Home
 
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
venerdì 24 maggio 2019  
  ...in Toscana Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Degrado lucchese Elezioni 2019 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Mediavalle Necrologi Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Il mostro di Firenze una strage di Stato mai dichiarata come tale

IL MOSTRO DI FIRENZE, QUELLA PIOVRA CHE SI INSINUA NELLO STATO
Paolo Franceschetti, 16 dicembre 2007

Una strage di stato mai chiamata come tale.
Premessa.

Ho deciso di scrivere questo articolo dopo la vicenda del perito nella vicenda Moby Prince, sfuggito per miracolo alla morte; qualche giorno fa l’uomo, dopo essere stato narcotizzato da 4 persone incappucciate è stato poi messo in un auto a cui hanno dato fuoco. Si è salvato per un pelo, essendosi risvegliato in tempo dal narcotico. L’incidente è identico a molti altri capitati a testimoni di processi importanti della storia d’Italia. Non tutti però sanno che gli stessi identici incidenti sono capitati a molti dei testimoni nella vicenda del mostro di Firenze.Nella vicenda del mostro di Firenze è stato scritto tanto. E i dubbi sono tanti. Pacciani era davvero colpevole? C’erano veramente dei mandanti che commissionavano gli omicidi? Pochi si sono occupati invece di un aspetto particolare di questa vicenda: i depistaggi, le coperture eccellenti, le morti sospette
La vicenda del mostro, in effetti, per anni è stata considerata come un giallo in cui occorreva trovare il serial killer. In realtà la vicenda può essere guardata da una prospettiva assolutamente diversa, cioè quella tipica di tutte le stragi di stato italiane: l’ostinato occultamento delle prove affinché non si giunga alla verità, grazie al coinvolgimento della massoneria e dei servizi segreti; l’inefficienza degli apparati statali nel reprimere queste situazioni; l’impreparazione culturale quando si tratta di affrontare questioni che esulano da un nomale omicidio o rapina in banca e si toccano temi esoterici.Ripercorriamo quindi le tappe della vicenda per poi trarre le nostre conclusioni. Con la dovuta avvertenza che il nostro articolo non è volto a individuare nuove piste; non vogliamo discutere se Pacciani fosse o no colpevole, se il mostro fosse uno solo o fosse un gruppo organizzato, se dietro ai delitti del mostro ci sia la Rosa Rossa, come si è ipotizzato, o altre sette sataniche. Vogliamo analizzare la cosa dal punto di vista prettamente giuridico, evidenziando alcuni dati che nessuno finora ha abbastanza trattato.Il processo Pacciani.
Dal 1968 al 1985 vengono uccise otto coppie di giovani nelle campagne di Firenze. In 4 di questi duplici omicidi vengono prelevate delle parti di cadavere, seni e pube in particolare. Ricordiamoci questo particolare del pube, perché lo riprenderemo in seguito.

La vera e propria caccia al mostro comincia dopo il terzo omicidio, quando si capisce che dietro ad essi c’è la stessa mano.
Dopo errori giudiziari, e vicende varie, si arriva all’incriminazione di Pietro Pacciani nel 1994.
Appare chiaro che Pacciani è colpevole, o perlomeno che è gravemente coinvolto in questi omicidi. Gli indizi infatti sono gravi, precisi e concordanti: in particolare lo inchiodano il ritrovamento di un bossolo di pistola nel suo giardino, inequivocabilmente proveniente dalla pistola del mostro (una beretta calibro 22); l’asta guidamolla della pistola del Mostro, inviata agli investigatori avvolta in un pezzo di panno identico a quello poi trovato in casa Pacciani; e soprattutto un portasapone e un blocco da disegno, di marca tedesca, che verrà riconosciuto come appartenente alla coppia tedesca uccisa dal mostro. C’era poi un biglietto trovato in casa sua, con scritto “coppia” e un numero di targa corrispondente a quello di una coppia uccisa. Le intercettazioni telefoniche ed ambientali poi fecero il resto, mostrando che Pacciani mentiva, celando agli investigatori diverse cose importanti.

Eppure il processo fa acqua da tutte le parti. Tante cose, troppe, non quadrano in quel processo. Non quadra il movente, perché Pacciani – benché violento e benché in passato avesse già ucciso, per giunta con modalità che a tratti ricordano quelle di alcuni delitti – non sembra il ritratto del serial killer. Non quadrano alcuni particolari (ad esempio le perizie stabiliranno che l’uomo che ha sparato doveva essere alto almeno un metro e ottanta, mentre Pacciani è alto molto meno. Inoltre durante il processo alcuni dei suoi amici mentono palesemente per coprirlo, sembrando quasi colludere con lui. Perché mentono?

