Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
giovedì 22 ottobre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Il comune acquisti le mascherine per i cittadini, e per itutti i lavoratori a rischio

Giovanni Bernicchi (segretario generale Fisascat Cisl): 'Il comune di Lucca acquisti le mascherine per i cittadini, per la tutela loro e di tutti i lavoratori a rischio, compresi gli addetti alla grande distruzione tra cui stanno emergendo diversi contagi'
'Pam e Coop attivino il termo scanner'

Non può più essere il tempo delle attese per chi lavora in prima linea. E' la denuncia di Giovanni Bernicchi, segretario generale Fisascat Cisl. 'Chi opera negli ospedali o strutture sanitarie, inclusi i servizi di assistenza domiciliare, e purtroppo anche gli addetti alla grande distribuzione, in virtù della connotazione che i supermercati hanno assunto, sono da considerarsi categoria a rischio contagio. Lo conferma purtroppo - dichiara Bernicchi - il fatto anche nella nostra provincia si sono registrati diversi casi di positività al Covid 19 nella grande distribuzione. Serve più attenzione rispetto a quanto messo in atto ad oggi: mascherine, clienti contingentati, barriere di plexiglass alle casse, osservanza delle distanze di sicurezza interne,orari dei negozi ridotti, deve essere accompagnato da ulteriori forme di prevenzione evitando di prolungare l'orario di apertura al pubblico, attivando la misurazione della temperatura ai clienti, evitando gli spostamenti dei lavoratori da un punto vendita ad un altro e, in caso di contagio, appurare quanti effettivamente sono stati a contatto con il soggetto positivo per l’assunzione delle necessarie misure di quarantena'. E il richiamo è diretto alle 'aziende  e cooperative interessate alla prevenzione e alla tutela della salute dei propri dipendenti'. Ma non solo : 'Chiediamo alle  istituzioni locali che attuino maggiori controlli a supporto di chi in questo momento sta rischiando molto e, in particolare, al Comune di Lucca di distribuire le mascherine ai cittadini come hanno fatto altri Comuni della nostra provincia, alcuni anche  prevedendo  sanzioni per chi non le indossa. E' interessante - osserva il referente Fisascat - anche la formula adottata dal Comune di Gallicano che ha acquistato mascherine per tutti e gli utenti sguarniti  possono trovarle anche all'ingresso del negozio di alimentari'.   'Purtroppo -specifica Bernicchi - dobbiamo a malincuore rilevare come alcuni negozi abbiano fatto marcia rispetto al ridimensionamento  degli orari apertura e alla chiusura domenicale, su questo punto è ancora aperto lo stato di agitazione. E' importante che tutta la grande distribuzione attivi il  termo scanner all'ingresso, mi riferisco in particolare a Pam e Coop'. Bernicchi chiede più sicurezza  in particolare 'per i   lavoratori e lavoratrici della Sanità, per le  addette delle pulizie negli ospedali, chi opera nelle mense ospedaliere, nelle case di riposo, le assistenti domiciliari,oppure nel commercio come e servizi  i commessi dei supermercati e gli operatori della vigilanza privata, le guardie giurate, lavoratori che spesso svolgono un lavoro poco visibile ma non per questo meno importante, sempre a contatto con le persone'. Altro capitolo spinoso è quello dei lavoratori stagioni assunti dopo il 23 febbraio: 'Sono ingiustamente esclusi da ogni forma di sostegno al reddito - sottolinea il segretario generale Fisascat Cisl -,  sarebbe opportuno uno sforzo da parte del governo nella direzione di un ripensamento'.

Redazione - inviato in data 04/04/2020 alle ore 13.01.51 -

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it