Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 17 gennaio 2021  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa Lucca come la vorrei  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Presidente Conte, non siamo d'accordo.

La chiusura indiscriminata di Bar e Ristoranti alle 18, di Palestre, Piscine, Teatri e Cinema, sono provvedimenti suicidi per l’economia Italiana.

Sono anche la negazione di due principi cardini dello Stato di Diritto: chiudiamo indistintamente tutte queste attività, senza alcun riguardo a quelle che nei mesi scorsi, investendo loro denari, si erano adeguate fedelmente alle richieste di Stato e Regioni per garantire il numero chiuso e gli standard protettivi fissati.

Dall’altro sono la prova provata di uno Stato incapace di far rispettare le sue decisioni per distanziamento sociale e mascherine, perseguendo le strutture commerciali e culturali anziché i “clienti” indisciplinati.

Tralasciando lo spettacolo vergognoso e schizoide delle varie Regioni, ognun per suo conto e l’irresponsabilità di chi votò NO al Referendum Renzi, sui loro poteri.

La Ministra Bellanova si è battuta fino in fondo nel Governo per non far passare questa norma infelice, ma senza risultato, gli altri Partiti della Maggioranza non hanno voluto sentire ragioni e soprattutto il provvedimento è un atto unilaterale del Presidente del Consiglio Conte.

Italia Viva è contraria a questa decisione. In queste ore molti ci chiedono di far cadere il Governo. Certo sarebbe possibile, ma sarebbe la scelta giusta in questo momento di emergenza nazionale?

Sarebbe utile al Paese? O andremmo a sovrapporre, ad una grave crisi sanitaria ed economica, anche una crisi Istituzionale, provocando danni irreparabili?

Non possiamo e non vogliamo fare il “Papeete 2”.

Sono sotto gli occhi di tutti l’inutilità di chi spara sempre a zero su tutto.

Come Italia Viva ci batteremo nel Governo e nel Paese perché queste chiusure indiscriminate abbiano una vita molto limitata nel tempo e perché da subito siano date compensazioni reali a queste categorie castigate ancora una volta.

Il Presidente Conte sappia che Italia Viva oggi fa un atto di grande responsabilità verso il Paese, ma quando sarà finita questa drammatica emergenza pandemica andremo a un “redde rationem”: non è accettabile che Lei rifiuti il MES e poi chiuda perché non ci sono sufficienti strutture sanitarie e medici!

Governare in una coalizione, dove non siamo certo i più forti, vuol dire anche subire, a volte, decisioni che non condividiamo, soprattutto in presenza di una emergenza come questa, ma continuiamo a far conoscere le nostre idee, a difendere le nostre ragioni, a cercar di modificare quello che riteniamo sbagliato.

Oggi una sola priorità: pensare alla tragedia economica che è ormai alle porte, a proporre e imporre idee intelligenti al Governo per portare l’Italia, fuori da questa crisi drammatica.

Non sarà facile ma Matteo Renzi è l’unico Statista che può farlo, simpatico o antipatico, che sia.

Francesco Colucci, Riformisti x Italia Viva

Redazione - inviato in data 26/10/2020 alle ore 19.02.14 - Questo post ha 4 commenti

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Redazione - da Anonimo - inviato in data 27/10/2020 alle ore 12.54.45
Qui ci scrivono TUTTE le forze politiche presenti a Lucca. Dico Lucca perché ci arrivano documenti e articoli anche di forze che a Lucca non ci sono e non vengono pubblicati.
La 'mission', passatemi il termine, del blog è di dare voce ai cittadini ma deve svolgere anche un ruolo sociale di informazione (scrivono i Comuni della provincia - e anche Valdinievole - le Misericordie, i sindacati, le associazioni culturali e politiche, ecc) per dare voce anche a chi altrimenti finirebbe in esima pagina con tre righe.
Il principale partito cittadino ha la sua TASS personale con le altre testate a seguito e ciò nonostante ogni tanto invia anche a noi le sue note. Che pubblichiamo regolarmente

Perché non dovrei pubblicare i comunicati di partito? di ogni partito ? la pluralità di informazione credo sia la base per una società sana. Concetto che purtroppo si è perso nel tempo.
C.Cristofani


