Home
 
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
martedì 20 ottobre 2020  
  ...in Toscana Altopascio Porcari Capannori Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit C.N.A. Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2020 Emergenza COVID19 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Lucca Curiosa Mediavalle - Val di Lima Necrologi Pescia - Valdinievole Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
ANGELICA RACCONTA. 'UN NATALE BOIA'

Lucca – Anno di grazia 1846 - Natale del Signore.

La lunga notte sta ormai svanendo. Le strade e le piazze di Lucca sono ancora punteggiate da pozzanghere melmose, ma adesso, per fortuna, il cielo si sta schiarendo. Da pochissime ore è già Natale, e fra poco dall’orizzonte sorgerà l’alba. Già da qualche giorno nelle case di tutti, anche dei più poveri e, a maggior ragione, in quelle dei ricchi, gli alberi di Natale sono stati addobbati, chi con poche cose, chi con tante, chi con molte di più, e a quest’ora certamente i regali più modesti, come i più costosi, saranno tutti sparsi a terra sotto l’albero. A mezzogiorno, nelle famiglie di molti lucchesi, perlomeno in quelle dei più fortunati, mentre un bel fuoco scoppietterà nel camino, di fronte alle dispense sarà un trionfo di tavole imbandite in maniera semplice, modesta e dignitosa, ma anche di tavole ricche e addirittura sfarzose, preparate con sontuosità ed allestite con ogni ben di Dio. Ma tutte, e dico tutte, avranno attorno al desco tanti parenti e amici per festeggiare insieme il Santo Natale, per mangiare, per brindare e per ridere felicemente in allegra compagnia. Però, purtroppo, nella sua casa tutto questo non avverrà, perché lui vive una vita da solitario, da emarginato, da orso, perché tutti lo scansano! A lui mancherà tanto quel calore umano che riscalda i cuori, il calore di un abbraccio, di una carezza, di un bacio, di una stretta di mano o di una parola buona. E’ come se lui stesso si fosse espropriato del tutto dell’emozione pura dell’amore e dell’amicizia, di questo ponte ideale di sentimenti che unisce e lega le famiglie e la gente di tutto il mondo, soprattutto il giorno di Natale. Lui è veramente inaccessibile, lui è solo, non ha amici e non ha nessun parente con cui festeggiare. Fra l’altro lui, non è nemmeno di Lucca, ed a Lucca è arrivato da Roma soltanto e solo per lavorare, peraltro senza guardare troppo per il sottile. Fra parentesi, nessun lucchese era disposto ad esercitare quel suo mestiere, né per ducati, né per soldi, né per quattrini, né per lire e nemmeno per tutto l’oro del mondo! E sapete perché? Perché il mestiere di Tommaso è quello del boia, e lui è tuttora l’odioso, malvagio e terribile boia di Lucca, o per meglio dire è il boia del Ducato di Lucca, il quale Ducato, a suo tempo lo ingaggiò, avendo l’urgente necessità di un boia permanente a Lucca, visto che era fin troppo costoso far giungere da Pisa, o da altre città, un boia, naturalmente in compagnia dei propri strumenti di morte. E tutto in osservanza del Codice Napoleonico, che aveva accresciuto a dismisura il numero delle pene di morte da condurre a termine, e in effetti, lui, Tommaso, il proprio lavoro, fin qui, l’ha sempre svolto impeccabilmente, come un autentico professionista, direi alla perfezione e con tantissima abilità e competenza. Egli, vive isolato come un appestato sopra ad un baluardo delle mura medioevali, in una casa che un tempo fu un’antica caserma dei bombardieri, e che tutti adesso chiamano, con una punta di inquietudine, per non dire peggio: “La Casa del Boia”, la quale casa è situata proprio sopra ad uno dei quartieri più disordinati e caotici della città, il quartiere del “Bastardo”. Purtroppo per il querulo e piagnucoloso Tommaso, ossessionato, tormentato, pentito e vinto dal dolore e dai rimorsi di coscienza, che da tempo ormai lo segnano e lo perseguitano, si profilano scenari bruschi, improvvisi e tenebrosi, atmosfere cupe, squarci di luce ed esplosioni di terrore. E così, sempre più spesso, egli rivive gli attimi tenebrosi e drammatici che precedono costantemente le esecuzioni capitali, ovvero le sentenze di morte da lui eseguite, e riascolta, per l’ennesima volta, il rullare cadenzato dei tamburi dei soldati borbonici, e rivede la folla, come sempre molto numerosa, assiepata ed euforica attorno al patibolo, ed i volti distrutti