In primo grado Pacciani verrà condannato. In secondo grado verrà assolto.
L’impianto accusatorio, in effetti, era abbastanza fragile. Però proprio il giorno prima della sentenza di secondo grado, la procura di Firenze riesce a trovare nuovi testimoni (quattro) che inchiodano Pacciani e soprattutto riescono a spiegare il motivo di alcune incongruenze. Due di questi testimoni sono infatti complici di Pacciani e, autoaccusandosi, svelano che in realtà quei delitti erano commessi in gruppo.
Ma la Corte di appello di Firenze decide di non sentire questi testimoni, e assolve Pacciani. La sentenza verrà annullata dalla Cassazione, ma nel frattempo Pacciani muore in circostanze poco chiare. Apparentemente muore di infarto, ma Giuttari, il commissario che segue le indagini per la procura di Firenze, sospetta un omicidio.

Il caso Narducci.
Nel 2002 l’indagine sul mostro si riapre, ma a Perugia. Per capire come e perché si riapre però dobbiamo fare un passo indietro.
Il 13 ottobre del 1985 viene trovato nel lago Trasimeno il corpo di un giovane medico perugino, Francesco Narducci. Il caso viene archiviato come un suicidio, anche se la moglie non crede a questa versione dei fatti. E sono in molti a non crederlo. Anzi, da subito alcuni giornali ipotizzano un coinvolgimento del Narducci nei fatti di Firenze.
Nel 2002 la procura di Perugia, intercettando per caso alcune telefonate, sospetta che il medico Perugino sia stato assassinato e fa riesumare il cadavere.
Il cadavere riesumato ha abiti diversi rispetto a quelli indossati dal cadavere nel 1985. Altri, numerosi e gravi indizi, nonché le testimonianze della gente che quel giorno era presente al ritrovamento, portano a ritenere che il cadavere ripescato allora non fosse quello di Narducci, e che solo in un secondo tempo sia stata riposta la salma del vero Narducci al posto giusto. Indagando sul caso, il PM di Perugia, Mignini, scopre che il giorno del ritrovamento le procedure per la tumulazione furono irregolari; che quel giorno sul molo convogliarono diverse autorità, tutte iscritte alla massoneria, come del resto era iscritto alla massoneria il padre del medico morto e il medico stesso. E si scopre che il Narducci era probabilmente coinvolto negli omicidi del mostro di Firenze. Anzi, forse era proprio lui che, in alcune occasioni, asportò le parti di cadavere.
Le indagini portano ad ipotizzare una pluralità di mandanti coinvolti negli omicidi del mostro, che commissionavano questi omicidi per poi utilizzare le parti di cadavere per alcuni riti satanici.
In particolare, il Lotti confessa che questi omicidi venivano pagati da un medico. E con un accertamento sulle finanza di Pacciani verranno trovati capitali per centinaia di milioni, di provenienza assolutamente inspiegabile.

Vengono mandati 4 avvisi di garanzia a 4 persone, tra cui il farmacista di San Casciano Calamandrei, un medico e un avvocato, che sarebbero i mandanti dei delitti del mostro di Firenze.

Mentre per occultamento di cadavere, sviamento di indagini e altri reati minori (che inevitabilmente andranno in prescrizione) vengono rinviate a giudizio il padre di Ugo Narducci, e i fratelli di Francesco; il questore di Perugia Francesco Trio, il colonnello dei carabinieri Di Carlo, l’ispettore Napoleoni, l’avvocato Fabio Dean e molti altri, quasi tutti iscritti alla stessa loggia massonica, la Bellucci di Perugia, e alcuni di essi, compreso il padre di Narducci, collegati addirittura alla P2. Appartengono alla P2 Narducci, il questore Trio, mentre l’avvocato Fabio Dean è il figlio dell’avvocato Dean, uno dei legali di Gelli.