---------------------------------------
- pero''io dico - da Anonimo - inviato in data 27/10/2020 alle ore 12.27.21
Non vorrei interpretare male il senso del blog, ovvero un posto dove ognuno puo''esprimersi liberamente, ovviamente nei limiti della decenza e della educazione.
Pero''trovo un po''strano che diventi la piattaforma per fare divulgazione politica.
Mi spiego.
Un conto e''un lettore, privato cittadino, anche esposto politicamente, che critica un articolo apparso sull'Unità, una intervista rilasciata da un politico, un conto e''un politico che scrive a nome del suo partito.
Secondo me Colucci, come Santini, DiVito, Bindocci e tutti quelli che fanno proclami per il loro partito dovrebbero farsi le loro piattaforme e non fruttare questa per fare campagna elettorale.
Direttore mi dica Lei se mi sbaglio..... e puo''essere che mi sbaglio, ma il dubbio e''lecito.


---------------------------------------
- Renzi e''indifendibile - da Anonimo - inviato in data 27/10/2020 alle ore 12.00.45
Uno che voleva abolire il senato ed adesso vive con lo stipendio da senatore !

---------------------------------------
- Quando il cazzaro faceva il fenomeno... - da Anonimo - inviato in data 27/10/2020 alle ore 9.43.49
Non fai in tempo a criticare Conte che subito ti ritrovi accanto i due abominevoli Matteo e ti tocca difendere il governo per scrollarteli di dosso.
Noi non smetteremo mai di ringraziarli per averci liberati delle loro presenze al governo con i rispettivi suicidi del 2016 e del 2019. Ma anche loro, sotto sotto, sono felicissimi di non governare più.
Altrimenti ora non potrebbero starsene in poltrona, sdraiati sui loro stipendi di 15mila euro netti al mese, a giochicchiare con lo smartphone in attesa delle decisioni del governo per poter dire l’opposto un minuto dopo, senza mai precisare cosa farebbero al posto di Conte.
Noi speriamo ancora che il governo corregga le norme più inutili e irrazionali dell’ultimo Dpcm, riaprendo bar e ristoranti, ma anche cinema e teatri (anche fino alle 18) che grazie ai posti distanziati hanno il record negativo di contagi: come le messe, giustamente non vietate.
Ma abbiamo anche indicato l’alternativa che vari esperti giudicano più efficace (in base ai parametri fissati dal governo stesso): zone rosse temporanee nelle metropoli e province più infette, a partire da Milano, Napoli e vaste aree di Lombardia, Campania, Piemonte. E noi non siamo pagati per proporre soluzioni, diversamente dai politici.
Soprattutto quelli di maggioranza come l’Innominabile, la cui capodelegazione Bellanova ha condiviso il Dpcm con gli altri colleghi. Invece chi è all’opposizione come il Cazzaro può, anzi deve criticare: ma, per essere credibile, deve proporre le sue alternative.
Quali sono quelle dell’Innominabile e del Cazzaro per piegare la curva dell’epidemia?
Lo sanno che, anche se riaprono locali, cinema e teatri, i contagi in Lombardia, Campania e Piemonte restano fuori controllo e da soli valgono la metà del totale nazionale, col rischio di saturare ospedali e terapie intensive?
L’Innominabile ha già mostrato la sua ribalda nullaggine il 28 marzo, in pieno lockdown, quando propose di riaprire tutto mentre l’Italia registrava i picchi di ricoveri e di morti. Ora ripete lo stesso mantra mentre il picco della seconda ondata è lontano.
Il Cazzaro, dopo una primavera trascorsa a invocare chiusure nei giorni pari e riaperture nei dispari, ha passato l’estate a negare e favorire il Covid, aizzando la gente a disarmarsi.
Ora è pronto a chiudere Milano e Varese?
La sua unica proposta è che il Parlamento metta su un bel Cts alternativo a quello del governo, con virologi lottizzati fra M5S, Pd, Lega, FdI, FI, Leu e Iv, per replicare davanti alle Camere la batracomiomachia che va in onda ogni sera davanti alle telecamere.
Se le ambulanze non fossero occupate in missioni più urgenti, verrebbe da chiamarne due per portarli via entrambi.
FQ 27 ottobre


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it