Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 17 gennaio 2021  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa Lucca come la vorrei  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Sacrifici equamente distribuiti

Lavorando nei settori Estetica e Acconciatura da molti anni , anche dal punto di vista della Formazione , non posso rimanere in silenzio di fronte alla decisione presa dal Governo, di lasciare chiusi i centri estetici nelle Regioni dichiarate Rosse. L’Attività di Estetica è da sempre accumunata all’attività di Acconciatura, le 2 attività hanno infatti lo stesso Codice ATECO – 093.02 SERVIZI DEI PARRUCCHIERI E DI TRATTAMENTI DI BELLEZZA, e sono disciplinate a livello nazionale dalla stessa Normativa , LEGGE n.1 04/01/1990. Entrambi i comparti durante la chiusura dei mesi primaverili hanno investito enormemente per garantire alla propria clientela la “riapertura in sicurezza” e il suo mantenimento anche in previsione di una recrudescenza del Virus. Adesso la decisione del Governo di chiudere i Centri Estetici nelle Regioni Rosse , è una vera e propria “Doccia fredda” per le Estetiste che da sempre erano state equiparate ai colleghi acconciatori. Una decisione che non valorizza gli sforzi e gli investimenti fatti dal comparto estetico, un mancato riconoscimento dell’impegno sia in termini energetici che economici. Il Governo ha affermato che non è una decisione politica , ma voluta dal CTS (comitato tecnico scientifico)che ritiene uno dei fattori più alti di rischio , l’assembramento in spazi ristretti. Ma proprio per questo non possiamo che essere in disaccordo. Nel centro estetico non ci sono mai stati assembramenti , nemmeno prima dell’avvento del Virus, si riceve per appuntamento da sempre, l’estetista è da sola in cabina con la propria clientela , e proprio per garantire questo e una maggiore attenzione per la sanificazione e l’igiene(che comunque ci contraddistinguono da sempre) sono stati rallentati i ritmi di lavoro. Le Associazioni di Categoria che tanto hanno fatto per la riapertura anticipata dei 2 settori a Maggio , stanno adesso lottando per la revisione dei parametri che hanno portato alla chiusura . Ricordiamo che una nazione non vive senza salute , ma nemmeno senza economia. Il comparto ha fatto tutto quello che gli è stato prescritto, ma adesso vuole lavorare, senza incertezze e paure. Aggiungere alla perdita di fatturato dei mesi primaverili (la stagione corpo e’ stata persa completamente), la perdita delle vendite prenatalizie , significherebbe portare alla chiusura molte di noi . Per non parlare dell’impatto che la mancata attività dei centri estetici porta nell’indotto dell’industria cosmetica.
In Italia attualmente ci sono circa 80.000 Saloni di Acconciatura e 30.000 Centri Estetici, questi numeri mi inducono a pensare che probabilmente dal punto di vista economico (RISTORI) sia stato più conveniente sacrificare l’estetica. Si stima che circa 400.000 persone lavorino nell’ambito dei centri estetici , 400.000 possibili voti, 400.000 famiglie. Proprio l’attenta valutazione di questi dati e la dimostrazione di quanto sia importante la funzione sociale che i nostri settori rivestono dovrebbero farci capire come intraprendere la strada futura.
Spero, e in questo mi rivolgo a tutte le colleghe estetiste e anche agli acconciatori, che le battaglie per la sopravvivenza che ci hanno visti più uniti, non si concludano quando saremo tornati alla normalità . Gli scenari stanno cambiando velocemente e noi ci troveremo ad affrontare nuove sfide, prima fra tutte e importantissima la Revisione della Legge 1/90. Una revisione quanto mai necessaria per rafforzare maggiormente i comparti a livello nazionale.
Ognuno di noi deve essere consapevole che il Sacrificio economico richiesto agli italiani , non è stato “equamente distribuito” , ma continua ad essere totalmente a carico delle piccole e medie imprese e di tutte le Partite Iva, impegnate in molti settori.

Annamaria Frigo – Responsabile Provinciale FDI Rapporti con il commercio.

Redazione - inviato in data 18/11/2020 alle ore 11.16.55 - Questo post ha 1 commenti

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- OTTIMO INTERVENTO - da Anonimo - inviato in data 18/11/2020 alle ore 11.38.20
La vedo bene come candidata alla carica di Sindaco alle prossime elezioni comunali.
I risultati che ha raggiunto alle scorse elezioni regionali, parlano molto chiaramente.


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it