Depistaggi e coperture eccellenti.
In questa vicenda sono presenti ancora una volta i servizi segreti e i loro depistaggi, nonché tutte le mosse tipiche che vengono attuate quando occorre depistare.
In pratica l’indagine conosce una prima fase, che arriva fino al processo di appello di Pacciani, in cui essa scorre senza problematiche particolari, tranne ovviamente quella tipica di ogni indagine, e cioè l’individuazione dei colpevoli.
Ma appena si apre la pista dei mandanti si scatena un vero inferno.
Anzitutto lo screditamento degli inquirenti, che vengono derisi, sminuiti; vengono continuamente sottolineati gli errori fatti da costoro (come se fosse semplice condurre un indagine del genere senza commetterne); la procura fiorentina viene spesso presentata dai giornali come una procura che vuole a tutti i costi incastrare degli innocenti; Giuttari viene presentato come uno che vuole farsi pubblicità; un pazzo che crede alla folle pista satanista; quando il commissario è vicino alla verità lo si isola, oppure si cerca di trasferirlo con una meritata promozione (che però metterebbe in crisi tutta l’inchiesta).
Più volte giornali e televisioni annunceranno scoop fantastici tesi a demolire il lavoro di anni della procura di Firenze, e di Perugia.
Alcuni giornalisti che ipotizzano il collegamento massoneria – delitti del mostro – sette sataniche vengono querelati anche se le querele verranno poi ritirate.
Vengono fatte indagini parallele e non ufficiali di cui non vengono informati gli inquirenti. Il PM Mignini scopre che dopo l’ultimo delitto del mostro la polizia di Perugia aveva indagato su Narducci e sul mostro, e ciò risulta dai prospetti di lavoro, datati 10 settembre 1985. Ma di queste indagini non viene avvisata la procura di Firenze.
Ma in compenso anche i carabinieri, per non essere da meno, fanno le loro indagini parallele di cui non informano gli inquirenti.
Alcuni carabinieri confidano che anni prima avevano fatto un’irruzione nell’appartamento fiorentino del Narducci per trovare le parti di cadavere che il Narduci teneva nell’appartamento, ma che erano stati “preceduti”. Anche di questi fatti la procura di Firenze non viene informata. Queste indagini parallele erano coordinate a Perugia dall’ispettore Napoleoni, che pare agisse addirittura all’insaputa del suo diretto superiore Speroni (così scrive Licciardi nel suo libro)
Su Narducci c’era un fascicolo da tempo, ma il fascicolo venne smarrito, e ritrovato dopo anni privo di varie parti.
Così come scomparvero misteriosamente molti reperti che erano stato acquisiti durante le indagini, come la famosa pietra a forma di piramide trovata sulla scena di uno dei delitti.
Non manca poi – stando alla ricostruzione di Giuttari nel suo libro – anche il procuratore capo di Firenze, Nannucci (che è sempre stato contrario all’indagine sui mandanti) che avvisa un indagato, il giornalista Mario Spezi, dell’imminente indagine; questo fatto verrà segnalato alla procura di Genova che però archivierà la posizione del procuratore.
Infine, ci sono gli immancabili depistaggi dei servizi segreti deviati. Il Sisde aveva già dai tempi del terzo delitto preparato un dossier che ipotizzava che non fosse coinvolto un solo serial Killer, ma i componenti di una setta satanica che agivano in gruppo, e ciò appariva evidente da alcuni particolari della scena del delitto. Ma questo dossier – che porta la data del 1980 – non viene mai consegnato agli inquirenti di Firenze.
Il dossier era firmato da Francesco Bruno, consulente del Sisde.
In totale, sono tre gli studi commissionati dal Sisde che si persero misteriosamente per strada e non arrivarono mai sulle scrivanie degli inquirenti fiorentini. Guarda caso proprio quei dossier che ricostruivano la pista dei mandanti plurimi e delle messe nere.
Ma qualche anno dopo Francesco Bruno, intervistato, sosterrà che a suo parere il serial Killer è un mostro isolato, ancora in libertà.