dei condannati a morte immobilizzati da un collare stretto attorno al collo. E guarda attentamente la ghigliottina che lui stesso ha azionato, e la tagliente lama che cade velocissimamente sul collo dei malcapitati criminali, decapitando in un sol colpo la loro testa, e scruta i corpi dei giustiziati che, uno dopo l’altro, piombano sotto il palco del supplizio, e osserva inorridito le loro teste mozze ruzzolare all’interno di un’orribile cesta. Adesso i primi raggi del sole penetrano attraverso la finestra riflettendosi sulle pareti, e come in un gioco diabolico di luci e di corpi interposti ad esse, disegnano sinistramente l’ombra di un avvoltoio che sembra nutrirsi delle interiora di un essere umano. Gli occhi del vecchio, colmi d’inquietudine mista a stupore e panico, fissano per qualche secondo quelle losche figure sui muri, poi, subito dopo, spaventato a morte, va a rinchiudersi in camera. Inganni satanici? Preannuncio di eventi terribili? Forze distruttive che vogliono distruggerlo per fargli espiare le sue colpe? Il boia è come paralizzato. Il suo volto è pallido e distrutto. Sembra un fantasma! Intanto, in lontananza, un organetto risuona per la strada. Fuori dalla camera invece alcuni gridano, altri schioccano la frusta, chi batte e chi bussa insistentemente! Il vecchio boia, ormai dimissionario e prossimo al pensionamento, è scioccato! Chi può mai essere a quest’ora se la porta di casa del temibile boia è chiusa a chiave? E poi, con lui non abita nessuno, lui vive solo come un cane! Dunque, chi mai sarà, se nessuno gli è amico e tutti quanti hanno paura di lui? Saranno dei malviventi? Giù, nella strada, un cane comincia ad abbaiare ripetutamente, proprio nel momento in cui le chiavi della sua camera tintinnano nella porta che ben presto si apre. Il boia non può credere ai propri occhi! Davanti a lui una fila di volti ben conosciuti; da Pietro Pagano a Michele Petroni, dal “Cabala” al “Faina”, dall’”Abbataccio” a Demetrio Prosperi, dal “Quere” a tanti altri ancora. Sono loro, le decine di condannati a morte sul patibolo con il taglio della testa, tutte decapitazioni che lui stesso ha eseguito servendosi di una rudimentale e artigianale ghigliottina, fra l’altro costruita da due valenti artigiani lucchesi. Ognuno dei condannati, tiene stretta sotto al braccio sinistro la propria testa mozzata e sanguinante, mentre con la mano destra impugna un’affilatissima ascia dal lungo manico, un’arma veramente terribile e letale, capace in un solo colpo di mozzare qualsiasi testa, persino quella del boia Tommaso! Per la sua terribile paura, il sangue del vecchio si ferma, e intanto, dentro di se, nella parte sua più intima e profonda, quel maledetto macellaio, semplicemente chiamato da tutti “Il Boia di Lucca”, sussulta di lussurioso raccapriccio! No, lui davvero non si sarebbe mai e poi mai fatto tagliare la testa. No! Il boia di Lucca non avrebbe mai subito un simile affronto, perché lui non è né un malandrino, né un brigante, né un assassino, e per giunta non ha mai commesso alcun tipo di furto, tantomeno sacrilego. No, lui è solo e soltanto un onesto lavoratore, che ha prestato per quasi vent’anni, con assoluta sollecitudine ed abilità, la sua preziosa opera al servizio di un piccolo Stato qual è il Ducato di Lucca. Punto e basta! Tommaso ha davvero passato una brutta notte! Non appena si sveglia dal suo lunghissimo e spaventoso sogno pervaso da inquietanti, torbidi ed allucinanti incubi, egli, ancora terrorizzato, frastornato e inebetito, urla e sbraita frasi sconnesse, apre la finestra e, per sfuggire ai suoi immaginari carnefici, compie un gesto disperato! Si getta coraggiosamente nel vuoto, proprio nel momento in cui un forte vento sale urlando fra lancinanti gemiti, gemiti talmente intensi e vigorosi da soffocare perfino il grido acuto che lancia il vecchio boia di Lucca mentre si sfracella orrendamente al suolo. Oggi, nell’anno del Signore 1846, per quasi tutti gli abitanti di Lucca, sarà certamente un Natale sereno, felice e gioioso, in particolar modo per Carlo Ludovico di Borbone, Duca di Lucca, per i suoi cortigiani, per i suoi soldati, per le milizie dei birri, per i religiosi e per il popolo tutto del Ducato. Senza dubbio però, non è stato così per lui, perché per il vecchio Tommaso Jona, giustiziere e carnefice a Lucca, questo Natale è stato davvero un Natale Boia.

