Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
giovedì 28 gennaio 2021  
  Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto & dintorni Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Lettera aperta al Presidente Giani

Gentile Presidente,


sono trascorse poche settimane da quando ha iniziato il suo nuovo importante impegno amministrativo, ma sono momenti drammatici e non c’è tempo per transizioni soft.

Abbiamo letto che all’atto della decisione del Governo di portare la Toscana in zona rossa ha dichiarato: “Sono sorpreso e amareggiato, i dati del contagio stavano migliorando' e ancora: 'Accetto decisione, ma i dati presi in esame sono vecchi' e dopo qualche giorno: 'Io lavoro perché si possa passare nella metà di dicembre a zona arancione…”

Presidente ci consenta una osservazione se, come non mettiamo in dubbio e i dati di questi giorni lo confermano, non c’erano i numeri per passare la Toscana dalla zona arancione a rossa, perché devono occorre così tanti giorni per tornare alla zona arancione visto che per passare alla rossa sono bastati pochi giorni soltanto?

Lei ha spiegato che: “il meccanismo del Dpcm è tale per cui passare dalla zona gialla a quella arancione, a quella rossa, è facilissimo ma poi risalire è difficilissimo, significa avere 14 giorni continui di dati ineccepibili…... Per questo ho ritenuto ingiusto che la Toscana sia finita in zona rossa'.

I meccanismi del Ministro Speranza sono contestati da tutte le Regioni e non pare corretto che per passare da zona arancione a rossa bastino pochi giorni e per tornare indietro ci voglia più di un mese.

Siamo in una situazione economica disastrosa e ogni giorno in più di zona rossa “non giustificata” dai dati aggiornati è una pugnalata al petto delle nostre attività economiche non garantite e delle partite IVA.

Per questo le chiediamo più decisione, più coraggio, più urgenza, nei confronti del Ministro per riportare la Toscana nella zona arancione fin da domenica 29 novembre, ove i dati continuino a consentirlo, come in questi giorni.

I danni che una zona rossa “non dovuta” in presenza di parametri propri della zona arancione, devono passare avanti ad ogni protocollo burocratico del Dpcm.

Non è tempo di burocrazia, ma di decisioni opportune e soprattutto veloci.

Contiamo sul suo impegno.

Alberto Baccini, Italia Viva di Lucca e i suoi Territori

Francesco Colucci, Riformisti x Italia Viva

Redazione - inviato in data 19/11/2020 alle ore 14.46.09 - Questo post ha 3 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- E''COME IL TAMPONE - da Anonimo - inviato in data 20/11/2020 alle ore 1.24.44
A beccarlo positivo ci si mette un secondo, ad uscire dalla quarantena ci si mettono decine di giorni!!

---------------------------------------
- Mi sfugge qualcosa - da Anonimo - inviato in data 19/11/2020 alle ore 17.13.19
Il dpcm coi colori non scade il 3 dicembre?

---------------------------------------
- La prossima volta la lettera mandagliela chiusa - da Anonimo - inviato in data 19/11/2020 alle ore 16.08.13
Tanto non sa fare a leggere.

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it