Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
martedì 22 settembre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Incidenti a raffica sulla via provinciale per Camaiore

Sulla “strada dimenticata” si ribalta un rimorchio e si riaccende la protesta (da Tirreno - Cronaca Lucca del 2.7.2020)

Tragedia sfiorata in via per Camaiore, il titolare della ditta di trasporti: «Assurdo, non c’era nemmeno il guard rail»

«Per fortuna siamo in estate e il bordo della strada era asciutto, in altre condizioni non saremmo qui a parlare di un incidente, ma saremmo a raccontare una tragedia, perché anche la motrice, con il suo autista, sarebbe stata trascinata giù»: così Costanzo Tiberi commenta l’incidente avvenuto martedì sera attorno al sesto chilometro della via per Camaiore, tra le località La Cappella e Torre.


Siamo alle solite drammatiche vicende che riguardano la Via provinciale per Camaiore.

Per troppi anni ha avuto il triste primato di Via provinciale con il più alto numero di incidenti, anche mortali, tra tutte le vie provinciali esistenti nel territorio della Regione Toscana - e questa collocazione sembra, purtroppo, destinata a mantenerla.

Le continue sollecitazioni inviate, nel tempo, alla Provincia ed alla Regione Toscana non hanno portato, sinora, ad alcun risultato.

Ma si può reperire uno specifico finanziamento da destinare all'adeguamento ed alla messa in sicurezza di questa via provinciale ???


E' questo un invito accorato che vuole richiamare al senso di responsabilità gli Enti preposti ed i relativi Amministratori


Ma anche un richiamo ad una unità di intenti per tutti coloro che, in qualche modo, sono interessati e/o fruiscono di questa strada.

Vi ringrazio della cortese attenzione. Saluti


Nardi Giuseppe - Torre in Valfreddana - sulla Via provinciale per Camaiore

Redazione - inviato in data 02/07/2020 alle ore 20.12.37 - Questo post ha 5 commenti

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Strade & C... - da Anonimo - inviato in data 04/07/2020 alle ore 11.39.34
Quotidiano.net 4 luglio 2020 - 'Caos autostrade, la Liguria di nuovo ko. Fuga dei giganti cinesi dal porto di Genova - Giornata di ordinaria follia per i troppi cantieri. Le aziende minacciano una class action: tempi di percorrenza raddoppiati. Polemiche e accuse incrociate tra Governatore e ministero dei Trasporti. Sulla rete regionale pedaggi sospesi nel weekend' (...)

In Italia di strade ce ne sono anche troppe.
Il fatto è che troppo spesso, patologicamente non esiste proprio la cultura della manutenzione ordinaria corrente.
Quello che fanno è solo e soltanto metter toppe solo quando hanno il cappio al collo.
Tutto quello che avviene è solo e soltanto dovuto all'Ordine Naturale delle cose, alla Naturale ineluttabile decadenza delle cose con l'uso, al Naturale ineluttabile passar del tempo, all''escludere ideologicamente il collegamento tra 'oggetto' ed 'attività di manutenzione', all'unire indissolubilmente ideologicamente l'oggetto al tornaconto, al dividendo.
Questo purtroppo non solo nel 'Privato'.
Basta osservate il numero di 'dirigenti' ed il numero di 'operai' nel settore Pubblico.
In un Comune 'tipo' quello di Lucca, quando esistessero numero 50 (cinquanta) 'comunali' sarebbe grasso che cola.
Tutto quanto non certo dovuto alle 'capacità' dell'homo italicus, che di suo, in genere troppo spesso ci mette solo l'incapacità e l'avidità,
elementi Naturali, ormai pressoché endemiche, quanto nel 'Privato', quanto nel 'Pubblico',
salvo rari casi. Come il koala che campa a foglie di eucalipto.
Comunque, data la mia età,
che la grande commedia continui.


---------------------------------------
- Non parlate delle città... - da Anonimo - inviato in data 03/07/2020 alle ore 14.42.37
Il Tirreno 3 luglio 2020 'Traffico caotico e strade senza sfondo: «Le soluzioni sulla carta ci sono da anni»' (...)