ANGELICA C.


Nota dell’autore.

Quale fu la vera fine del Boia di Lucca, al secolo Tommaso Jona? Qualcuno lo sa? Io ho voluto immaginare così le sue ultime ore di vita, prima di morire. Ed ho scelto per lui una morte da suicida. A mio modo di vedere il vecchio boia era molto depresso. Secondo me, lui da tempo, aveva analizzato bene se stesso e la sua vita, facendo della sua esistenza un bilancio completamente negativo e, oltre ai suoi sensi di colpa, era depresso soprattutto per la totale mancanza di amore e di affetto e, anche perché sapeva bene che il suo futuro, pur breve che fosse, data l’età, sarebbe stato ancora più terribile del passato, e quindi l’unico modo per lui per porre fine una volta per tutte alle sue sofferenze, era quello di compiere un estremo gesto, era quello di suicidarsi, e forse questo mio racconto, chissà, può anche essere un piccolo rivelatore degli abissi infiniti dell’essere e della sua natura umana. Spero tanto che, in qualsiasi luogo lui si trovi adesso, ovunque egli sia, Tommaso il Boia non me ne voglia per la brutta fine che gli ho fatto fare! Non so se sono riuscita o meno nell’intento, ma con questo mio racconto, ho voluto immaginare il suo rimorso per aver giustiziato dei criminali, anche se, ovviamente, visti i tempi, era autorizzato a farlo, ed ho voluto ipotizzare il suo tormento e forse, in qualche modo, anche il suo pentimento. E’ certo però che indubbiamente lui aveva scelto un mestiere poco invidiabile, anche se, in effetti, era un mestiere semplice, ma pur sempre bisognoso di uno specifico addestramento, e poi, per quanto ne so, quella era un’attività anche molto ben remunerata. Ovviamente questa è stata una mia libera interpretazione con qualche piccola licenza in più. Tutto qui. So che Tommaso Jona venne assunto dal Ducato di Lucca nel 1826 e che dopo l’ultima esecuzione nel 1845, rassegnò le sue dimissioni, peraltro accettate e che il nuovo carnefice, tale Benedetto Paltoni, arrivò a Lucca il 10 novembre del 1847. Per esigenze di trama ho fatto “Morire” il boia di Lucca Jona, nel Natale del 1846, circa dieci mesi prima che arrivasse il suo sostituto. Ma per fortuna, dell’opera del suo successore non ce ne fu bisogno, in quanto, con un trattato stipulato il 5 ottobre del 1847, fra Carlo Ludovico e Leopoldo II, il Ducato di Lucca, uno dei più brevi ducati di tutta la storia d’Italia, passò al Granducato di Toscana, e il giorno prima di questo trattato, cioè il 4 ottobre, finalmente venne abolita la pena di morte. Mi scuso in anticipo per gli eventuali possibili errori nei quali, anche se involontariamente, posso essere caduta, evidentemente per non essermi ben documentata.

ANGELICA C.

Anonimo - inviato in data 24/12/2011 alle ore 14.48.11 - Questo post ha 1 commenti

QUANTO VALE LA TUA OPINIONE ?

