Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
venerdì 5 marzo 2021  
  Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto & dintorni Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Ministro Speranza non è tempo di sofismi

Il Presidente della Regione, Giani, ha più volte dichiarato che, sulla base dei dati scientifici raccolti, la Toscana è ormai saldamente nei parametri delle zone arancioni.

Approviamo le dichiarazioni di Giani e lo invitiamo ad essere coerente a portare avanti con decisione le riaperture delle attività economiche previste per le zone arancioni, almeno da sabato 4 dicembre, se non prima.

Fanno obbrobrio le voci informali del Ministero della Salute che sofisma sul fatto che la Toscana sia entrata in zona rossa il 14 novembre e che i 14 giorni di dati positivi, partono dal 15, come se il giorno 14 non contasse.

Comunque sia da domani 1° dicembre la Toscana è di diritto in zona arancione, mancando però i passaggi burocratici che lo ufficializzino.

Presidente Giani: chieda con forza che il Comitato Ministeriale Tecnico Scientifico che deve certificare l’avvenuto rispetto dei parametri scientifici per il passaggio alla zona arancione, si riunisca prima del previsto 3 dicembre, per consentire la riapertura delle attività economiche, almeno sabato 4 dicembre, come da Lei stesso ha chiesto.

Se il Ministro insisterà sui tempi dilatati, previsti dalla ottusa burocrazia, lo informi che un minuto dopo che il Comitato Ministeriale Tecnico Scientifico avrà certificato il legittimo passaggio della Toscana in zona arancione, Lei farà un decreto per aprire, dal giorno dopo, tutte le attività economiche concesse alla zona arancione.

Lasci che sia Speranza a decidere di ricoprirsi di ridicolo se impugnerà il suo decreto per aver bruciato quei tempi burocratici che stavano danneggiando migliaia di imprese e di cittadini toscani.

Ogni giorno perso, dal 1° dicembre, in burocrazia, ha costi rilevanti per l’economia Toscana.

In una situazione drammatica come questa devono contare solo i parametri scientifici e i costi economici e non i tempi biblici di una burocrazia stupida.

Presidente Giani, non si fidi delle mezze promesse del Ministro, valuti i pro e i contro ed agisca in fretta perché sulla riapertura della Toscana per sabato 4 dicembre Lei si gioca la faccia.

Francesco Colucci, Riformisti x Italia Viva

Redazione - inviato in data 30/11/2020 alle ore 10.17.54 - Questo post ha 2 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- colucci - da Anonimo - inviato in data 30/11/2020 alle ore 13.59.25
ci sono ancora 600 morti al giorno ma cosa vuole riaprire non ha visto a torino cosa è successo

---------------------------------------
- Lei si gioca la faccia - da Anonimo - inviato in data 30/11/2020 alle ore 13.25.39
Ma non è vero!!! Ok Giani non sarà perfetto ma sta facendo tutto quello che può, mica è Superman!

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it