Dove? Grosseto.
Mal comune mezzo gaudio?


---------------------------------------
- Ma... - da Anonimo - inviato in data 03/07/2020 alle ore 10.03.37
La dica tutta, la verità!
La verità è che nel tempo quasi ogni Comune, anche quelli piccoli, ha preteso, a forza, di farsi la sua zona industriale.
E di fatto l'hanno fatta anche dove addirittura non esistevano strade ma poco più che viottoli.
Uno di quei viottoli l'ho a duecento metri da casa, e da legge psico-fisica, immancabilmente, ogni tanto d'orologio, un autotreno ci si incastra. Adesso gira per le strade 'roba' da quaranta tonnellate, cosa che soltanto quaranta anni fa era fantascienza.
Gli enti locali, tutti, hanno difficoltà a tappare una buca, mentre lei, con quello che scrive, parla di adeguare a quei dinosauri moderni, non venti metri di strada, ma di fatto diecimila chilometri!
Con questo non sto difendendo nessuno.
Nel tempo hanno buttato dalla finestra autotreni di denaro,
in nome di un fantomatico signor Consenso.
Purtroppo non viviamo in un Mondo metafisico.


---------------------------------------
- Regole in vigore - da Anonimo - inviato in data 03/07/2020 alle ore 9.35.23
Ci strappiamo i capelli al pensiero della pericolosità dei tigli killer e per il numero delle vittime/km*anno della via per Camaiore; si tratta di osservare le regole già scritte e presenti prima di proporne altre.
Provare per credere: percorrete la via osservando le regole, vi vedrete sollecitati a sveltire la vs andatura da altri utenti motorizzati della via.
Se poi vi ostinerete a procedere a fari spenti (bus, Tir, auto, moto e ciclisti), nonostante il palese ricordo dell'art. 52 del CdS, ricordate che sarà difficile essere visti nelle ore diurne per l'ombra densa dei tigli.
Il luogo dell'ultimo 'fuori strada' impone velocità ridotte sia per la curva che per la prossimità dello stretto viale a doppio filare d'alberi (dritta della Tabarrana), ricordiamolo a tutti coloro che si sentono piloti di F1 sulla Provinciale n. 1.


---------------------------------------
- CARO BEPPE NARDI, - da Anonimo - inviato in data 03/07/2020 alle ore 0.48.57
Percorro da decenni la via per Camaiore in quanto odio guidare sull'autostrada, ritengo la bretella stra cara e non amo neanche fare il Quiesa (anche perché raramente devo andare a Viareggio per lavoro, mentre qualche volta vado a Camaiore, Pietrasante, Forte, Stazzema e Seravezza). La via per Camaiore è perfettamente sicura purché si sappia guidare, si stia concentrati e si rispettino i limiti di velocità. Quanto detto vale per le automobili. Gli autoarticolati su una strada del genere non ci dovrebbero poter passare (esclusi ovviamente quelli in grado di dimostrare di dover caricare o scaricare nelle aziende della zona). Capita invece di trovare autoarticolati anche sulla salita del Monte Magno e questo è assurdo. Dispiace dover constatare come solo gli autovelox possano risolvere la faccenda. Ora ho una certa età (quella della sana prudenza), ma venti anni fa, qualche volta, a notte fonda, in assenza di traffico era divertente anche andare un po''più svelto. Svelto sottolineo. Diciamo comunque mai sopra gli 80Km/h. Sono contrarissimo ad adeguamenti che trasformino la via per Camaiore in una specie di superstrada. Il paesaggio è spettacolare e la strada non va toccata. Soprattutto non vanno toccati i bellissimi tigli (purtroppo spesso potati a cane). I tigli cominciavano (oggi il viale è stato rovinato) sul viale Civitali, per continuare da Monsanquilici fino a Camaiore e poi da Camaiore a Pietrasanta e da Pietrasanta al mare (viale Apua). Solo il viale Apua è soggetto a vincolo della Soprintendenza. Penso che tutti i tigli da Lucca al mare dovrebbero esser tutelati. Per evitare altri scempi tipo viale Civitali.

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it