Quanto vale il tuo diritto di parola ? FERMATI E RIFLETTICI UN SECONDO...
Quanto vale il tuo diritto di dire a tutti come la pensi e a ribattere e contestare le idee che non condividi ?

Oggi ci sono decine, centinaia di quotidiani on-line che ti forniscono la loro versione dei fatti, la loro visione del mondo.

LA LORO...

...qui puoi aggiungere la tua!

per saperne di più...

se vuoi continuare ad avere un giornale libero su cui puoi scrivere la tua opinione, anche in forma anonima, e leggere quella degli altri puoi farlo aiutando LA VOCE DI LUCCA con una donazione.
Quanto sei disposto a dare per avere questo tuo diritto ?

E’ possibile inviare le donazioni attraverso le seguenti modalità:

– bonifico bancario: intestato a CRISTOFANI COMUNICAZIONE presso Banco di Lucca - Sede , IBAN IT74J0324213700CC1014008372, ricordandovi di segnalare nella causale il vostro indirizzo email

– con conto paypal o altra carta di credito,

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
         
COMMENTI
- commento positivo - da Anonimo - inviato in data 25/12/2011 alle ore 22.08.18
Complimenti Angelica, perchè riesci a far 'entrare' il lettore dentro il racconto, comunicandogli la stessa angoscia e tensione che , probabilmente, provi anche tu mentre scrivi. Brava.

---------------------------------------
Gli altri post della sezione : Racconti Lucchesi

Per la Virilità Assoluta

Per la Virilità Assoluta di Emanuele Fusi 'L'essenza del Bushido è preparar.......
Anonimo - inviato in data 20/04/2019 alle ore 22.51.30

Racconto, BABBO NATALE E LA CAVERNA DEL CORAGGIO

per CAPITAN FUTURO BLOG di Chiara Franceschini Babbo Natale e la Caverna del Coraggio <.......
Anonimo - inviato in data 24/12/2016 alle ore 18.28.09

'EMMA E I SUOI FIGLI'

SIMONETTA SIMONETTI presenta il suo libro 'EMMA E I SUOI FIGLI' Venerdi 18 marzo alle ore 17,.......
Redazione - inviato in data 18/03/2016 alle ore 7.49.38

“Dieci minuti per uccidere...”

Francesco Caringella: presenta il suo libro “Dieci minuti per uccidere...” Sabato 19 marzo al.......
Redazione - inviato in data 17/03/2016 alle ore 17.42.36 (Ricevuto 1 commenti)

A L L U V I O N E - Poesia

Alluvione Vento fortissimo, pioggia oltraggiosa, acqua scura, acqua selvaggia e vor.......
Anonimo - inviato in data 12/10/2014 alle ore 20.34.34 (Ricevuto 2 commenti)

Poesia d'amore di un Aviatore alla sua diletta

O' tu meraviglia d'amore, il nostro amore, questo sentimento ossessivo immerso in acque ove nu.......
Anonimo - inviato in data 09/10/2014 alle ore 23.19.35 (Ricevuto 2 commenti)

Poesia d’Amore

Poesia d’Amore. Una devastante arsura, il mio breve respiro, la tua ombra, il tuo miste.......
Anonimo - inviato in data 28/09/2014 alle ore 13.44.08 (Ricevuto 1 commenti)

A PAOLA

Quando innamorato ti ho vista traversando mille strade, vie, vicoli e piazze, quando ho scoperto .......
Anonimo - inviato in data 24/09/2014 alle ore 19.48.32 (Ricevuto 4 commenti)

IL vangelo secondo l'apostolo Franco

Questo Vangelo mi e' dato in sogno da Franco e ve lo rivelo poco alla volta . Franco ha vissu.......
Anonimo - inviato in data 22/09/2014 alle ore 17.07.24

Il merlo e' triste

Il merlo e' triste triste quel merlo che ha donato l'alito di vita al creato.......
Anonimo - inviato in data 20/09/2014 alle ore 18.36.21 (Ricevuto 1 commenti)

mio amico Efron

Ciao mio amico Efron Tu dal tuo pianeta Zard Vedi tutti quanti Ma sei un pochino più avanti.......
Anonimo - inviato in data 04/09/2014 alle ore 20.26.26 (Ricevuto 2 commenti)

