Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
sabato 21 maggio 2022  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Lucca macchiata da un monito inaccettabile: AI NO VAX ZYKLON B

Dopo le recenti parole accusatorie di Macron, le minacce di arresto dell’ex coordintore del Cts Miozzo e due anni di propaganda infamante nei confronti di coloro che, lo ripetiamo, hanno legittimamente scelto di non aderire alla terapia sperimentale, passeggiare nella città di Lucca e leggere questo augurio di morte di stampo nazista appeso in bella vista lungo due principali vie è un’ulteriore coltellata non solo alla recente memoria storica, ma soprattutto ai valori di quella democrazia che in Italia giace ormai senza vita sotto le spoglie della nostra Costituzione.
AI NO VAX ZYKLON B, il gas usato per sterminare gli ebrei, una frase piena di odio e di meschinità che non è dei dissidenti, dei cittadini disobbedienti, no! Arriva da parte di quella popolazione che ha deciso di ‘vaccinarsi’ per il bene dell’altro, per la comunità, da parte di coloro che si sono sacrificati per salvare i più deboli, quelli non egoisti, che pensano solo al bene comune: la tortura e la morte secondo il metodo della soluzione finale del regime nazista.
Ci si dovrebbe chiedere: perché siamo arrivati a questo punto? Perché questa cattiveria, ignoranza e pregiudizio?
Nonostante il 90% e oltre degli italiani siano vaccinati, è evidente che i contagi dilagano sia tra vaccinati che non, che le attività sono in crisi non tanto per la malattia in sé, che viene efficacemente curata anche con le terapie domiciliari, quanto per le regole e le limitazioni adottate; nonostante non ci sia un vero e proprio obbligo per legge, nonostante si voglia asserire di vivere in uno stato democratico in cui dovrebbe vigere la pluralità delle opinioni e la libertà di pensiero, il clima di odio e di meschinità è al culmine e il rischio di guerra civile dietro l’angolo. Come siamo arrivati a questo punto?
Fino ad ora se parte della popolazione ha protestato contro il green pass, definendolo una tessera discriminatoria come lo era stato il pass nazista e la tessera verde fascista (perché impedisce di lavorare, di prendere mezzi pubblici e di svolgere qualsiasi altra forma di attività), si è gridato allo scandalo: non si devono e non si possono fare paragoni con la storia di 75 anni fa! Ora non siamo in dittatura e non ci sono discriminazioni! A questo punto, dopo la lettura di questi cartelli di morte, secondo i metodi nazisti, nessuno grida più allo scandalo? Il silenzio non è ammissibile.
Tutti coloro che ricoprono un ruolo a livello amministrativo, politico, nella comunicazione, nella scuola, nelle istituzioni pubbliche e private, hanno una grande responsabilità nell’aver creato attraverso la comunicazione unidirezionale questo clima di terrore, divisione sociale, istigazione allo scontro e alla lotta contro quella minima percentuale che è diventata il capro espiatorio su cui far ricadere la colpa di un sistema economico al collasso.
Il Comitato Scuola Consapevole Toscana condanna senza se e senza ma questo riprovevole gesto e tutta la propaganda contro una parte della popolazione italiana che sta lottando per i diritti civili di tutti noi.
Chiediamo formalmente alle autorità cittadine di esprimersi con una condanna in merito a tale indecente gesto; il loro non esporsi sarebbe una forma di complicità e approvazione inaccettabile dello stesso. Ci auguriamo che sia questa l’occasione che faccia aprire gli occhi sulla gravità della situazione sociale, già tante volte da noi denunciata, e segni l’inizio di un nuovo modo di fare comunicazione: è necessario dare spazio a un’informazione corretta, al dialogo aperto alla pluralità delle idee e delle posizioni al fine di raggiungere un nuovo clima di tolleranza e accettazione dell’altro nel rispetto della persona umana.

Docenti, collaboratori scolastici, genitori
Comitato Scuola Consapevole Toscana

Redazione - inviato in data 09/01/2022 alle ore 10.12.27 - Questo post ha 11 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- che dire... - da Anonimo - inviato in data 10/01/2022 alle ore 17.28.14
siamo esseri umani. lo siete anche voi. spegnete la tv e disinstallate i social network, disiscrivetevi. la vita non è avere paura di ciò che è diverso, ma sapere perchè lo è e connettere le anime. tutti nel tutto. se non volete che questo diventi reale: https://m.youtube.com/watch?v=zTAFpQhaspY

---------------------------------------
- @mi devo confrontare con gente come te - da Anonimo - inviato in data 10/01/2022 alle ore 9.50.55
Io non so di chi lei parli. Tutte queste cose le penso da solo e le penso in realtà da molto prima del covid, solo che il covid ha esaurito quel goccio di sopportazione che ancora avevo.

Fino a una quindicina di anni fa, i concerti erano all'ordine del giorno, le ragazze cercavano avventure, l'arte aveva ancora qualcosa da dire, e se uno aveva voglia di lavorare lavoro lo trovava.

Il mondo è marcito dopo i primi anni del duemila, ma lo sopportavo.

Oggi ci sono solo adolescenti analfabeti, social media che detesto, politici di destra pefino a sinistra, e il grigiore squallido dell'esistenza umana dove è più facile morire di vecchiaia che arrivare alla pensione.

Se poi esiste un influencer che dice le stesse cose, buon per lui: ma le giuro che questa è tutta farina del mio sacco. Per due motivi: uno, gli influencer sono espressione di quella stessa cultura social-media che disprezzo, e due, sono troppo orgoglioso e individualista per seguire chiunque altro che me stesso, ascolto le opinioni di tutti ma seguo solo le mie, e le mie rivogliono il '68, e mi fa schifo un mondo che ha più paura di una malattia che degli scenari orwelliani verso cui stiamo andando.


