Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 22 maggio 2022  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Soluzione NO-VAX

C'è una soluzione per risolvere i problemi no-vax: non si vogliono vaccinare? bene non si vaccinino! poi se si ammalano però non vadano in ospedale ad occupare il posto in terapia intensiva che mi potrebbe servire per un problema cardiaco e che loro usano al mio posto.
Si curino alla meglio, in piena libertà ed al di fuori dalla dittatura sanitaria a casa loro con tachipirina e aspirina o acqua di rose... facciano quello che vogliono: non vaccinandosi hanno rinunciato ad ogni diritto di essere assistiti dal sistema sanitario nazionale , cioè noi. Io non voglio pagare nulla per un no-vax (esclusi quelli che non possono essere vaccinati per altri motivi).
E poi così diamo anche una bella sfoltita ad una popolazione che di idioti ne ha anche troppi.

Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 11.07.01 - Questo post ha 17 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- chiarimento ISS - da Anonimo - inviato in data 25/10/2021 alle ore 23.05.47
Il primo chiarimento riguarda proprio la citata percentuale del 2,9[[[]]%[]], una percentuale 'peraltro riportata anche nelle edizioni precedenti''del rapporto. A questo proposito l'Iss dunque ne chiarisce il significato e puntualizza che 2,9[[[]]%[]] 'si riferisce alla percentuale di pazienti deceduti con positività per Sars-CoV-2 che non avevano altre patologie diagnosticate prima dell'infezione. La cifra peraltro è confermata dall'osservazione fatta fin dalle prime fasi della pandemia e ampiamente riportata in diversi studi nazionali e internazionali e rapporti anche dell'Iss', e cioè che 'avere patologie preesistenti costituisce un fattore di rischio'. Quello che in realtà i rapporti congiunti Istat-Iss stilati sulla base dei certificati di morte riportano è un altro dato, che mostra come 'Covid-19 sia la causa direttamente responsabile della morte nell'89[[[]]%[]] dei decessi di persone positive al test Sars-CoV-2', tiene a precisare l'Istituto.


Altra puntualizzazione riguarda la visione secondo cui avere delle patologie pregresse equivale necessariamente a un epilogo fatale come destino immediato: 'Non è corretto - scrive l'Iss - affermare che le patologie riscontrate nei deceduti Sars-CoV-2 positivi avrebbero comunque portato a decesso 'in tempi brevi'. Indipendentemente da Covid-19, la presenza di patologie croniche nella popolazione anziana è molto comune. Un recente rapporto dell'Istat indica che solo il 15[[[]]%[]] non ne soffrirebbe e che circa il 52[[[]]%[]] soffrirebbe di 3 o più patologie croniche. In considerazione del fatto che le patologie croniche rappresentano un fattore di rischio per decesso da Covid, e che queste sono molto comuni nella popolazione generale, non deve sorprendere l'alta frequenza di queste condizioni nella popolazione deceduta Sars-CoV-2 positiva'.Il secondo momento si sta concretizzando in questi giorni con la decisione della Giunta regionale di dare all’organismo una nuova veste giuridica in grado di gestire direttamente i fondi strutturali europei'.


La concomitanza di più patologie croniche nella stessa persona costituisce di per sé 'elemento di fragilità in genere compensato con appropriate terapie: il contrarre una infezione come Sars-CoV-2 si traduce in un aumentato rischio di complicanze e di morte', chiarisce ancora l'Istituto superiore di sanità.


'Sin dall'inizio della pandemia, infatti - si ricorda nella nota - è stato censito un eccesso di mortalità nella popolazione, cioè un numero di deceduti superiore a quello degli anni precedenti, le cui stime sono periodicamente riportate nel rapporto congiunto Iss-Istat. Si precisa che le patologie preesistenti riportate nel report, finalizzato alla caratterizzazione delle caratteristiche dei deceduti, vengono valutate da un gruppo di medici dell'Iss attraverso la revisione di un campione di cartelle cliniche ospedaliere inviate ad Iss dalle Regioni e Province autonome, e le patologie preesistenti riscontrate più frequentemente nei deceduti Sars-CoV-2 positivi sono riportate nella tabella 1 del report. Le più rappresentate sono: ipertensione, diabete di tipo 2 e demenza, patologie molto frequenti nella popolazione'.


---------------------------------------
- uno qualunque - da Anonimo - inviato in data 25/10/2021 alle ore 19.12.44
no vax..si vax..
PERSONE
ESSERI UMANI
..punto


---------------------------------------
- @furbetto - da Anonimo - inviato in data 24/10/2021 alle ore 13.30.52
Io sono non-vaccinato, che è diverso da dire no-vax, perché un no-vax invita gli altri a non vaccinarsi e io trovo irresponsabile spingere gli altri a tale scelta, se uno ritiene di aver motivo di vaccinarsi deve farlo.

