Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
venerdì 5 marzo 2021  
  Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto & dintorni Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Potere al Popolo Lucca] Sugli attacchi di Family Day alla Rete Ready

L'associazione Family day di Lucca e Viareggio, diramazione locale del gruppo nazionale che da anni mette in campo iniziative contro le persone gay, lesbiche e trans - sostenute tra l'altro da organizzazioni di estrema destra italiane ed europee, come nel caso del cosiddetto 'Congresso della famiglia' di Verona del 2019 - con un comunicato si è scagliata contro cinque video della rete Ready (coordinamento di amministrazioni locali finalizzato a mettere in campo politiche comuni contro le discriminazioni e le violenze omotransfobiche) pubblicati sui canali social del Comune di Capannori.



Uno di questi viene preso particolarmente di mira per attaccare in modo denigratorio la figura di Mario Mieli, uno dei fondatori del movimento Lgbt italiano.



Quelli del family day sono evidentemente recidivi. È bene infatti ricordare che Silvana De Mari, una delle maggiori sostenitrici e collaboratrici dell'associazione in questione, nel 2019, a seguito della denuncia del circolo di cultura omosessuale Mario Mieli di Roma, è stata condannata per diffamazione nei confronti dei soci del circolo per alcune affermazioni denigratorie ed insultanti rilasciate nel corso di una trasmissione televisiva.



Stesso destino per il portavoce del Family day, Massimo Gandolfini, condannato nel 2015 per aver diffamato Arcigay.



Ci fa piacere sapere che questi omofobi finanzino le associazioni lgbt con i soldi che sono costretti a versare a titolo di risarcimento danni. Ci auguriamo che anche questa volta qualcuno li quereli, in modo da tramutare le loro parole insultanti in progetti contro l'omotransfobia.



Inoltre, come da sempre fanno, manipolano i dati sulle aggressioni fisiche subite da persone Lgbt, affermando che sono poche.



Tutti sanno che non esiste nel nostro Paese né un reato specifico, né un'aggravante per le violenze legate a motivi di odio omotransfobico, ed è per questo che la maggior parte dei casi che si verificano non vengono conteggiati come tali, ma censiti genericamente.



Il disegno di Legge Zan, in discussione alle Camere, cerca di porre rimedio a questa lacuna e a contrastare un fenomeno in costante aumento - come testimoniano quasi quotidianamente le cronache dei giornali - che solo i fomentatori di discriminazione e violenza negano.



Potere al Popolo - assemblea di Lucca

palplucca@gmail.com

via dei Paoli, 22 Verciano (Capannori)

Redazione - inviato in data 14/01/2021 alle ore 10.24.54 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it