Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
sabato 31 ottobre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Nota sulle esternazioni di un imprenditore del turismo versiliese

Abbiamo letto con stupore l’articolo apparso sul Tirreno di ieri che riporta le
esternazioni di un imprenditore del settore turismo della Versilia sul lavoro stagionale.
Con un linguaggio a dir poco colorito, sopra le righe e quasi minaccioso dice,
testuali parole “Se a qualcuno questa estate, nel caso riaprissimo verrà in mente
di venirla a menare con domande alla carlona del tipo, quanto si lavora ?
Quanto mi dai ? Quando è il mio giorno libero ? Vi dico con il massimo garbo ,
non vi presentate, non c’è bisogno di persone come voi. Siamo in emergenza e
come tale deve essere gestita”.
Parole imbarazzanti, che devono trovare lo sdegno delle associazioni imprenditoriali
e delle Istituzioni.
A lui vogliamo rispondere:
Caro Signore, forse sfugge a lei che siamo in emergenza e che storicamente
una parte dei lavoratori stagionali da sempre non sanno se e quando avranno il
giorno libero, se saranno pagati correttamente e per tutte le ore che lavorano,
e se lavoreranno 8 o 10 o 12 ore al giorno.
Forse a lei sfugge che in molte strutture legate al turismo c’è tanto lavoro nero
e grigio.
Forse a lei sfugge che gli 11.000 lavoratori che ufficialmente hanno lavorato la
scorsa stagione nel nostro territorio sanno già che la maggior parte di loro non
avrà una occupazione nella prossima stagione e che quindi non avrà nemmeno
accesso alla indennità di disoccupazione.
Evidentemente per lei “emergenza” si traduce in sfruttamento. Quando un lavoratore
pone le domande di cui sopra semplicemente chiede il riconoscimento
dei propri diritti di lavoratore e di persona, ne più ne meno, non “avanza pretese”!
E questo un imprenditore degno di questo nome dovrebbe saperlo. Dovrebbe
sapere che fare impresa significa anche non lucrare sulle spalle degli altri ma
creare lavoro, che il buon lavoro crea ricchezza per tutti, che chi lavora e viene
correttamente retribuito può fare progetti per la propria vita e per quella della
sua famiglia, non grava sul sistema assistenziale pubblico e può , magari, anche
spendere.
Ed è paradossale che un imprenditore dichiari chiaramente di non poter fare a
meno dei lavoratori stagionali qualora le attività turistiche riprendessero ma
che pensi di poterli usare come meglio crede e magari a costo zero!
La schiavitu’, per fortuna! Non esiste più.

Filcams Cgil Lucca
Sabina BigazziStefano Nicoli

Filcams Cgil Toscana
Stefano Nicoli

Redazione - inviato in data 21/04/2020 alle ore 15.15.49 - Questo post ha 1 commenti

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Eh sì... - da Anonimo - inviato in data 21/04/2020 alle ore 15.33.23
Non sono del settore, ma a tanti individui non solo di quel settore, in Italia,
dipendesse da me, gli farei i conti in tasca, aprendoli come si apre una scatoletta di tonno.
Esiste una 'forma mentis' per la quale per tanti 'soggetti', l'è tutto dovuto.
E''una 'forma mentis' che viene da lontano.
In troppi, quando c'è da incassare, pronti come fulmini a riempirsi le tasche, ed anche di più, mentre quando c'è da tirarli fuori dalle tasche PIENE, NON PARLO NATURALMENTE DEI POVERI VERI DEL/I SETTORE/I CHE INDUBBIAMENTE ESISTONO, ci deve pensar sempre qualcun'altro.
A mio parere questo paradigma adda''finì,
non per Legge degli uomini, che è regolarmente inapplicata,ma per LEGGE NATURALE.
E scrivo questo a ragion veduta, essendo passato, dalle case di tanti 'furboni', quelli si CHE MENAN''IL CAN PER L'AIA!


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it