L'istinto questo sconosciuto

Spesso mi affaccio alla finestra e pensieroso sfido la nebbia mattutina cercando di deflorarla per g.......
Anonimo - inviato in data 03/09/2014 alle ore 14.33.08 (Ricevuto 2 commenti)

beata minchia ..poesia

Beata minchia Aperta o chiusa Non importa La vita dolore est Beata la ceppa du cazz<.......
Anonimo - inviato in data 02/09/2014 alle ore 19.43.55 (Ricevuto 5 commenti)

Io ve lo dico, ma tanto non capirete…..

Io ve lo dico, ma tanto….. Io mi domando e dico: Vuolsi così colà dove si puote? Sì, dico ques.......
Anonimo - inviato in data 01/09/2014 alle ore 16.36.26 (Ricevuto 3 commenti)

l'amore.mia poesia scritta

..per questa Voce di Lucca ho dedicato ai seguitori del blog.. AMORE si intitola <.......
Anonimo - inviato in data 25/06/2014 alle ore 20.10.20

Basta con feisbol ! ( nonna Anna )

Basta con feisbol ! mi chiamo Anna , ho 78 anni e sono nonna..ma questi nipoti stanno.......
Anonimo - inviato in data 23/03/2014 alle ore 16.40.10 (Ricevuto 3 commenti)

Formichine - piccolo raccontino lucchese

Formichine - piccolo raccontino lucchese Quando ero bambino , mio padre a volte esasperato da.......
Anonimo - inviato in data 19/03/2014 alle ore 20.19.26 (Ricevuto 2 commenti)

Quando la zia scuoiava il curignolo - RACCONTO

Quando la zia scuoiava il curignolo Quando ero piccolo e andavo a passare le vacanze al Piagg.......
Anonimo - inviato in data 18/03/2014 alle ore 17.13.23 (Ricevuto 8 commenti)

Prologo di Stravaganze: Fidarsi è bene, ma...

Prima parte: Per carità, è stato un incontro assurdo ai massimi livelli. Non quadrava nulla. Non .......
Anonimo - inviato in data 12/03/2014 alle ore 14.55.15 (Ricevuto 5 commenti)

i 4 DI LUCCA

Vannucchi al vibrafono Giusti Giampiero alla batteria e i fratelli Vito e Giovanni Tommaso pianofort.......
Anonimo - inviato in data 10/03/2014 alle ore 22.06.22

una domenica al campo sportivo. O meglio al ' campaccio ' fuori p ..

una domenica al campo sportivo. O meglio al ' campaccio ' fuori porta Giannotti. Il rettangolo di gi.......
Anonimo - inviato in data 04/03/2014 alle ore 16.19.41

Povero per colpa della crisi e ladro per necessità

Lucca friggeva sotto il sole. Sulle facciate di molte abitazioni le imposte erano quasi tutte serrat.......
Anonimo - inviato in data 03/03/2014 alle ore 14.16.18 (Ricevuto 4 commenti)

Breve storia di corna e di sangue.

Breve storia di corna e di sangue. Le sostanze che a mia insaputa quei luridi mi avevano somm.......
Anonimo - inviato in data 02/03/2014 alle ore 8.32.20 (Ricevuto 6 commenti)

Amore e botte da orbi - Mini storia

Zoppicavo come un branco d’anatre a passeggio. Quella stronza m’aveva sputato prima in un occhio, po.......
Anonimo - inviato in data 28/02/2014 alle ore 19.09.12 (Ricevuto 3 commenti)

Non scherzate col fuoco, altrimenti…

Avete mai avuto la sensazione di avere dei funghi nel cervello? Ebbene io sì! E allora cosa c’è da r.......
Anonimo - inviato in data 27/02/2014 alle ore 23.17.53 (Ricevuto 2 commenti)

Tutto il mondo è paese quando si parla d’amore.