Morti sospette.
Ci sono poi le solite morti sospette tipiche di tutte le grosse vicende giudiziarie italiane. Una vera strage, in realtà. O meglio, una strage nella strage. La prima morte sospetta è quella del medico Perugino trovato morto nel lago Trasimeno. Poi la morte di Pacciani per la quale la procura di Firenze apre un fascicolo per omicidio.
E poi la solita mattanza di testimoni.
Elisabetta Ciabiani, una ragazza di venti anni che aveva lavorato nell’albergo dove Narducci e la sua loggia massonica si riunivano e che aveva rivelato al suo psicologo, Maurizio Antonello (fondatore dell’Associazione per la ricerca e l’informazione delle sette) il nome di alcuni mandanti del mostro e aveva rivelato il coinvolgimento della Rosa Rossa nei delitti: Elisabetta verrà trovata uccisa a colpi di coltello, compresa una coltellata al pube, ma il caso venne archiviato come suicidio. Mentre lo psicologo Maurizio Antonello verrà trovato “suicidato”, impiccato al parapetto della sua casa di campagna.
Renato Malatesta, marito di Antonietta Sperduto, l’amante di Pacciani, che viene trovato impiccato, ma con i piedi che toccano per terra; uno degli innumerevoli casi di suicidi in ginocchio, che non fanno certo l’onore delle nostre forze di polizia subito pronte ad archiviare il caso come suicidio nonostante l’evidenza dei fatti.
Francesco Vinci e Angelo Vargiu, sospettati di essere tra i compagni di merende di Pacciani (il primo è anche amante di Milva Malatesta) trovati morti carbonizzati nell’auto.
Anna Milva Mattei, anche lei bruciata in auto.
Claudio Pitocchi, morto per un incidente di moto, che sbanda ed esce di strada all’improvviso, senza cause apparenti. Anche questa è una modalità che troviamo in tutte le vicende italiane in cui sono coinvolti servizi segreti e massoneria: Ustica, soprattutto, e poi nel caso Clementina Forleo, di cui ci siamo già occupati.
Milva Malatesta e il suo figlio Mirko, anche loro trovati carbonizzati nell’auto; una fine curiosamente simile a quella che volevano far fare al perito del Moby Prince poche settimane fa. La stessa tecnica. Così come la tecnica dei suicidi in ginocchio è identica a quella dei morti di Ustica e di tutte le altre stragi che hanno insanguinato l’Italia. Tecniche identiche, che fanno ipotizzare una firma unica: quella dei servizi segreti deviati.
Rolf Reineke, che aveva visto una delle coppiette uccise poche ore prima della loro morte, che muore di infarto nel 1983.
Domenico, un fruttivendolo di Prato che scompare nel nulla nell’agosto del 1994 e venne considerato un caso di lupara bianca.
E poi ce ne sono tanti altri. C’è il caso di tre prostitute, una suicidatasi, e due accoltellate, che avevano avuto rapporti a vario titolo con i compagni di merende, e chissà quanti alltri di cui si non si saprà mai nulla.
Un discorso a parte va fatto per Luciano Petrini. Consulente informatico, nel 1996 avvicinò una persona (anche lei testimone al processo) Gabriella Pasquali Carlizzi, dandogli alcune informazioni sul mostro e mostrando di sapere molto su questa vicenda; ma il 9 maggio fu ucciso nel suo bagno, colpito ripetutamente con un porta asciugamani a cui tolsero la guarnizione per renderla più tagliente. Nella casa non compaiono segni di scasso o effrazione. Conclusioni: omicidio gay. Nessuno prende in considerazione altre piste. Nessuno prende in considerazione – soprattutto – l’ipotesi più evidente: Petrini aveva svolto consulenza nel caso Ustica, sul suicidio del colonnello dell’aereonautica Mario Ferraro, quel Mario Ferraro che venne trovato impiccato al portasciugamani del bagno. Ma il fatto che sia stato ucciso – guarda caso – proprio con un portasciugamani, non induce a sospettare di nulla. Omicidio gay!?!?

Conclusioni
La verità sul mostro di Firenze non si saprà mai. Non si sapranno mai i nomi dei mandanti, perlomeno non di tutti.
In realtà, in questa vicenda molte cose sono chiare, molto più chiare di quanto non sembri a prima vista. Leggendo attentamente i fatti e i documenti è possibile farsi un’idea della vicenda, e delle motivazioni che spingono alcune delle persone coinvolte. Ma non è mio intendimento fare ipotesi, smontare tesi o costruirle. Non mi interessa poi così tanto capire se Pacciani era il vero mostro o fu solo incastrato. Se Narducci era il mostro, o se erano altri. Se Pietro Toni, il procuratore che chiese l’assoluzione di Pacciani e definì“aria fritta” l’ipotesi dei mandanti sia in mala fede oppure se gli sia sfuggito un “leggerissimo” particolare: che una simile mattanza di testimoni e di occultamenti presuppone un’organizzazione dietro tutto questo. E che a fronte dei depistaggi, delle sparizioni di fascicoli, dei tentativi di insabbiamento, l’ipotesi del mandante isolato diventa fantascientifica, perché in tal caso si impone di presupporre che tutti gli investigatori che si sono occupati delle vicende del mostro siano impazziti o si siano messi d’accordo per fregare Pacciani e gli altri e che tutti i testimoni siano morti per delle coincidenze.

Atteniamoci quindi ad un dato di fatto.
Quando in un indagine importante compare il binomio massoneria – servizi segreti, questo binomio indica che sono coinvolti dei mandanti eccellenti, al di là di ogni immaginazione. Ancora una volta la massoneria deviata riesce a mostrare tutta la sua forza, riuscendo a tacitare ogni tipo di delitti, purché siano coinvolte persone a loro legate. Non solo colpi di stato, stragi e altro, ma addirittura delitti come quelli del Mostro di Firenze. Il che porta a concludere che anche i morti legati alla vicenda Mostro di Firenze, che non sono solo le sedici vittime ufficiali, ma anche tutte le altre (i testimoni soppressi brutalmente e gli omicidi non individuati ufficialmente) possono essere considerati una strage di stato. L’ennesima strage compiuta con la connivenza di pezzi dello stato, resa possibile sia dalle complicità ad alto livello, sia dall’ignoranza degli organi investigativi, dalla loro impreparazione riguardo al modus operandi e alla struttura delle logge massoniche deviate e in particolare delle sette sataniche.
Ancora una volta viene in evidenza poi la totale inutilità delle norme giuridiche e processuali. Finché un PM che avvisa un indagato commetterà un reato minimo; finché l’occultamento di prove o di un fascicolo agli inquirenti, subirà un pena minima, destinata tra l’altro ad andare in prescrizione; finché l’operato dei servizi segreti rimarrà sempre impunito in nome del cosiddetto segreto di stato; finché il tempo massimo per le indagini preliminari, anche in reati così complessi, continueranno ad essere due anni; finché avremo questo sistema, insomma, la macchina giudiziaria sarà sempre paralizzata nel perseguimento di questo tipo di delitti, cioè i delitti che vedono coinvolti, a vario titolo, i colletti bianchi nel coprirsi a vicenda i reati da ciascuno di loro commessi.

