Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
venerdì 18 settembre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Vicenda arredi Ristori

Vicenda arredi Ristori, gli ex gestori: “attendiamo che la soprintendenza finalmente apponga il vincolo per poter riportare gli arredi nel locale originario”
 
“Apprendiamo dalla stampa – dichiarano gli ex gestori di Ristori Essenza del Gusto Massimo e Maurizio Micheli, Marco Toschi e Gennaro Amone, dell’intenzione, da parte della Soprintendenza, di avviare un procedimento per vincolare gli arredi di Ristori. Questo che leggiamo come mero proposito, visto che ancora non ci è arrivata alcuna comunicazione ufficiale, non può che trovare la nostra piena disponibilità e rispecchiare i nostri intenti poiché, precedentemente alle dichiarazioni apparse sulla stampa da parte della Acordon, avevamo già contattato la Soprintendenza per chiedere un incontro ufficiale proprio in merito alla nostra piena disponibilità nel vincolare gli arredi.”
A proposito di un fascicolo ritrovato nelle ultime ore sull’avvio di un procedimento per vincolare gli arredi, gli ex gestori esprimono stupore e sorpresa:
“Sorprende - proseguono gli ex gestori - apprendere dalla stampa di un fascicolo risalente al 2012 di avvio di un procedimento -poi mai concluso- che emerge solo adesso a giugno inoltrato. Nonostante le nostre quattro richieste scritte inviate all’ufficio vincoli in data 18 aprile, 19 maggio, 20 maggio e 26 maggio, nessuno ha mai menzionato questo fascicolo, anzi, come risposta ci è stato inviato il Decreto che documentava l’assenza di vincolo sugli arredi.”
Gli ex gestori chiariscono poi che a fronte di obblighi contrattuali verso la proprietà del fondo, non interessata agli arredi, a fronte dalla mancanza di qualsiasi tipo di protezione a livello storico e artistico e a fronte della volontà di assumersene la responsabilità anche in quanto proprietari, lo smontaggio è stata l’unica scelta:
“Nel momento in cui abbiamo dovuto riconsegnare alla proprietà il fondo completamente libero – spiegano Micheli, Toschi e Amone - non rimaneva altra scelta che smontare gli arredi e metterli in sicurezza: infatti, non essendo questi vincolati, qualsiasi nuovo affittuario avrebbe potuto disfarsene senza problemi. Adesso saremmo ben lieti che si profilasse all’orizzonte la possibilità di un vincolo della Soprintendenza e auspichiamo che a rinnovare la tradizione dell’acquisto dei mobili non sia solo il futuro affittuario, ma anche il proprietario stesso, che fino ad ora non ha mai mostrato interesse verso gli arredi.”
“Micheli, Toschi e Amone - dichiara il legale, avvocato Stefano della Nina – non hanno compiuto nessun atto illegittimo, limitandosi solo a ciò che costituiva un obbligo contrattuale verso il proprietario in merito agli arredi e anzi assumendosene la responsabilità anche del valore artistico e rispettando la corresponsione delle mensilità del canone nell’ambito dell’accordo contrattuale convenuto tra le parti.”
Diversamente da quanto dichiarato, infatti, non è stato asportato alcun sanitario dal bagno (si è addirittura parlato di un bidet in verità mai esistito), bagno peraltro completamente realizzato e accatastato esclusivamente a spese di Toschi, Micheli e Amone e di cui adesso la proprietà si ritrova a poter disporre. Non è stato smantellato nessun pavimento, solo rimosso a regola d’arte il parquet posizionato dagli ex gestori sopra una vecchia moquette evidentemente non adatta a ospitare una cioccolateria.
Gli ex gestori, inoltre, non risultano affatto inadempienti sui 3800 euro mensili previsti dal contratto. Dopo l’aumento del canone di ben mille euro mensili a partire da marzo 2019, peraltro sempre puntualmente corrisposti, è stata infatti proposta alla proprietà, proprio in conseguenza della necessità di rivedere il piano industriale a causa dell’emergenza Covid-19, una riduzione per la durata dell’emergenza.
A fronte di flussi di cassa drasticamente in calo, di un locale di metratura ridotta che non avrebbe consentito le misure di distanziamento, il rifiuto di vedersi ridurre il canone ha decretato l’impossibilità di proseguire l’attività.  
“Ci è stata proposta solo una riduzione dell’affitto del 50% per i tre mesi di lockdown, addirittura meno di quanto previsto dal Decreto ministeriale. Proposta che, in base alla valutazione effettuata, ci ha portato a prendere la decisione di concordare con la proprietà una risoluzione del rapporto contrattuale. Sarebbe bastato un piccolo sforzo in più. Adesso – concludono Marco Toschi, Massimo e Maurizio Micheli e Gennaro Amone - ci auguriamo solo due cose: che si smetta di spargere falsità e che la Soprintendenza riesca finalmente a porre il vincolo, questo ci darebbe la possibilità legale di riportare gli arredi a Ristori, cosa che siamo in grado di fare anche subito.”

Redazione - inviato in data 10/06/2020 alle ore 18.14.57 -

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it