Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 13 giugno 2021  
  Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
AUTISTI CTT NORD SUL PIEDE DI GUERRA

Bus sovraffollati e autisti a 'dieta'. Fit-Cisl: 'Autisti con più mansioni ma pagati meno. Pronti alla mobilitazione'

Un curioso momento storico quello che stanno attraversando gli autisti di Ctt Nord che rischiano di vedersi decurtato lo stipendio a causa di una regolamentazione che trasforma i giorni di cassa integrazione e quelli di malattia in assenze dal lavoro e quindi, in quota residuale, vanno a agire per sottrazione sul cumulo di giorni di astensione dal lavoro concessi. Questo vuol dire 'giocarsi' il premio presenza, un incentivo da 13 euro il giorno che verrebbe decurtato. Come se non bastasse anche l'indennizzo per il pasto, che include anche quello per l'attuazione delle norme anti Covid (sanificazione della propria postazione ecc), sembra vaporizzarsi. I rappresentanti sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uilt-Uil e Faisa Cisal, sono sul piede di guerra: hanno avviato le procedure di raffreddamento in attesa di un confronto con l'azienda di fronte al Prefetto, e si riservano di proclamare un pacchetto di scioperi contro le disposizioni della società. 'Ci hanno revocato il buono pasto comprensivo dell'indennizzo in questo periodo di emergenza di 8 euro, per restituirci quello di soli 5.16 euro al netto appunto dell'impegno degli autisti per la sanificazione - spiega Nicola Da San Martino, segretario Fit Cisl Toscana Nord -. Altre aziende della Toscana, in qualche modo collegate a Ctt Nord, come Copit, hanno invece prorogato il buono pasto che tiene conto del disagio e delle nuove mansioni degli autisti. Teniamo conto che gli autisti hanno già ripercussioni in busta paga per il fatto che, con l'emergenza, è stata cancellata la vendita a bordo dei biglietti che comunque dava un minimo ritorno economico all'azienda ma anche all'autista. Aggiungiamo il problema dei giorni di assenza, ne esce un meccanismo penalizzante che in questo momento storico a maggior ragione non ha motivo d'essere e che come organizzazioni unitariamente abbiamo chiesto di sospendere. Per ora ogni nostra richiesta a Ctt Nord è stata respinta. Attendiamo l'incontro dal Prefetto. Siamo pronti alla mobilitazione'.

Redazione - inviato in data 15/10/2020 alle ore 19.32.27 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- ALLA VANGAA!! - da Anonimo - inviato in data 16/10/2020 alle ore 2.55.10
Se si va avanti così presto gli autisti dovranno andar a vangare! La crisi si taglia a fette e questi che hanno il lavoro garantito rompono le palle!

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it