Finisco questo articolo riportando le parole di un mio amico di infanzia, ufficiale dei carabinieri di un paese della Toscana. Mi ha detto: “Certo Paolo che dietro ai delitti del mostro di Firenze ci sono alcune sette sataniche legate a logge deviate della massoneria. I fatti di Perugia parlano chiaro. Noi spesso sappiamo chi sono e cosa fanno certi personaggi. Ma abbiamo l’ordine di non indagare. Vedi… Un tempo, se toccavi il tasto mafia – politica e indagavi su questo filone, o scrivevi un pezzo di giornale, morivi. Oggi la politica ha capito che è inutile uccidere per questo, perché i magistrati si possono trasferire, i reati vanno in prescrizione… insomma ci sono altri mezzi per insabbiare un’inchiesta. Ma il tasto delle sette sataniche, e dei coinvolgimenti eccellenti in queste sette, non si può toccare, altrimenti si muore. Pensa che ogni anno, in Italia, spariscono migliaia di bambini. Oltre ai dati ufficiali della polizia di stato, ce ne sono molti altri, Rom, immigrati clandestini, ecc. che non compaiono nelle statistiche. E questi bambini finiscono nel circuito delle sette sataniche, che sono collegate spesso al circuito dei sadici e pedofili, che pagano cifre astronomiche per video ove i bambini muoiono veramente”. E mi ha anche detto i nomi di alcune persone coinvolte, tra l’altro chiaramente ricavabili dal fatto di essere proprietarie dei luoghi in cui si svolgevano questi riti.
Questo mio amico non sapeva, all’epoca, che ero coinvolto anche io in vicende che riguardavano la massoneria deviata e raccontò queste cose con tranquillità, davanti alla mia fidanzata dell’epoca, mentre eravamo seduti in un bar. Tempo dopo, quando lo venne a sapere, e gli feci delle domande, negò di avermi mai dato quelle informazioni.
Ma, lo ripeto, quello che importa non sono i nomi. Non è se Tizio o Caio sia coinvolto, e in che cosa sia coinvolto. Anche perché il singolo nome talvolta può essere il frutto di un errore, di un tentativo di screditare qualcuno. E francamente a me non è questo che fa paura.
Ciò che fa paura è la vastità delle connivenze; il fatto che per delitti di questa gravità ed efferatezza ci possano essere coperture eccellenti e che la macchina della giustizia sia paralizzata. Il fatto che gli organi investigativi siano impreparati quando si affrontano vicende che sfiorano l’esoterismo e i servizi segreti deviati.
Eppure la vicenda del Mostro di Firenze dovrebbe interessare tutti, non solo gli amanti dei gialli, dell’horror e dell’esoterismo. 18 vittime ufficiali che potevano essere nostri amici, nostri partner, o potevamo essere noi; decine di vittime nella mattanza dei testimoni e delle persone coinvolte; centinaia di famiglie inconsapevoli coinvolte nella vicenda, che escono distrutte, alcune perché vittime del mostro, altre perché sospettate di essere familiari di un mostro. Il vero mostro in questa vicenda, non è solo chi ha ucciso ma anche tutte le persone che hanno coperto la verità, che in virtù dei loro legami con la massoneria deviata o con pezzi deviati dello stato hanno coperto, colluso, e taciuto. Il vero mostro è la massoneria deviata, che come una piovra si è insinuata in tutti i punti vitali dello stato. Il mostro di Firenze è solo uno dei suoi tentacoli.

Anonimo - inviato in data 08/11/2018 alle ore 12.41.32 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
         
COMMENTI
- Mostro di Firenze - da Anonimo - inviato in data 18/03/2019 alle ore 14.54.28
Se corrispondesse a realtà ciò che avete scritto, per quale motivo lo avrebbero fatto e perché proprio in Toscana e non in un’a Regione; che utilità possono aver avuto questi delitti?

---------------------------------------
Gli altri post della sezione : l'Altra Stampa

Europee: candidati di Fratelli d' Italia con condanne definitive

'Tra i candidati alle elezioni europee ci sono ben cinque condannati in via definitiva: quattro .......
Anonimo - inviato in data 23/05/2019 alle ore 10.10.12

Le parole e i fatti.

