Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 24 ottobre 2021  
  Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa Lucca Curiosa  
  Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
LA DENUNCIA DELLA FUNZIONE PUBBLICA CISL DELLA TOSCANA

Sugli infermieri la Regione fa il gioco delle tre carte
Dichiara 1735 assunzioni, ma dimentica chi è andato in pensione: così i rinforzi Covid sono solo 458, un quarto di quanto dichiarato. Giuliattini: “A Giani consigliamo meno telecamere e più sopralluoghi nelle camere degli ospedali”
COMUNICATO STAMPA
“Sull’organico degli infermieri la Regione Toscana fa il gioco delle tre carte: sbandiera oltre 1700 assunzioni, ma se si tolgono quelli andati in pensione, in realtà sono solo 458 gli addetti in più per far fronte all’emergenza Covid, un quarto di quanto dichiarato. E nella maggior parte delle strutture sono addirittura diminuiti.” A dirlo è il reggente della Funzione Pubblica Cisl della Toscana, Mauro Giuliattini.
“Il numero di 1735 assunzioni di infermieri che la Regione dichiara essere avvenuto entro il 30 Giugno scorso – spiega Giuliattini – non tiene conto dei pensionamenti. Tra l’altro i dati forniti dalla Regione hanno forti discrasie anche con quelli ufficiali presenti nel conto annuale delle Asl.”
Per fare chiarezza la Fp-Cisl ha confrontato i dati forniti dalle Asl. Al 31 Dicembre 2017 gli infermieri complessivamente in servizio nelle 10 strutture del servizio sanitario regionale (Asl Toscana Centro, Estar, Fondazione Monasterio, Ispro, Aou Senese, Careggi, Asl Toscana Nord-Ovest, Mayer, Aou Pisana, Asl Toscana Sud-Est) erano 21298; al 30 Giugno scorso erano saliti a 21756.
“Se la matematica non è un’opinione – dice Giuliattini – e se le Asl non scrivono numeri a caso, l’emergenza Covid in Toscana è stata affrontata finora con complessivamente solo 458 unità in più rispetto a quelle presenti nel 2017; ma in molte realtà gli infermieri sono addirittura diminuiti.” E’ il caso della Asl Toscana Centro passata da 5927 a 5789 (-138), della Asl Toscana Nord-Ovest passata da 5693 a 5669 (-24), di Careggi passato da 2189 a 2177 (-12). A crescere sono in realtà solo Asl Toscana Sud-Est (+399), Aou Pisana (+148) e Aou Senese (+110), mentre Mayer, Ispro e Fondazione Monasterio registrano variazioni contenute.
“Tutto ciò – continua Giuliattini - ha gravato enormemente sulle spalle dei lavoratori in servizio, che sono in numero certamente non adeguato alle esigenze, in particolare se confrontati con i numeri di altre regioni. Carenze che spiegano bene anche le difficoltà a tenere il passo ed a garantire standard adeguati per la sanità non-covid, con agende sature e tempi di attesa per i cittadini-pazienti che continuano ad allungarsi.”
“Al presidente Giani – conclude il reggente Fp-Cisl – consigliamo di passare meno tempo alle inaugurazioni e davanti alle telecamere e di più nelle camere e nelle corsie degli ospedali, parlando con il personale del servizio sanitario regionale: quelli che per mesi abbiamo chiamato eroi nella lotta al virus, ma a cui chi dovrebbe si è ‘dimenticato’ di dare il cambio in trincea, lasciandoli da soli.”
Firenze,

Redazione - inviato in data 30/07/2021 alle ore 19.00.09 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it