19/03/2020 alle ore 12.41.43 -

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it