Mi ricordo che una sera, io e mia moglie, eravamo in Francia in viaggio di nozze, andammo a cena in .......
Anonimo - inviato in data 25/02/2014 alle ore 16.46.49 (Ricevuto 1 commenti)

Il beone stanco

Ho la rabbia negli occhi. Ho bevuto! Ho bevuto ancora! Ho bevuto tanto. Ho in mano un'altra bottigli.......
Anonimo - inviato in data 17/02/2014 alle ore 20.52.51 (Ricevuto 3 commenti)

il 'PIU'' MIGLIORE - il Vanitoso

il piu' migliore e' LUI il piu' intelligente sempre LUI Lui LUI lui solo lui q.......
Anonimo - inviato in data 16/02/2014 alle ore 19.48.51 (Ricevuto 1 commenti)

13/02/2014 Ubaldo e la vaschina sotto le Mura. Racconto.
(Ricevuto 4 commenti)
11/02/2014 Le fedeli compagne di Ubaldo
(Ricevuto 7 commenti)
10/02/2014 PIOGGIA CONTINUA - IL Poetone
(Ricevuto 3 commenti)
03/02/2014 dove andavito ? - jonny POESIA IN 3d
(Ricevuto 1 commenti)
02/02/2014 IL CIELO - poesia - l'aviatore
(Ricevuto 3 commenti)
02/02/2014 Tutta la verità su Jonny
(Ricevuto 6 commenti)
02/02/2014 La lambarotta
30/01/2014 ANIME LEGGERE e FRAGILI - Luciferense
(Ricevuto 4 commenti)
23/01/2014 Lode al prosciutto Bazzone
(Ricevuto 2 commenti)
22/01/2014 Oh Garfagnini! - Poesia
(Ricevuto 2 commenti)
21/01/2014 ERO UN CRIMINALE.
(Ricevuto 2 commenti)
17/01/2014 CHE SOGNO
(Ricevuto 6 commenti)
16/01/2014 Ubaldo e la bambola - Racconto di pura fantasia
(Ricevuto 6 commenti)
14/01/2014 Quando muore un uccellino - Raccontino senza prete...
(Ricevuto 9 commenti)
12/01/2014 Ubaldo che ama l’inverno quando cade la neve. Racc...
(Ricevuto 9 commenti)
07/01/2014 POESIA 80
(Ricevuto 7 commenti)
03/01/2014 PITTARO - Poesia non per tutti
(Ricevuto 3 commenti)
30/12/2013 ULTIMO DELL'ANNO SCRAUSO
(Ricevuto 1 commenti)
30/12/2013 Lo strano crocevia – Racconto immaginario
(Ricevuto 3 commenti)
29/12/2013 Quando si dice amore. Racconto di reale fantasia.
(Ricevuto 14 commenti)
27/12/2013 La leggenda della lettera O' sul nocciolo dei datt...
(Ricevuto 1 commenti)
27/12/2013 Buona Notte Amore Mio
(Ricevuto 2 commenti)
26/12/2013 di Angelica: la Mantide Religiosa.
(Ricevuto 37 commenti)
24/12/2013 La mia rosa.
24/12/2013 NOTTE di NATALE - Racconto immaginario
(Ricevuto 4 commenti)
30/11/2013 CUORE INGRATO - Thriller
(Ricevuto 3 commenti)
29/11/2013 Il dramma della Vita e della Morte
(Ricevuto 1 commenti)
29/11/2013 VIAGGIO ANDATA E RITORNO. Dramma
(Ricevuto 2 commenti)
25/11/2013 LA RESA DEI CONTI - Dramma
(Ricevuto 4 commenti)
22/11/2013 Un ricordo di Paola.
(Ricevuto 2 commenti)
22/11/2013 Oh Paola
22/11/2013 Uomo Pozzanghera - Poetone di Lucca
(Ricevuto 10 commenti)
22/11/2013 Paola mia...
22/11/2013 a Paolo da Paola
22/11/2013 A PAOLA LA MIA AMATA
(Ricevuto 2 commenti)
09/11/2013 L'autunno
30/10/2013 forza Beppe cirienno
(Ricevuto 3 commenti)
15/10/2013 La Frusa e il suo grande amore, il Toscano
