Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
lunedì 8 marzo 2021  
  Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto & dintorni Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Vicolo San Carlo e la Lucca Romana

Quando, il Sindaco Fazzi decise la riapertura del vicolo, fece fare dei lavori di scavo sotto il manto stradale ed emerse una casa tardo-romana, molto ben conservata.

Chiedemmo allora, come APT, di procedere al consolidamento della casa, rendendola visibile, con una pavimentazione in vetro, per dare una occasione culturale in più ma anche di transito a vicolo.

Il Comune optò per la ricopertura delle vestigie storiche e per una pavimentazione a pietra.

Crediamo che forse converrebbe riscavare, con fondi pubblici dedicati disponibili e/o sponsor privati, non solo dove allora fu trovata la casa romana, ma anche nel resto dell’area, che certamente riserverà altre piacevoli soprese archeologiche, viste le ulteriori vestigie esistenti sotto il limitrofo ex cinema Mignon.

Realizzare una zona archeologica di origine romana visibile attraverso una pavimentazione trasparente renderebbe la zona molto interessante da visitare e quindi molto appetibile, per attività commerciali di ogni genere.

Manca a Lucca una valorizzazione della Lucca Romana, lo fa egregiamente solo un privato: la Domus Romana con la “Casa del Fanciullo sul Delfino” e poco altro esiste.

Il Teatro Romano è da sempre chiuso e abbandonato in mezzo alle erbacce, l’Anfiteatro è valorizzato prevalentemente come bellissima piazza. Anche qui quando furono scoperte le fondazioni e i muri dell’anello più esterno vi fu analoga richiesta, sempre ignorata, di valorizzare le vestigia, con una chiusura a vista.

Questa Pandemia ha ucciso il turismo anche a Lucca: sul Recovery Fund, ci siamo battuti come Italia Viva, per elevare dai 3 miliardi della prima orrida stesura Conte, agli attuali 8 miliardi, per interventi sul turismo e la cultura.

Vi saranno certamente stanziamenti a fondo perduto per allargare la proposta turistica italiana: per questo, come Riformisti, invitiamo il Comune di Lucca e la Soprintendenza a preparare Progetti per accedere ai finanziamenti che ci saranno, puntando a valorizzare le vestigia della Lucca Romana, creando anche una nuova occasione di visita per la città.



Francesco Colucci, Riformisti x Italia Viva

Redazione - inviato in data 20/01/2021 alle ore 18.48.28 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- MA VIA!! NON SCHERZIAMO!!! - da Anonimo - inviato in data 21/01/2021 alle ore 3.07.01
Non si può rendere Lucca un luogo di pavimenti trasparenti posti in essere per permettere l'inutile visione di vecchi muri sbreccati. Perfetto rendere dignitose le rovine del teatro romano. Ottimo aver reso visibili i resti sotto la basilica di San Giovanni (e ricordo le polemiche per la pavimentazione!!). Bello sarebbe un museo archeologico. Ma i pavimenti di vetro per le vie di Lucca no! Quelli no! Lucca non è un'area archeologica. Lucca è una città. O almeno si spera che lo sia ancora. Tra le altre cose inutile valorizzare i resti in cantina mentre il palazzo barocco che c'è sopra risulta mal tenuto e con la gronda mezza crollata.

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it