Mirandola (Modena) — Ha aperto il portone a calci, poi è andato dentro a rovistare nelle stanze. All.......
Anonimo - inviato in data 22/05/2019 alle ore 13.32.37 (Ricevuto 1 commenti)

Porti chiusi

per i migranti ma aperti per le armi. La vittoria dei portuali 'Bloccata la nave delle armi' g.......
Anonimo - inviato in data 21/05/2019 alle ore 13.43.57 (Ricevuto 1 commenti)

PROVOCAZIONE DELLA NATO IN ESTONIA

Si svolge in Estonia, dal 6 al 17 maggio, l'esercitazione Nato 'Tempesta di primavera' con la partec.......
Anonimo - inviato in data 21/05/2019 alle ore 11.09.39

Niente Pericolo Fascista in Italia ma..

Roma, 4 feb – Niente “pericolo fascista”. Niente trame nere. Niente pericoli dall’area dell’estrema .......
Anonimo - inviato in data 17/05/2019 alle ore 21.13.06

Una Falsa Fede

C’è una religione fatta di riti e solennità che puntualmente, ormai con scadenze annuali, chiede al .......
Anonimo - inviato in data 16/05/2019 alle ore 11.20.19 (Ricevuto 1 commenti)

Asssolte Casapound e Forzanuova da ricostituzione partito fascist ..

Non è dimostrato che Casapound e Forza Nuova siano un tentativo di ricostituzione del partito fascis.......
Anonimo - inviato in data 11/05/2019 alle ore 20.44.50 (Ricevuto 1 commenti)

L’antifascismo un fascismo al contrario

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it Al Salone di Torino io ci sarò. Con un libro. Alt.......
Anonimo - inviato in data 09/05/2019 alle ore 13.51.30

LA LOCOMOTIVA USA DELLA SPESA MILITARE MONDIALE E L-ITALIA GLI VA ..

Comitato promotore della campagna [#]NO GUERRA [#]NO NATO Italia 7 MAG 2019 — Manlio D.......
Anonimo - inviato in data 07/05/2019 alle ore 17.52.35

Sciogliere il Pd

Roma, 28 feb – Marco Mori, noto avvocato genovese, ha deciso di concorrere alle prossime elezioni tr.......
Anonimo - inviato in data 05/05/2019 alle ore 16.36.33 (Ricevuto 1 commenti)

Venezi, Ragghianti, eccetera

Uh? Siamo già al giorno dell'ennesima incensazione della Ven.......
Anonimo - inviato in data 05/05/2019 alle ore 15.12.44 (Ricevuto 2 commenti)

Oggi è Santa Fregna

Oggi è il giorno di 'Santa Fregna': ecco dove e perché si festeggia A Frosinone, in ciociar.......
Anonimo - inviato in data 03/05/2019 alle ore 14.03.30 (Ricevuto 1 commenti)

SINLAI: Cronache dall'altro 1 Maggio

Cronache dall'altro 1 Maggio, quello falso e viscido, ipocri.......
Anonimo - inviato in data 02/05/2019 alle ore 15.06.39

Casapound Lucca perde il Foro Boario

Nonostante le chiacchiere, Casapound a Lucca non potrà avere il Foro Boario. 'Apprendiamo.......
Anonimo - inviato in data 02/05/2019 alle ore 13.25.21

Rabbini Razzisti?

Due rabbini israeliani che insegnano in un'accademia religiosa di preparazione al servizio militare .......
Anonimo - inviato in data 01/05/2019 alle ore 20.02.42

Beatrice Venezi: il libro Allegro con ..

Tra spartiti e semiminime, biografie di compositori e di dir.......
Anonimo - inviato in data 29/04/2019 alle ore 16.11.27 (Ricevuto 1 commenti)

I FUCILATI DI FIRENZE

I FUCILATI DI FIRENZE (da LA PELLE di Curzio Malaparte) I ragazzi seduti sui gradini di S. M.......
Anonimo - inviato in data 26/04/2019 alle ore 17.20.38

La Memoria della Storia va ricordata Tutta

i partigiani comunisti che i miliziani fascisti combattevano per la bandiera di due dittature, una r.......
Anonimo - inviato in data 26/04/2019 alle ore 10.02.42

Non celebro il 25 aprile per sette motivi.

Non celebro il 25 aprile per sette motivi. Uno, perché non è una festa inclusiva e nazionale, ma è s.......
Anonimo - inviato in data 24/04/2019 alle ore 19.47.25 (Ricevuto 1 commenti)

Izabella Nilsson Jarvand vs Greta Thun ..

Izabella Nilsson Jarvand, anche lei giovane (ha 15 anni), an.......
Anonimo - inviato in data 24/04/2019 alle ore 12.58.43 (Ricevuto 1 commenti)

Ecco chi dirige la signorina Greta...

