Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 29 maggio 2022  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Unione Comuni Garfagnana modello per la salvaguardia della biodiversità

Progetti e occasioni formative per un coinvolgimento delle scuole al fine di creare maggiore sensibilità e attenzione alla cura del territorio e dei suoi prodotti che si riflette anche in termini turistici e di sviluppo sostenibile
A partire dagli appuntamenti sulla biodiversità realizzati durante “Garfagnana Terra Unica 2021”, l’Unione Comuni Garfagnana ha avviato un nuovo dialogo con le scuole, coinvolgendo gli studenti dell’indirizzo agrario e geometri dell’I.S.I. Garfagnana e dell’Alberghiero di Barga che, con l’aiuto degli insegnanti, si sono prestati a progettare e “condurre” un momento di confronto e indagine su argomenti e tematiche strettamente connesse alla natura della manifestazione.
Si è così realizzata una sorta di laboratorio fuori sede con numerosi esperti del settore agricolo e rappresentanti della biodiversità locale insieme ai quali i ragazzi hanno affrontato i principali temi della biodiversità della Garfagnana. Un’intervista a 360° in cui a turno i rappresentanti delle associazioni Api Garfagnana, APS Comunità del Cibo e dell’Agrobiodiversità della Garfagnana, Associazione Nazionale Città del Castagno, Associazione Sportiva Ricreativa Cascio, i delegati del Gruppo Acquisto Solidale di Barga e di Castelnuovo, del Movimento contro il cambiamento climatico della Valle del Serchio e dell’Università di Pisa (settore dello sviluppo rurale) si sono messi a disposizione degli alunni, che, a seguito della presentazione di una ricerca ed analisi territoriale realizzata preventivamente con i propri insegnanti, hanno sottoposto agli ospiti una serie di domande per approfondire gli aspetti più peculiari della produzione locale e della biodiversità per il settore terziario, in particolare legati all’azione dell’agro-biodiversità per la conservazione dei servizi ecosistemici, le opportunità relazionate a un mercato locale e sostenibile e al valore della conservazione e dello sviluppo di metodi tradizionali.
Grande soddisfazione da parte dell’Ente per il risultato dell’evento sia in termini di condivisione dei progetti messi a punto sul territorio per creare maggiore sensibilità e attenzione alla cura del territorio e dei suoi prodotti, il cui interesse si riflette non solo in termini agrari ma anche turistici e di sviluppo sostenibile, sia per l’approccio metodologico utilizzato, sicuramente da ripetere per dare continuità al coinvolgimento avviato con gli istituti scolastici.
Del resto, l’Unione Comuni Garfagnana non è nuova a iniziative di questo genere, incentrata sul far conoscere e promuovere risorse, prodotti locali e la biodiversità ad essa legata. Da anni, l’Ente porta avanti un’importante azione di salvaguardia nei confronti della biodiversità coltivata ed allevata, garantendo il recupero e la conservazione del patrimonio di specie e delle conoscenze e tradizioni e coinvolgendo, mediante compartecipazioni, le comunità degli agricoltori. Grazie all’attività del vivaio “Centro la Piana” – di cui ne è gestore –, dove si trova una sezione locale della “Banca Regionale del Germoplasma”, volta alla conservazione ex-situ e in-situ di varietà fruttifere e vitigni locali a rischio di estinzione, l’Unione opera nella promozione dell’agro-biodiversità mantenendo attivo il più numeroso gruppo di Coltivatori Custodi della Toscana ed ospita la sede della stessa “Associazione di Promozione Sociale della Comunità del Cibo e dell’Agro-biodiversità della Garfagnana”, nata a seguito del progetto di Istituzione della I° Comunità del Cibo e dell’Agro-biodiversità della Garfagnana, realizzato da questa Unione e finanziato da “Terre Regionali Toscane” sul PSR 2014/2020.
Forte della ventennale esperienza, oltre ad essere un modello per la salvaguardia della biodiversità, l’Ente è stato scelto come caso di studio per la biodiversità all’interno del progetto “Contracts 2.0”, finanziato all’interno del programma europeo “Horizon 2020” e di durata quadriennale, avente come scopo l’elaborazione di contratti agricoli innovativi nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente. Dal 2019, l’Unione Comuni Garfagnana opera all’interno di questo progetto internazionale con l’obiettivo di far conoscere i prodotti del territorio ad un palcoscenico che, ad oggi, vede coinvolti ben undici partner europei, impegnati nella protezione di questo tipo di patrimonio.
A tal proposito, si è appena concluso un ciclo di visite presso il Vivaio per lo studio di produzioni forestali certificate e la conservazione della biodiversità di interesse agricolo e alimentare da parte degli studenti del corso di studi in Scienze Forestali e Ambientali dell’Università di Firenze e di quelli della classe straniera dell’Ateneo Internazionale “Università per Stranieri di Siena” partecipanti al programma “HECUA–Study Abroad”.
Il Presidente dell’Unione Andrea Tagliasacchi esprime particolare soddisfazione per l’attività formativa avviata con i servizi dell’Ente in materia di Biodiversità e Turismo che intende coinvolgere sempre più i giovani e il sistema scolastico in percorsi di sviluppo territoriale, modello per la salvaguardia della biodiversità locale.

Redazione - inviato in data 03/12/2021 alle ore 14.56.15 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it