Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
martedì 22 settembre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Se avesse ragione Georg Christoph Martini?

Il Turingio Martini, detto il “Pittor Sassone”, nella prima metà del settecento, viaggiò in Italia e in Toscana, descrivendo con cura i suoi viaggi e lasciando a Lucca, dove visse molti anni e morì nel 1745, capolavori pittorici, acquarelli, schizzi e descrizioni accurate dei più bei paesaggi della Toscana e della Lucchesia, pubblicate in alcuni storici volumi. Molto di quello che ha lasciato si trova nell’Archivio di Stato di Lucca, essendo morto intestato e i dipinti in Palazzi e Ville lucchesi.

Quello di cui voglio parlare è uno disegno, forse un acquarello, sul Ponte della Maddalena o del Diavolo come conosciuto in quel di Borgo a Mozzano.

Un disegno del Ponte visto da Nord, dalla Garfagnana, che lascia stupefatti.

Come noto il Ponte medievale, come lo vediamo oggi. Nella sua parte storica, ha una grande maestosa arcata e poi tre arcate più piccole a decrescere e degradare fino a toccare la sponda sinistra del Serchio.

Nel disegno del Martini queste arcate a decrescere non sono tre ma bensì quattro con una ultima molto piccola e molto più bassa delle altre a toccare quella che doveva essere allora la quota della mulattiera che correva in sponda sinistra del fiume.

Il Pittor Sassone era ubriaco quando ha dipinto il Ponte? o nel primo settecento esisteva ancora una quarta arcata più piccola che si saldava con la strada esistente?

Credo che la Soprintendenza, la Provincia o il Comune del Borgo dovrebbero trovare qualche euro per fare un carotaggio esplorativo e vedere se questa quarta arcata esiste ancora, sepolta sotto il piano stradale.

Sarebbe una scoperta molto importante sul Ponte del Diavolo, dovuta ad un disegno di un viaggiatore tedesco del settecento: potrebbe essere un jolly nella promozione turistico-commerciale della zona, certamente mediatica in Germania.

Non so se questa quarta arcata potrebbe essere riutilizzata dato il dislivello con la strada odierna, accresciuto nel corso dei secoli, ma forse potrebbe essere messa in vista con una copertura di vetro e acciaio, oppure valorizzata con un cartellone riportante il disegno del Pittor Sassone, all’imbocco del Ponte.



Francesco Colucci, Blogger in Lucca

Redazione - inviato in data 14/06/2020 alle ore 18.36.17 - Questo post ha 5 commenti

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Ma... - da Anonimo - inviato in data 15/06/2020 alle ore 17.35.01
Se vi foste soffermati a leggere tutto prima di commentare, vi sareste resi conto che il quadro raffigurato nella foto NON è quello fatto da Christoph Martini ma, come ha precisato il direttore, un altro presente nella galleria Daniele Squaglia, di Bartolomeo Butori, 1912/1969. Sarebbe interessante poter vedere il quadro di Martini, probabilmente negli Archivi storici.
Ortica


---------------------------------------
- Colucci falla finita di be - da Anonimo - inviato in data 15/06/2020 alle ore 15.04.42
Ma almeno sai di cosa si parla ? ci sei mai ito a vedé il ponte dal vero ? Forse quelle che ha bevuto un bicchiere di troppo sei te, ti consiglio quantomeno di aprire una qualsiasi immagine su google per vedere che le arcate sono le medesime del quadro.
Suggerisco a tutti i lettori di fare altrettanto e di assecondare qualsiasi post di questo soggetto.


---------------------------------------
- vanga - da Anonimo - inviato in data 15/06/2020 alle ore 10.59.31
prenda la vanga e vada a fare una buca

---------------------------------------
- SI, MA L'IMMAGINE PUBBLICATA - da Anonimo - inviato in data 15/06/2020 alle ore 1.39.15
Non corrisponde per nulla al testo. Nell'immagine il ponte è visto da Sud e non da Nord e le arcate sono quattro e non cinque.

---------------------------------------
- Redazione - da Anonimo - inviato in data 14/06/2020 alle ore 18.48.55
Ritratto galleria Daniele Squaglia

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it