Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
venerdì 27 maggio 2022  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Produci lavora crepa

I “GOVERNATORI” VOGLIONO IL BENE DEI CITTADINI ?

A DUE ANNI DALLA PANDEMIA DA COVID ABBIAMO:

- 140.000 MORTI;

- 200.000 CONTAGI AL GIORNO ;

- 18.000 persone ricoverate;

- 1.800 persone in terapia intensiva;

- 300 morti al giorno.

Ora , in Cina con 3 casi di Covid, hanno chiuso per 10 giorni una citta di 12 milioni di abitanti, ma circa di altri 1,4 miliardi di abitanti cinesi sono liberi senza covid;

- In Italia molti dicono che non bisogna fare come la Cina perche' la c'è Un governo autoritario... e occorre invece lasciare tutte le attività produttive aperte, tutte le scuole aperte, tutte le attività del tempo libero e sport aperte;
- credo quindi che In Italia la corsa non e' quella di cercare soluzioni affinché la gente ( i cittadini) non si infettino e non si ammalino... ma al contrario, cercano con tutti i mezzi truffaldini di evitare di diventare arancione;

- In Italia , alcuni Presidenti di Regione come quello del Veneto o dell’Emilia, pensano di essere più furbi... e vanno oltre , dicono:

a) chiedono di non considerare i positivi asintomatici , anche se sappiamo che contagino anche loro con il rischio aumentare gli infezioni sintomatiche ;
b) sostengono che in Italia comunque l'occupazione delle terapie intensive , sono ancora basse, senza dire che sono basse solo perché le persone muoiono liberando le terapie intensive;
c) dicono che in Italia si fa troppo allarmismo e che la variante omicron e' poco piu' di in'influenza, senza dire che la nuova variante buca anche chi si e' vaccinato, e vanno a finire in terapia intensiva e muoiono (anche se in misura minore) i vaccinati ;
d) la Regione Emilia Romagna propone anche di fare il tampone a casa 'fai da te' e coloro che dichiarano di essere negativi possono circolare liberamente con il green pass ( quindi tutti direbbero di essere negativi) ...
e) infine dicono che per risolvere il problema dei troppi contagi e troppi morti, non occorre spendere di più per la sanità pubblica con assunzioni di personale medico e infermieristico, con sviluppo della medicina nei territorio, con acquisto di macchinario all'avanguardia, ecc...
- NO, questi “Governatori, SOSTENUTI DA QUALCHE ESPERTO DA STRAPAZZO , sostengono che il problema si risolve con LA CENSURA , senza più dare ogni giorno i dati sulla pandemia, così il PIL continuerebbe a crescere... e gli italiani vivrebbero felici e contenti con il motto : “ ' LAVORA, PRODUCI, E CREPA ' QUANDO IL VIRUS VUOLE...


Umberto Franchi

Redazione - inviato in data 17/01/2022 alle ore 18.09.33 - Questo post ha 6 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Produci, lavora, muori... - da Anonimo - inviato in data 18/01/2022 alle ore 12.40.28
Oltre che di corona-virus, di tanti incidenti sul lavoro dovuti al lavoro in nero, al profitto in nome della produzione e alla inosservanza delle norme di sicurezza, tanto non paga mai nessuno(all'infuori DELL'INAIL).



---------------------------------------
- indice del benessere... - da Anonimo - inviato in data 18/01/2022 alle ore 12.30.38
l'indice di benessere non c'entra nulla col PIL.
Basta studiarsi Cina o Brasile per capirlo.
Basta studiarsi cos'è il famoso 'sogno americano''di un tipo di società che non ha uguali di immobilismo e inesistenza di ascensori sociali.
Eppure i super ricchi ed il PIL abitano quel grande Paese!
E se volete un consiglio,
studiate!
Stamattina ascoltavo alla radio una economista che parlava in proposito.
Sul Lavoro non pagato (ne so qualcosa).
Lavori, ti promettono, dietro promesse continui a lavorare, si riempiono le tasche e li vedi ed osservi riempirsi le tasche standotene zitto, continuano con faccia di bronzo a promettere, MA NON TI PAGANO MAI, fino a quando uno non si trova di meglio.
QUESTO è METODO CORRENTE, salvo rari casi, di produzione PIL, almeno in tanti campi.
Il PIL sicuramente cresce,
IL BENESSERE SOCIALE NO.
E ci sono fior di economisti che lo fanno notare.
Ho smesso dopo esserci passato una sola volta (UNA) da quel vostro amato 'sistema'.
Sono uno di quelli che danno UNA sola possibilità, e chi mi conosce lo sa.
Appena diplomati o laureati esiste la storiella del tirocinio. Figuriamoci!!!
In quel caso, l'unico guadagno che ci può essere è starsene a casa e non spendere.
All'università, a suo tempo, con grande stupore dei presenti ho visto piangere un assistente sulla soglia dei sessanta che raccontava di aver passato l'esistenza, MENTRE PRODUCEVA PIL, dietro a PROMESSE.
Ho avuto fortuna di aver lavorato sempre con persone 'alla pari''in tutti i sensi, impegno di lavoro e moneta, forse proprio perché mi conoscevano.
Adesso ho un età, e la gran parte della vita l'ho alle spalle. Rifarei tutto ciò che ho fatto.
Comunque, se non cambiate paradigma socio-economico, una cosa è certa,
magari qualcuno, all'americana, diverrà anche super ricco,
ma in quanto a 'benessere''collettivo,
con il 'vostro''PIL, farete poca strada.



---------------------------------------
- INCURIOSITO - da Anonimo - inviato in data 18/01/2022 alle ore 9.14.28
mi sembra che qualcuno non si renda conto che state discutendo sul niente. Il PIL è solo un termometro. Se aumenta vuol dire che l'economia sta bene , c'è lavoro, e quindi meno povertà e disperazione e meno suicidi (che tra l'altro questi ultimi sono per la maggior parte fra piccoli imprenditori e no fra dipendenti pubblici e privati). Di cosa state parlando. Il PIL lo facciamo noi con il nostro lavoro.
Se la parola PIL vi disturba chiamiamolo 'indice del benessere' che poi è la stessa cosa.

Il PIL lo misuravano anche in Russia ai tempi dei soviet


---------------------------------------
- @PIL - da Anonimo - inviato in data 18/01/2022 alle ore 9.07.24
Secondo lei dunque le riaperture non sono per evitare suicidi di massa, psicosi e rivolte nelle strade, ma solo per il PIL?

Non sono ironico, vorrei capire meglio la sua posizione


---------------------------------------
- Bisogna vivere o... - da Anonimo - inviato in data 17/01/2022 alle ore 20.29.09
Bisogna vivere, oppure fare PIL???
Proprio il vostro caro PIL vi porterà alla catastrofe planetaria.
Son contento che non sarò ad osservare il collasso della specie,
per qualche decina di miliardesimi di metro.


---------------------------------------
- Non si può fare come la Cina - da Anonimo - inviato in data 17/01/2022 alle ore 19.55.32
Bisogna vivere, covid o non covid.

Qualcuno morirà, ci siamo scordati come di colpo che è normale che la gente muoia di qualcosa ogni giorno. Si DEVE vivere.


Punto due, parliamo non più in senso generale, parliamo di covid.

Ha infettato una persona su venti, al mondo. Diciannove persone su venti nemmeno sanno cosa sia.

Tra gli infettati, ha ucciso una persona ogni settanta. Sessantanove persone su settanta sono guarite in una manciata di giorni.

Una malattia con queste caratterstiche, è già assurdo che ci siamo degnati di considerarla.


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it