02/10/2013 AMORE OMOSESSUATO poesia
(Ricevuto 1 commenti)
23/09/2013 gino bartali
19/09/2013 Tina aveva un Pupo
(Ricevuto 1 commenti)
19/09/2013 E' amore?
(Ricevuto 4 commenti)
18/09/2013 Ti amo Franca
(Ricevuto 1 commenti)
18/09/2013 Svegliato dal silenzio...
(Ricevuto 2 commenti)
17/09/2013 La cometa di Halley
(Ricevuto 2 commenti)
16/09/2013 La visione del Sangue
(Ricevuto 2 commenti)
10/09/2013 VOLANDO
08/09/2013 Alla mia diletta
28/07/2013 Io il figlio del Prete
(Ricevuto 2 commenti)
18/07/2013 Anno 2065 – Italia - Il Parco delle Meraviglie
(Ricevuto 4 commenti)
17/07/2013 Amore Amore
(Ricevuto 1 commenti)
12/07/2013 Il PATTUME
(Ricevuto 3 commenti)
14/06/2013 Non correre per Me - Poesia per aviatore triste
(Ricevuto 3 commenti)
12/06/2013 Invito a pranzo con beffa......Storia
(Ricevuto 3 commenti)
05/06/2013 Lucca - poesia d'amore
(Ricevuto 1 commenti)
03/06/2013 Il Prosciutto di Papa'
(Ricevuto 4 commenti)
29/05/2013 Solitudine
(Ricevuto 1 commenti)
29/05/2013 Ti prego Donato non essere teso - poesia
(Ricevuto 2 commenti)
24/05/2013 dove sono andati ? Poesia di Demian
(Ricevuto 1 commenti)
21/05/2013 VIA DEI FOSSI ( SATIRA ) - er triviale
(Ricevuto 1 commenti)
15/05/2013 ANGELINA JOLIE SE LEVA LE TETTE- ER TRIVIALE
(Ricevuto 1 commenti)
06/05/2013 Che sfiga Bibino un nero nato albino - BY ER TRIVI ...
(Ricevuto 2 commenti)
17/04/2013 Franco detto Trombafoco - by er triviale
(Ricevuto 1 commenti)
16/04/2013 Er presidente ITALIANO : mettetece o straniero - ...
(Ricevuto 3 commenti)
11/04/2013 Er Senso... by Er Triviale
(Ricevuto 1 commenti)
10/04/2013 Pietro e Mauro si amano da gheis - ER TRIVIALE
(Ricevuto 2 commenti)
09/04/2013 Voglio riempirmi di TATUAGGI alla moda... ER TRIVI ...
(Ricevuto 2 commenti)
18/03/2013 Maltempo a Lucca e dialoghi de le genti - Er Trivi ...
(Ricevuto 3 commenti)
17/03/2013 Lucchesita''..ER TRIVIALE
(Ricevuto 3 commenti)
08/03/2013 Lucca a citta' der monno - er triviale
(Ricevuto 4 commenti)
08/03/2013 otto marzo- poesia ER TRIVIALE
(Ricevuto 5 commenti)
08/03/2013 8 Marzo
06/03/2013 Ricordi d’infanzia - Componimento
(Ricevuto 4 commenti)
06/03/2013 MAGNA E STA ZITTO - ER TRIVIALE
(Ricevuto 4 commenti)
05/03/2013 Veramente accaduto
(Ricevuto 2 commenti)
09/02/2013 Super Neccio Due
(Ricevuto 2 commenti)
09/02/2013 Super Neccio.
(Ricevuto 2 commenti)
06/02/2013 La fuggiasca. Angelica racconta
(Ricevuto 6 commenti)
06/02/2013 angelica da lucca
(Ricevuto 10 commenti)
02/02/2013 Venere nuda. Angelica racconta
(Ricevuto 8 commenti)
01/02/2013 L'ESODO DALL'ITALIA
(Ricevuto 1 commenti)
01/02/2013 Una travolgente gelosia - Angelica Racconta
(Ricevuto 1 commenti)
01/02/2013 poesia - Sola e Vecchia
(Ricevuto 2 commenti)
31/01/2013 Chi sono io? Angelica racconta
(Ricevuto 1 commenti)
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it