---------------------------------------
- IL FRUTTO DELL'AVER CALPESTATO LA COSTITUZIONE - da Anonimo - inviato in data 10/01/2022 alle ore 3.16.47
La Costituzione parla chiaro. Chiarissimo. In modo netto. Lo Stato, se lo ritiene di interesse per la collettività, può imporre la vaccinazione obbligatoria.

Lo Stato, nella tarda primavera del 2021 avrebbe dovuto valutare, fare la sua scelta e portarla avanti. Invece hanno preferito iniziare la squallida caccia al cosiddetto no vax. Una caccia fatta attraverso una campagna sciatta e volgare, degna dei tempi in cui si credeva agli untori e attraverso le discriminazioni illegali sotto forma del cosiddetto 'pass'. Tutto questo ha tra le altre cose dimostrato che il salvatore della patria è tale solo per il rispetto internazionale di cui gode e non per la sua incapacità politica e culturale. Oggi, di fronte al fallimento di tutta la strategia introducono, finalmente, l'obbligo vaccinale, che si può condividere o meno, ma che è legale a tutti gli effetti. Non si tratta di formalismi. Si tratta di sostanza. Non rispettare le leggi ed in particolare uno stato che non rispetta le sue leggi produce le idiozie scritte su questi cartelli. Così come ne ha prodotte di altrettanto pesanti da certi cosiddetti 'no vax', espressione per altro assurda e ridicola.



---------------------------------------
- @gente che si è rotta.... - da Anonimo - inviato in data 09/01/2022 alle ore 23.23.35
Ma ti rendi conto di cosa scrivi ?
'siamo solo schifati da come il mondo ha reagito alla pandemia..'
'vorremmo, piuttosto vivere (entro i limiti della prevenzione e della legge) (?) come se il covid non esistesse affatto....'
'la nostra ribellione [[[]]...[]] contro il fatto che nessuno sembra più capace di pensare all'arte....'
Ho sottolineato i concetti che hai espresso: ti rendi conto delle fregnacce che scrivi ?
Sei capace di pensare con la tua testa o devi per forza ripetere a pappagallo ciò che scrive un certo influencer ?
Dai via... mi devo confondere con gente come te?


---------------------------------------
- @sarei pronto a scommettere - da Anonimo - inviato in data 09/01/2022 alle ore 19.09.54
Non le entra in testa che noi no-vax non vogliamo né pietà né vittoria, siamo solo schifati da come il mondo ha reagito alla pandemia e vorremmo solo lasciarci tutto alle spalle?

Noi no-vax non parliamo mai male di voi pro-vax, non deridiamo vaccini o vaccinati: non ne parliamo proprio! Noi rifiutiamo non il vaccino ma il mondo del 2020-2021.

Nessuno vuole attirare l'attenzione: vorremmo, piuttosto, vivere (entro i limiti della prevenzione e della legge) come se il covid non esistesse affatto, e non ci fosse questa caccia alle streghe contro di noi.

Noi disprezziamo quanto il covid vi/ci ossessiona. La nostra ribellione non è né contro il vaccino né contro di voi né contro il Governo, ma contro il fatto che nessuno sembra più capace di pensare all'arte, alla filosofia, o alla fi*a. Solo al covid.

Non siamo terrapiattisti: siamo gente che si è rotta il cazzo.

Mi creda.


---------------------------------------
- Sarei pronto a scommettere.. - da Anonimo - inviato in data 09/01/2022 alle ore 18.26.44
Questo manifessto è opera sicuramente di un no-vax per attirare l'attenzione sulla loro 'povera' condizione morale e spirituale.
Questi son capaci di tutto!!!


---------------------------------------
- Un no-vax risponde - da Anonimo - inviato in data 09/01/2022 alle ore 17.40.44
A me non offende per nulla. Le parole (e lo zyklon) le porta via il vento. Che si sentano liberi di infamarmi. Ve lo immaginate che mondo sarebbe se la gente dovesse tener per sé ogni pensiero per paura che offenda qualcuno?

---------------------------------------
- Da condannare - da Anonimo - inviato in data 09/01/2022 alle ore 17.31.12
Sicuramente da condannare, ma la libera scelta dei refrattari al vaccino lede fortemente la mia persona e le mie tasche. Obbligando migliaia di medici, paramedici, infermieri, os e quant'altro ad occupare il loro e tempo e le risorse del sistema sanitario ( denaro e attrezzature), quindi anche mie, a curare in gran parte i refrattari al vaccino e non la mia persona. Se aveste avuto coraggio e maggiore umanità non che amore per il prossimo, non saremmo mai giunti a questo scontro. Nascondete il vostro egoismo sotto le mentite spoglie di una falsa libertà facendo finta di non sapere che il essere liberi termina esattamente quando lede un mio diritto. Come si dice qua, volete la botte piena e la moglie ubriaca, volete fare come vi pare eludendo il principio sul quale si fonda la democrazia basato su l'osservanza delle regole e contestualmente volete usufruire dei principi di solidarietà accedendo ed intasando il sistema sanitario nazionale.

---------------------------------------
- Se le fanno - da Anonimo - inviato in data 09/01/2022 alle ore 13.02.04
Magari qualcuno che se le fa ed è vaccinato per smuovere voti

---------------------------------------
- Ma - da Anonimo - inviato in data 09/01/2022 alle ore 11.05.33
Dubito che questi signori si espongano tutti sottomessi alla regia superiore.

---------------------------------------
- inaccettabile... - da Anonimo - inviato in data 09/01/2022 alle ore 11.02.47
inaccettabile, ma obbligo per tutti ed una multa di 1000 euro a chi non si vaccina quello si, però!

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it