Io però ho scelto di non vaccinarmi. E stando alle ultime analisi che ho fatto, non ho mai preso il covid, eppure sono sempre in giro. Il mio segreto? Un uso attento (ma tutt'altro che nevrotico) di mascherina e distanziamento.

E non l'ho mai preso. Senza vaccino. Dopo due anni e considerato che sono ogni giorno a contatto con persone, non è fortuna, è la prova, a mio dire, che A ME (quindi NON agli italiani, le cui scelte non voglio influenzare, ma A ME) il vaccino non serve.

A quel punto, considerato che le reazioni avverse al vaccino sono rare ma non zero... perché dovrei iniettarmelo?


---------------------------------------
- Furbetto… - da Anonimo - inviato in data 22/10/2021 alle ore 14.59.25
Il no-vax è solo un povero furbetto che scarica sugli altri le sue responsabilità.
Ma il difetto più grande dei furbi è pensare che tutti gli altri siano stupidi…
Insomma, caro no-vax, è inutile impapocchiare assurde spiegazioni pseudoscientifiche: sei solo uno squallido furbetto, e non convinci proprio nessuno


---------------------------------------
- oltre il ridicolo. - da Anonimo - inviato in data 22/10/2021 alle ore 13.18.57
Ma è vero che quello che ai veste come un pappagallo brasiliano è andato a far ridere fin lassù?
Speriamo non venga fuori che abita a Lucca!


---------------------------------------
- I decessi più alti sono... - da Anonimo - inviato in data 22/10/2021 alle ore 7.40.31
Iss: i decessi per Covid tra i non vaccinati sono 23 volte di più che tra gli immunizzati
Le persone che avevano ricevuto le due dosi, e sono decedute, avevano patologie pregresse o un'età avanzata. Tumori: la pandemia ostacola l'assistenza oncologica, neoplasie scoperte in fase sempre più avanzata



Milano, 20 ottobre 2021 - I morti di Covid non vaccinati sono 23 volte di più di quelli che avevano ricevuto la doppia dose, e sono deceduti comunque. Il dato emerge da un approfondimento contenuto nel report periodico sui decessi dell'Istituto superiore di Sanità (Iss).

Covid: il bollettino del 20 ottobre

Nella ricerca viene sottolineato il fatto che i morti per Covid-19 che hanno completato il ciclo vaccinale avevano un'età media più alta, 85.5 anni, rispetto ai non vaccinati, 78,3. Inoltre è chiara una notevole differenza riguardo al numero medio di patologie osservate: i vaccinati deceduti avevano circa 5 patologie preesistenti, mentre le vittime non immunizzate il 3,9.

Lo studio pubblicato oggi è basato sull'analisi di un campione di 671 cartelle cliniche relative a decessi avvenuti dal 01/02/2021 fino al 05/10/2021. In questo periodo i decessi per Covid sono stati 38.096, di cui 33.620 ha riguardato coloro che non avevano ancora ricevuto alcuna dose di vaccinazione, mentre solo 1.440 i decessi di vaccinati con ciclo completo, cioè il 3,7% di tutti i decessi di positivi avvenuti.


Green pass, tamponi in farmacia anche oltre l'orario e nei giorni di chiusura

Tra le patologie pregresse che hanno favorito il decesso per Covid, nonostante la vaccinazione ci sono cardiopatie (cardiopatia ischemica, fibrillazione atriale e scompenso cardiaco), demenza e cancro. Graziano Onder, direttore del dipartimento di Malattie cardiovascolari, endocrino-metaboliche e invecchiamento dell'Iss, spiega i motivi: 'Si ipotizza che i pazienti molto anziani e con numerose patologie possono avere una ridotta risposta immunitaria e pertanto essere suscettibili all'infezione da Sars-CoV-2 e alle sue complicanze pur essendo stati vaccinati. Queste persone molto fragili e con una ridotta risposta immunitaria sono quelle che possono più beneficiare di un'ampia copertura vaccinale dell'intera popolazione in quanto ciò riduce ulteriormente il rischio di infezione. Ridurre la circolazione del virus è il miglior modo per proteggerli'.





---------------------------------------
- ...per tutti... - da Anonimo - inviato in data 22/10/2021 alle ore 0.00.53
http://www.lavocedilucca.it/mobile/post.asp?id=89148

---------------------------------------
- a Soluzione no vax - da Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 19.44.04
''certo che se ascolta e legge solo notizie dalla TV di stato e non e stampa non libera,non capirà mai''
siccome sono uno curioso leggo molto e mi piacerebbe allargare l'orizzonte delle mie letture mi darebbe qualche indirizzo di stampa libera?

