Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 29 marzo 2020  
  ...in Toscana Altopascio - Porcari -Capannori - Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Mediavalle Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
[PalP Lucca] Successo del 'corteo digitale'

[PalP Lucca] Successo del 'corteo digitale' a sostegno dello sciopero e contro Confindustria
Più di mille persone hanno partecipato in tutta Italia al primo corteo digitale a sostegno dello sciopero dell'USB, postando sul proprio profilo una foto con il cartello
'ANDRÀ TUTTO BENE SE DIFENDIAMO I LAVORATORI Blocchiamo le attività non essenziali! Blocchiamo confindustria!',
e anche alle azioni di mailbombing e tweetstorm lanciate contro Confindustria (QUI il link con alcune foto. QUI tutte le istruzioni fornite).
L’epidemia del Covid-19 ha mostrato infatti che per chi ci governa, per gli imprenditori, per Confindustria, c’è chi può morire e chi si salva: ogni giorno, milioni di persone continuano ad uscire di casa per andare a lavorare, soltanto per la fame di profitto che non si ferma nemmeno di fronte alla morte.
Il decreto che avrebbe dovuto chiudere tutto di fatto non c’è stato: il Governo, succube di Confindustria, ha indicato un numero enorme di attività aperte, e qualunque imprenditore può dichiarare che la sua attività è necessaria con l’autocertificazione.
Fabbriche non a norma dal punto di vista della salute, metro e treni locali affollati, minacce e sanzioni a chi protesta, il risultato è uno stillicidio di morti: secondo l’Osservatorio indipendente curato da Carlo Soricelli, dall’inizio dell’emergenza sono almeno 59 i morti per aver contratto la malattia sul lavoro, ma il conto è parziale. Ben venga, dunque, lo sciopero generale, ben vengano le astensioni di massa dal lavoro con qualunque pretesto, sciopero bianco, “sciopero della febbre”, astensione dallo smart working, etc.
Non solo l’ultimo DPCM è inutile, ma resta in piedi il vergognoso Protocollo sulla sicurezza tra le parti sociali, che consente alle imprese di continuare a lavorare in qualunque condizione mentre le lavoratrici e i lavoratori devono stare zitti e obbedire, con gravissimi pericoli per la loro salute e la salute di tutta la comunità.
Perché l'Italia è ferma, ma il profitto deve andare avanti.

Redazione - inviato in data 26/03/2020 alle ore 19.32.55 - Questo post ha 3 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- ma... - da Anonimo - inviato in data 26/03/2020 alle ore 21.14.54
lo sciopero lo avete fatto prima o dopo aver fatto il turno come volontari per qualche associazione di volontariato nelle strutture sanitarie a fianco di infermieri e medici ?

---------------------------------------
- Che cazzata! - da Anonimo - inviato in data 26/03/2020 alle ore 20.31.23
CHE CAZZATA.

---------------------------------------
- io spero chiudano - da Anonimo - inviato in data 26/03/2020 alle ore 20.07.03
spero che questa crisi faccia chiudere gran parte delle aziende quando sarà passata così sarete contenti. Avrete ammazzato il padrone e tutti felici.
La storia non vi ha insegnato niente. Se oggi potete fare queste cazzate lo dovete a tutto quello che disprezzate, idioti


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it