Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
lunedì 29 novembre 2021  
  Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa Lucca Comics 2021 Lucca Curiosa  
  Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Valdinievole - Villa Basilica Poesia Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Da Ceva al Santuario di Montenero pedalando e pregando con “ Amore e Vita”.

Il racconto del “pellegrino pedalatore” Gianpiero Orsi

“Come accade di consueto ogni estate, questo mese di Agosto ha visto prendere il via dal Duomo di Ceva il 34° ciclo pellegrinaggio del gruppo “Amore e Vita. Dopo la S. Messa, celebrata dal capogruppo Don Franco, da sempre Padre Spirituale del Team Amore e Vita, ci siamo diretti verso Genova Nervi, passando attraverso gli Appennini liguri e con una sosta ad Arenzano. La seconda tappa del giro ha avuto, in una splendida giornata di sole, la magnifica cornice delle Cinque Terre, dove l’azzurro del cielo e del mare si fondono con il verde delle vigne del prezioso Sciacchetrà. La tappa ha presentato notevoli difficoltà, sia per le pendenze delle salite sia per i dislivelli altimetrici superati.

Il terzo giorno prevedeva la partenza da La Spezia, l’ascesa da Lerici a Monte Marcello, la discesa su Bocca di Magra, in un susseguirsi di panorami spettacolari e coloratissimi di verde e di blu. Dopo una breve sosta a Forte dei Marmi (dai simpatici e fortissimi cugini di Toni), ci aspetta un’altra impegnativa ascesa verso Monte Magno e l’arrivo nel tardo pomeriggio nel paese di Borgo a Mozzano; a cena abbiamo come ospiti graditissimi il patron Ivano Fanini con la moglie Maria Pia.

Giovedì 19 arriva il “tappone” del giro, con l’anello dell’Abetone: si sale verso Castelnuovo di Garfagnana, quindi si prosegue verso Castiglione di Garfagnana superando le pendenze del passo delle Radici, che si raggiunge dopo ben 57 km di salita; segue una discesa di 14 km. che porta il gruppo all’imbocco della salita finale verso l’Abetone, che raggiungiamo dopo altri 10 km. di salita; alla fine della giornata saranno quasi 3000 i metri di dislivello!

Il giorno successivo è prevista una tratta quasi del tutto pianeggiante con la salita finale verso Volterra. Prima però ci attende un appuntamento molto importante: la visita, alla sede storica dei ciclisti professionisti di “Amore e Vita” a Lunata, nei pressi di Lucca.

Ivano e Maria Pia Fanini fanno gli onori di casa. E’ una grande emozione per tutti, vedere nel nascente museo di “Amore e Vita” sfilare, di fatto, la storia del ciclismo italiano. Da Cipollini a Bartoli, da Magnusson (vincitore di tre tappe al Giro d’Italia, tra cui quella di Cuneo che Don Franco seguì in ammiraglia), a Gavazzi e Baronchelli, e tanti altri campioni; ma è ben evidente anche l’intreccio di fede di Ivano e Maria Pia attraverso gli incontri annuali con i santi Papi Paolo VI e Giovanni Paolo II: testimonianza viva della passione e della competenza di un uomo per il ciclismo vero e puro. Spicca tra tutte, una foto in bianco e nero che ritrae un Ivano poco più che ventenne con la macchina al seguito dei corridori insieme alla papa mobile di Paolo VI. La benedizione impartita da don Franco alla nuova sede di “Amore e Vita” conclude questa intensa ed emozionante visita.

Si giunge così all’ultimo giorno: da Volterra al Santuario della Madonna di Montenero, protettrice dei ciclisti della toscana.

Un ultimo saluto a Ivano Fanini, la visita al museo del santuario, dove fa bella mostra di sé la maglia donata nel 1° ciclopelligrinaggio femminile partito da Villanova nel 2001. Durante il pranzo, la cameriera ci mostra un simpatico articolo sul nostro pellegrinaggio apparso sul principale quotidiano Toscano “Il Tirreno”. Concludiamo con la partecipazione alla S. Messa e il ritorno a casa.

Sono stati sei giorni intensi e faticosi ma con ottimi e divertenti compagni di “squadra”. I chilometri percorsi sono stati 600, con un dislivello totale di oltre 8.000 metri.

La meta per il 2022 è già stabilita: Lourdes; dopo 35 anni ininterrotti di ciclo pellegrinaggi ritorniamo là, dove avevamo iniziato: ancora una volta per mettere noi e i nostri cari sotto la protezione della Vergine Maria.”

Gianpiero Orsi

Redazione - inviato in data 28/08/2021 alle ore 15.24.38 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it