Grazie davvero
M.C.


---------------------------------------
- Soluzione no vax - da Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 19.01.14
Ma lei lo sa che i morti sono per lo più vaccinati 2 volte?lo sa che negli ospedali stanno curando i pazienti con reazioni avverse?si documenti da fonti serie ed attendibili prima di parlare.ha visto l'ultimo rapporto ISS?lo legga per bene e poi forse cambierà idea.certo che se ascolta e legge solo notizie dalla TV di stato e non e stampa non libera,non capirà mai. Ci stanno uccidendo ma non per il covid.presto per la fame che tutti noi dovremmo fronteggiare.vedra'che begli effetti ecomico/,politico/sociali avremmo.pensi alla fine che ha fatto la Grecia.poi riparliamo a cose fatte.

---------------------------------------
- Tasse - da Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 18.04.34
Le tasse le pagano anche i no vax e fino ad ora NON È OBBLIGATORIO vaccinarsi!!!...


88


---------------------------------------
- @ Fumo - da Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 17.56.28
i casi sono due, o non sa leggere o non comprende quello che legge.
Ho scritto: '''Per quanto riguarda i fumatori e gli alcolizzati il discorso è diverso per un motivo. A meno che non comprino sigarette e alcol all'estero se le comprano in Italia ci pagano talmente tante tasse sopra che coprono abbondantemente le spese che serviranno per curarli'''
cosa c'è che non capisce ? le persone che si ammalano per uno stile di vita sbagliato (e pagano le tasse per quel lusso) fanno parte della comunità che va curata normalmente. Coloro che pretendono di fare gli affari propri sapendo che mettono a rischio la vita di tutti gli altri si arrangino. Il mal voluto non fu mai troppo.
Poi ci sono gli scemi e quelli vanno curati perché non è colpa loro anche se sono democratici


---------------------------------------
- Lo sa quanti non curerebbe - da Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 17.05.36
Sa almeno quanti milioni di non vaccinati lei non curerebbe??

Se ne rende conto? Anche loro PAGANO LA SANITÀ CON LE TASSE...

le lascerebbe morire a milioni??


Ridicolo


---------------------------------------
- Fumo - da Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 17.00.35
Quindi chi fuma e ha problemi respiratori polmoni o tumori non va curato?...

I tossici ed alcolisti malati di patologie legate al loro modo di vita non si curano?..


Chi è obeso e non sta a dieta non si ricovera più???


Un vaccinato ma democratico


---------------------------------------
- @Soluzione no vax - da Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 16.16.40
Per quanto riguarda chi si droga lo considero anch'io un parassita e vista la scelta fatta non può scaricare i costi del suo vizio sulla comunità, e su questo siamo d'accordo.
Per quanto riguarda i fumatori e gli alcolizzati il discorso è diverso per un motivo. A meno che non comprino sigarette e alcol all'estero se le comprano in Italia ci pagano talmente tante tasse sopra che coprono abbondantemente le spese che serviranno per curarli. E non bevo e non fumo per cui non ne faccio una questione economica secca come fa lei.
Quando mi sono vaccinato (due volte) l'ho fatto perché ho in casa mio padre ultranovantennee e, soprattutto, perché non voglio finire intubato come alcuni amici.
Io credo che i no vax almeno un grazie dovrebbero dirlo a chi si è prestato a fare la cavia invece di offenderli. Ma lo so che non avverrà mai perché qui è tutto dovuto e la cosa più importante è la libertà di fare i c...i propri anche se danneggiano gli altri


---------------------------------------
- a PERFETTO - da Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 15.28.08
direi che è una soluzione ragionevole....

---------------------------------------
- Soluzione no vax - da Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 13.35.46
Spero per lei e i suoi familiari che non fumi,non si droghi e non sia un alcolista. Perché io spero tanto che anche queste tre categorie di parassiti non vengano curati.anche loro hanno avuto la possibilità di scegliere.ma lo sa quanto costa curate queste persone?prima di parlare usi il cervello.non pensi di essere nel giusto solo perché si è vaccinato e se lei vuole fare da cavia e libero di farlo.ma se si ammala e ci muore non chieda risarcimenti.nessuno glieli darà.ne'lo stato italiano ne le aziende farmaceutiche.si chieda il perché e se non lo capisce chieda lumi ad un medico vero,non uno ricattato pena radiazione dall'albo.detto questo anche se non mi pubblicherete l'articolo mi sono sfogata.

---------------------------------------
- Perfetto - da Anonimo - inviato in data 21/10/2021 alle ore 11.34.13
Però se si ricovera un vaccinato le spese le paga la ditta produttrice del vaccino

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it