Chi c’è davvero dietro Greta Thunberg, la 15enne attivista svedese che ha iniziato la scorsa estate .......
Anonimo - inviato in data 20/04/2019 alle ore 12.48.02 (Ricevuto 1 commenti)

La presa in giro reddito cittadinanza: Card da 40 euro al mese

Reddito di cittadinanza, beneficiari delusi: cifre irrisorie. Bufera contro M5S 19 aprile 201.......
Anonimo - inviato in data 19/04/2019 alle ore 15.15.15

Assassinato a Lucca in via del Toro cuoco dello Sri Lanka

Un cittadino dello Sri Lanka è stato trovato morto nella sua abitazione in via del Toro. Sembrava al.......
Anonimo - inviato in data 17/04/2019 alle ore 17.02.51

C'è un film che non vorrebbero farvi v ..

Si chiama Unplanned -- è la storia (vera) di una donna che h.......
Anonimo - inviato in data 17/04/2019 alle ore 13.21.59 (Ricevuto 1 commenti)

l' Europa delle cattedrali gotiche è in via di dismissione

L’Europa delle cattedrali gotiche è in via di dismissione. La chiesa di Sant’Ignazio ad Amsterdam è .......
Anonimo - inviato in data 17/04/2019 alle ore 11.57.43 (Ricevuto 1 commenti)

Portare l'Italia fuori dalla Nato

Sostieni la campagna per l'uscita dell'Italia dalla NATO - per un’Italia neutrale. Comitato p.......
Anonimo - inviato in data 14/04/2019 alle ore 10.43.11 (Ricevuto 1 commenti)

I motivi per cui è necessario uscire dalla Nato. Subito!!!!

https://www.change.org/p/la-campagna-per-l-uscita-dell-italia-dalla-nato-per-un-italia-neutrale/u/24.......
Anonimo - inviato in data 12/04/2019 alle ore 16.23.38

Ma c'è differenza fra i fanatici islamici e i coloni ebrei?

a vedere https://www.ilfarosulmondo.it/cisgiordania-forze-israeliane-arrestano-bambini-palestines.......
Anonimo - inviato in data 09/04/2019 alle ore 11.20.12

08/04/2019 il fondatore della ONLUS a favore dei bambini afri...
(Ricevuto 1 commenti)
08/04/2019 Antifascismo senza Fascismo: il pretesto di un Nem...
(Ricevuto 1 commenti)
06/04/2019 GORBACIOV AL CONVEGNO DI FIRENZE SULLA NATO: ALLAR...
05/04/2019 Portare i Campi Rom nei quartieri Bene
04/04/2019 Zingari e Sicurezzs
(Ricevuto 2 commenti)
04/04/2019 Giovane Lucchese da modella ad attrice del Porno
(Ricevuto 2 commenti)
02/04/2019 CONGRESSO DELLE FAMIGLIE: un bilancio politico
30/03/2019 Verona, la famiglia e la graticola politico-mediat...
29/03/2019 'Italia, così si evita il suicidio demografico'
26/03/2019 Analizzando il “Programma di San Sepolcro” 100 an...
(Ricevuto 1 commenti)
23/03/2019 Allarme per le cimici cinesi
22/03/2019 NAZIONALITA''e CITTADINANZA
(Ricevuto 2 commenti)
20/03/2019 RISORSA SENEGALESE DA FUOCO AD AUTOBUS CON BAMBINI
(Ricevuto 1 commenti)
17/03/2019 Ma allora le Scie Cimiche esistono, quando gli par...
15/03/2019 CONVEGNO SUL 70° DELLA NATO
14/03/2019 Sergio Ramelli ucciso dai compagni a colpi di chia...
13/03/2019 L''idiozia di rimanere nella NATO. Ci costa 70 mil...
13/03/2019 Cannabis: leggeri …o svuotati?
(Ricevuto 2 commenti)
13/03/2019 Cannabis e psicosi mentale
(Ricevuto 1 commenti)
12/03/2019 Comunismo ed Omosessualità
12/03/2019 Diario di un infermiere: la tragica situazione del...
11/03/2019 Che Guevara implacabile contro gli Omosessuali
(Ricevuto 4 commenti)
07/03/2019 LA MORTE VIAGGIA SU AUTO ELETTRICA: LE VERITÀ SCOM...
05/03/2019 A CAMP DARBY LE FORZE SPECIALI ITALIANE
(Ricevuto 1 commenti)
03/03/2019 La barzelletta dell''Afganistan. Siamo proprio dei...
01/03/2019 SICURI CHE L'IMMIGRAZIONE SIA UNA COSA NEGATIVA??
28/02/2019 Drastico calo sbarchi' ADNKronos
27/02/2019 Tria e il bail-in...
25/02/2019 La Chiesa si trova all’interno di una crisi piena,...
24/02/2019 Uscire dall'EURO SI PUO'
22/02/2019 Brutale Pestaggio a Lucca contro un 15 enne
(Ricevuto 1 commenti)
22/02/2019 Gruppi di africani spezzano gamba 15enne a Lucca
(Ricevuto 1 commenti)
21/02/2019 Il messaggio di Tiziano Renzi ai domiciliari
(Ricevuto 3 commenti)
19/02/2019 Come uscire dall’Euro in 5 mosse.
(Ricevuto 2 commenti)
18/02/2019 La magistratura da sempre eversiva
16/02/2019 Beatrice Venezi indicata da «Forbes» tra gli und...
16/02/2019 COLTIVAZIONE DELLA CANAPA IN USA
(Ricevuto 2 commenti)
15/02/2019 Sanità. Lista d’attesa troppo lunga? Puoi andare d...
13/02/2019 Foibe: Una testimonianza inedita sulle crudeltà de...
13/02/2019 A Briga e altri comuni tricolore italiano accanto ...
10/02/2019 IN ITALIA PERICOLO TERRORISMO ANARCO COMUNISTA
06/02/2019 Foibe : Quelli dell’Anpi non capiscono un. C.. O
06/02/2019 Siria, l’altra faccia della medaglia contro le fak ...
(Ricevuto 1 commenti)
03/02/2019 L'AFFOSSAMENTO USA DEL TRATTATO INF (MISSILI NUCLE ...
01/02/2019 I Motti Dannunziani
01/02/2019 FERMIAMOLI!!!!!!!!!!
31/01/2019 1997 Blocchi Navali contro Immigrati col beneplaci ...
31/01/2019 Israele non vuole gli osservatori ONU nella Palest ...
27/01/2019 IL più lungo e sanguinoso genocidio mai commesso n ...
26/01/2019 israele: licenza di uccidere
25/01/2019 GINO STRADA CHIAMA “SBIRRI” I POLIZIOTTI, MA CHI E ...
25/01/2019 INVASIONE DI AFRICANI IN ITALIA ?
(Ricevuto 1 commenti)
25/01/2019 Il PISA : 9 Aprile 1909 è il giorno in cui tutto e ...
(Ricevuto 1 commenti)
23/01/2019 Mark Zuckerberg: il dittatore della nazione più gr ...
21/01/2019 Fregatura Quota 100 con penalità
21/01/2019 Come era l'Europa nel 2000
17/01/2019 NOMINATA LA NUOVA DIRETTRICE DELLA ASL ED ALCUNE S ...
17/01/2019 Se si tagliassero le spese m militari si potrebbe ...
(Ricevuto 2 commenti)
16/01/2019 Lo sfogo di un italiano Emigrato
(Ricevuto 2 commenti)
07/01/2019 'Ricordare Acca Larentia per dare un Paese miglior ...
06/01/2019 Per le famiglie coi figli nessun cambiamento dal G ...
06/01/2019 Angelini su 'dichiararsi preliminarmente antifasci ...
04/01/2019 Israele: la prepotenza fatta nazione
03/01/2019 Anno nuovo: cosa ci aspetta
02/01/2019 Fare i conti in tasca a Cgil, Cisl e Uil è un'impr ...
30/12/2018 Se Muori e sei 'Fascista' sei tu Colpevole della t ...
27/12/2018 La Costituzione italiana non è giuridicamente anti ...
26/12/2018 Continua la lotta al Foionco Mustelide vera rovina ...
(Ricevuto 2 commenti)
26/12/2018 Natale: Cosa dice la Bibbia?
(Ricevuto 1 commenti)
24/12/2018 Tapironnti crepuscolare una minaccia..
24/12/2018 I missili NUCLEARI Americani in casa nostra e que ...
(Ricevuto 1 commenti)
22/12/2018 IL M5s E GLI F-35
(Ricevuto 1 commenti)
21/12/2018 Può essere salvato l’euro? (di Joseph E. Stiglitz ...
20/12/2018 Il significato magico del Solstizio d’Inverno d
19/12/2018 Che succede in Europa? di Paul Krugman (Premio Nob ...
(Ricevuto 1 commenti)
19/12/2018 LUCCA, UNA CITTÀ VIVA : il mio colpo di fulmine
(Ricevuto 3 commenti)
17/12/2018 Lucca : auto donata per il bimbo disabile !
17/12/2018 Come lo Swift (banche) ricattò Benedetto XVI per c ...
16/12/2018 Come l'AUSTERITÀ causa disoccupazione e crisi sist ...
14/12/2018 Cipollini il Re Leone di Lucca dalle Stelle alle S ...
(Ricevuto 3 commenti)
14/12/2018 Non si deve, ma conviene: sosta in divieto? Quasi ...
(Ricevuto 1 commenti)
14/12/2018 Salvini, Hezbollah e dintorni
(Ricevuto 1 commenti)
13/12/2018 L’Israele di Netanyahu è il primo stato terrorista
(Ricevuto 1 commenti)
13/12/2018 Cura dei meningiomi cerebrali senza intervento chi ...
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it